Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Comunicati stampa Archivio Comunicati Stampa Comunicati 2013 Dolomiti e sicurezza del territorio. Frana di Cancia, monitoraggio 24 ore su 24 nel periodo a rischio

Dolomiti e sicurezza del territorio. Frana di Cancia, monitoraggio 24 ore su 24 nel periodo a rischio

08/11/2013

32 interventi di monitoraggio e previsione in tempo reale in occasione di temporali intensi, 134 bollettini previsionali, sorveglianza 24 ore su 24 con un servizio di reperibilità. Da maggio a ottobre, periodo in cui sono più frequenti fenomeni meteorologici intensi, Cancia centro abitato nel Comune di Borca di Cadore, investito nel 2009 da una frana che provocò due vittime e molti danni, è stato anche quest’anno sorvegliato speciale dall’Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione.

cumulonembi sulla Valbelluna ARPAV si attivò nel 2009, subito dopo la frana causata da una colata detritica dall’Antelao, con un servizio di previsione e monitoraggio meteorologico in grado di segnalare alla Protezione Civile locale la possibilità di temporali intensi. Da allora è stata adottata una procedura di protezione civile per tutelare l’incolumità degli abitanti, dei turisti e del transito sulle vie di comunicazione sotto il canalone. “Pensiamo sia un importante intervento di prevenzione, anche a tutela dei turisti che frequentano la zona in estate, periodo più critico per i temporali – afferma Carlo Emanuele Pepe, direttore generale ARPAV e aggiunge – la procedura prevede il coinvolgimento della Protezione Civile Regionale e di numerosi gruppi volontari di Protezione Civile, del Comune di Borca di Cadore, della Provincia e della Prefettura di Belluno, dei Vigili del Fuoco e dell’ANAS”.

In questi cinque anni ARPAV ha fornito un servizio di monitoraggio  e previsione di temporali intensi che rappresentano il principale innesco di colate rapide da maggio a ottobre, quando tali fenomeni sono maggiormente probabili sulla base di dati statistici. Il servizio consta nell’emissione quotidiana di un bollettino per la previsione di temporali intensi sull’area e un monitoraggio h24. Le informazioni utilizzate provengono in tempo reale dai sistemi radar e satellite, in presenza di temporali intensi il meteorologo di turno segue l’evoluzione dei fenomeni in collegamento con il sindaco di Borca di Cadore. I meteorologi di ARPAV hanno collaborato per un maggiore dettaglio analitico con l’Ufficio Idrografico della Provincia autonoma di Bolzano che ha messo a disposizione i dati del radar meteorologico di Monte Macaion (BZ) a integrazione dei radar ARPAV di Teolo (PD) e di Concordia Sagittaria (VE).

 

monitoraggio del temporale del 26 luglio 2013

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Agenzia Ambiente Veneto - ufficiostampa@arpa.veneto.it
Azioni sul documento

ultima modifica 22/09/2014 09:17