Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Comunicati stampa Archivio Comunicati Stampa Comunicati 2012 Arzignano (VI). Incendio conceria Cadore

Arzignano (VI). Incendio conceria Cadore

02/04/2012

Arzignano (VI) – Domenica 1° aprile, verso le ore 9, il personale del Servizio di Pronta Disponibilità del Dipartimento Provinciale ARPAV di Vicenza è stato attivato per un incendio presso la Conceria Cadore di Arzignano in via del Lavoro (zona industriale). All’arrivo è stato accertato che l’incendio interessava soprattutto il magazzino e non aveva intaccato il reparto di stoccaggio vernici e solventi. Il personale di ARPAV ha eseguito dapprima verifiche analitiche di qualità dell’aria con metodi rapidi non rilevando particolari criticità nonostante la spettacolarità dell’evento. Successivamente si è proceduto al campionamento dell’aria, secondo le metodiche ufficiali, sia nella zona sottovento prossima all’opificio sia nella zona abitata collinare investita dalla nuvola di fumo. I primi risultati analitici, forniti dal Laboratorio ARPAV di Padova e relativi agli inquinanti organici di base, sono pervenuti verso le 16.30 e non hanno evidenziato situazioni critiche. I risultati relativi ai campioni destinati alla determinazione di IPA, diossine e furani saranno presumibilmente disponibili verso metà della corrente settimana. A fini precauzionali è stato comunque diffuso alle popolazioni interessate, tramite mezzo mobile, un messaggio concertato con Comune e Dipartimento di Prevenzione dell’ULSS, col quale si invitava a mantenere porte e finestre chiuse fino a esaurimento del fenomeno ovvero fino a cambiamento significativo della direzione del vento poi avvenuto nella mattinata del 2 aprile, cioè di oggi. Per quanto riguarda la matrice acqua si è riusciti, tramite l’attivazione del gestore della rete fognaria (Società Acque del Chiampo) a isolare la linea esterna delle acque meteoriche e a inviare quindi tutta l’acqua di spegnimento, presumibilmente contaminata, al trattamento di depurazione presso l’impianto di Arzignano. Per la natura del materiale in via di combustione e per la struttura dell’edificio interessato, si ritiene che l’evento potrà considerarsi esaurito completamente (cessazione completa dell’emissione di fumo) tra circa 48 ore. Oltre ad ARPAV, le forze impegnate nella gestione dell'emergenza sono state: Vigili del fuoco, ULSS, Carabinieri, Guardia di Finanza, Corpo Forestale, Polizia Locale, Protezione Civile, Acque del Chiampo e Arica.

 

Agenzia Ambiente Veneto - ufficiostampa@arpa.veneto.it
Azioni sul documento

ultima modifica 02/04/2012 17:51