Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Comunicati stampa Archivio Comunicati Stampa Comunicati 2013 Inquinamento elettromagnetico in Veneto: l’ultimo rapporto ARPAV

Inquinamento elettromagnetico in Veneto: l’ultimo rapporto ARPAV

11/10/2013

Verona, 11 ottobre 2013 – E’ disponibile sul sito dell’Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione del Veneto l’ultimo aggiornamento del rapporto sull’inquinamento elettromagnetico in Veneto.
Scarica il documento:
http://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/agenti-fisici/file-e-allegati/documenti/documenti-campi-elettromagnetici/rapporto_regione_cem_2012.pdf

ARPAV, infatti, esegue annualmente controlli preventivi e strumentali su impianti radiotelevisivi, stazioni radio base ed elettrodotti, su specifica indicazione da parte della Regione del Veneto.

Rinviando al testo completo del rapporto si forniscono alcuni elementi rilevanti di sintesi.

IMPIANTI RADIOTELEVISIVI E STAZIONI RADIO BASE:
i controlli preventivi per le nuove installazioni

Gli impianti per le telecomunicazioni e la telefonia mobile sono oggetto di controlli preventivi, svolti su tutte le nuove apparecchiature prima dell’installazione, finalizzati alla valutazione complessiva del campo elettrico generato dagli impianti – radiotelevisivi e radiobase, nuovi e già esistenti - presenti nell’area interessata, la cui intensità deve essere inferiore alla soglia stabilita dalla normativa.

I risultati dei controlli

Negli ultimi anni situazioni di superamento delle soglie di legge sono state riscontrate solo in presenza di impianti radiotelevisivi e non su radiobase (telefonia mobile). L’aggiornamento dei dati sui controlli eseguiti a febbraio 2013 individua in Veneto solo tre siti, uno in provincia di Padova (Baone-Monte Cero) e due in provincia di Treviso (Valdobbiadene-Monte Barbaria e Fregona-Borgo da Re) dove il campo elettrico è ancora al di sopra dei limiti normativi.

La percentuale di siti con impianti radiotelevisivi risanati in Veneto è pari a circa l’83% contro il 55% della media nazionale, mentre per le stazioni radio base la percentuale di siti risanati nel nostro territorio è del 100% contro la media nazionale del 60%. In particolare, al 31 dicembre 2012, le stazioni radio base attive in Veneto sono 5.315 contro le 3.797 del 2006, con un incremento pari a circa il 40%.

ELETTRODOTTI:
la campagna di misura negli asili nidi e nelle scuole

L’attività di ARPAV sugli elettrodotti riguarda principalmente il controllo delle linee elettriche di alta tensione (a partire da 132 kV) e delle cabine elettriche. Per queste ultime recentemente è stata condotta una campagna di misura per la verifica dei livelli di campo magnetico prodotto da quelle collocate all’interno di asili nido e di edifici scolastici. Scopo dei controlli è accertare che il campo magnetico sia inferiore al valore di 10 microtesla. Tale soglia viene fissata dalla normativa come misura di cautela per la protezione da possibili effetti a lungo termine e non è, pertanto, indicativa di rischio immediato.

In tutte le scuole in cui le verifiche effettuate nel 2011 e 2012 abbiano riscontrato un superamento del valore di attenzione del campo magnetico (10 microtesla), sono stati effettuati dal gestore tutti gli interventi necessari al risanamento completo della situazione. I superamenti e i successivi risanamenti sono stati debitamente segnalati alle strutture interessate (scuole e comuni in primis). Nel corso delle attività del 2013 non stati riscontrati nuovi superamenti.

Agenzia Ambiente Veneto - ufficiostampa@arpa.veneto.it
Azioni sul documento

ultima modifica 22/09/2014 11:21