Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Comunicati stampa Archivio Comunicati Stampa Comunicati 2015 Balneazione. Mare veneto, lago di Santa Croce (BL), lago di Lago (TV) e lago di Santa Maria (TV) idonei alla prima campagna di controllo ARPAV

Balneazione. Mare veneto, lago di Santa Croce (BL), lago di Lago (TV) e lago di Santa Maria (TV) idonei alla prima campagna di controllo ARPAV

13/05/2015

AAV, Padova 13 maggio 2015 – La stagione balneare in Veneto inizierà il 15 maggio e si concluderà il 15 settembre, come stabilito dal Decreto Regionale n. 234 del 2 dicembre 2014 pertanto, come previsto dalla normativa, il 5 maggio è iniziata la prima campagna di monitoraggio, a cura di ARPAV e Guardia Costiera – Direzione Marittima di Venezia, sulle acque di balneazione del Veneto.
Per il 2015 la rete regionale di monitoraggio della qualità delle acque di balneazione in Veneto consta di 173 punti di controllo così ripartiti negli 8 corpi idrici in esame: 95 punti sul mare Adriatico, 1 sullo specchio nautico di isola di Albarella (RO), 65 sul lago di Garda, 4 sul lago di Santa Croce (BL), 1 sul lago del Mis (BL), 3 sul lago di Centro Cadore (BL), 2 sul lago di Lago (TV) e 2 sul lago di Santa Maria (TV).
Alla data odierna sono state analizzate le acque di tutti i punti del mare Adriatico, dello specchio nautico di isola di Albarella (RO), del lago di Santa Croce (BL), del lago di Lago (TV) e del lago di Santa Maria (TV). Su questi punti, sulla base dei risultati delle analisi effettuate da ARPAV, si conferma la piena conformità ai requisiti di qualità previsti per la balneabilità dal D.M. 30 marzo 2010 come evidenziato nel prospetto qui sotto riportato. Le restanti acque di balneazione del lago di Garda, lago del Mis (BL) e lago di Centro Cadore (BL), saranno campionate a partire dall’11 maggio e quindi nei prossimi giorni saranno disponibili i risultati analitici
Il monitoraggio delle acque da parte ARPAV proseguirà per tutta la stagione balneare con campionamenti mensili e solo in caso di valori anomali, il controllo sarà ripetuto per verificare la persistenza o meno del fenomeno inquinante e identificare le eventuali cause. Come negli anni scorsi, i risultati delle analisi saranno disponibili in tempo reale al pubblico sul sito di ARPAV www.arpa.veneto.it/acqua/htm/balneazione.asp oltre che inseriti nel “Portale acque di balneazione” del Ministero della Salute www.portaleacque.salute.gov.it. In entrambi i siti è anche possibile consultare il cosiddetto profilo delle acque di balneazione, una scheda dettagliata dell’area balneare, che riporta una serie di informazioni utili per il cittadino e per il turista, come la conformazione fisico-geografica dell’area, la facilità di accesso al mare, l’eventuale presenza di lido attrezzato, la possibilità di accesso per gli animali.
Ma ARPAV non si basa solo sui controlli dell’anno in corso: a gennaio la Regione, su proposta di ARPAV, ha adottato la classificazione delle acque di balneazione sulla base dei risultati delle analisi effettuate negli ultimi quattro anni (2011-2014). Quest’anno su un totale di 167 acque di balneazione in esame in Veneto, ben 162 erano risultate di classe “eccellente” e le restanti 5, tutte ricadenti nel comune di Chioggia, di classe “buona” (1 a Sottomarina e 4 a Isola verde). I risultati dettagliati sulla classificazione sono riportati nel rapporto “Qualità delle acque di balneazione del Veneto nell’anno 2014 e classificazione per l’anno 2015” e scaricabile dal sito internet di ARPAV.

Agenzia Ambiente Veneto - ufficiostampa@arpa.veneto.it
Azioni sul documento

ultima modifica 13/05/2015 10:53