Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Comunicati stampa Archivio Comunicati Stampa Comunicati 2011 DOMENICA 27 NOVEMBRE ULTIMO GIORNO DELLA `SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI'

DOMENICA 27 NOVEMBRE ULTIMO GIORNO DELLA `SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI'

25/11/2011

 

Si conclude domenica 27 novembre la terza edizione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti nata nell'ambito del Programma LIFE+ della Commissione Europea con l'obiettivo di sensibilizzare le Istituzioni e i cittadini sulle strategie e sulle politiche di prevenzione nella produzione dei rifiuti messe in atto dall'Unione Europea e che gli Stati membri devono perseguire.

Secondo i dati dell'Osservatorio Regionale Rifiuti di ARPAV, il Veneto anche nel 2010 ha confermato la propria posizione di avanguardia nella gestione dei rifiuti urbani raggiungendo il 58,3% di raccolta differenziata che corrisponde a 1,4 milioni di tonnellate di rifiuti raccolti in modo differenziato. Rispetto al 2009 la percentuale di raccolta differenziata è aumentata di altri 2 punti percentuali. Il raggiungimento di tale percentuale consente al Veneto di superare, ormai da quattro anni l'obiettivo del 50% stabilito dal Piano Regionale Rifiuti Urbani, collocandosi ai primi posti tra le regioni italiane per la percentuale di raccolta differenziata, e di avvicinarsi al 60%.

Grazie agli impianti di riciclaggio del Veneto, l'intera filiera del recupero raggiunga efficienze elevate: in media le percentuali di recupero variano dal 92% della plastica al 99% degli imballaggi in metallo, questo perché è molto diffusa la raccolta domiciliare anche del secco riciclabile che vede 332 comuni, corrispondenti al 46% degli abitanti residenti nel Veneto, applicare la raccolta domiciliare spinta, ossia la modalità domiciliare estesa a tutte le frazioni di rifiuto intercettate.
Ulteriori 143 mila tonnellate di rifiuti differenziati sono rappresentati dalle altre frazioni recuperabili quali RAEE, legno e rottami, indumenti e stracci, inerti e particolari tipologie di rifiuti che per la loro pericolosità devono essere smaltiti in modo appropriato e distinto dagli altri rifiuti (come medicinali, pile, imballaggi etichettati come tossici o infiammabili, solventi, etc) che sono conferiti prevalentemente alla rete di Ecocentri diffusi nel territorio regionale.
In totale in Veneto si recupera il 55,5% del rifiuto prodotto ma `la quantità' non è l'unico obiettivo come spiega Carlo Emanuele Pepe, direttore di ARPAV che afferma 'in linea con i principi della nuova direttiva comunitaria e allo scopo di passare dal mero concetto quantitativo di raccolta differenziata a quello qualitativo di produzione di materie prime seconde per l'industria, l'Osservatorio Rifiuti di ARPAV ha introdotto a livello sperimentale una stima della quantità di materia recuperata, togliendo dalle quantità raccolte gli scarti presenti nel rifiuto avviato a recupero, e considerando anche le quantità di spazzamento, rifiuti ingombranti e secco residuo avviati a recupero'. 'Inoltre ' aggiunge il direttore - sottolineo come ARPAV, attraverso l'Osservatorio Regionale Rifiuti svolga anche un ruolo di controllo affinché quanto recuperato venga indirizzato effettivamente agli impianti di recupero'.
ARPAV promuove la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti ARPAV con pagine specifiche nel sito www.arpa.veneto.it. Altre informazioni sulle azioni previste a livello europeo si trovano nel sito ufficiale della campagna http://www.ewwr.eu

 

Agenzia Ambiente Veneto - ufficiostampa@arpa.veneto.it
Azioni sul documento

ultima modifica 28/11/2011 12:39