Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Indicatori Ambientali Storico Clima e rischi naturali Clima Precipitazione annua - agg. 31/12/2016
Indicatore Obiettivo DPSIR Stato attuale indicatore Trend della risorsa
Precipitazione annua - agg. 31/12/2016 Qual è stata la piovosità nelle varie aree? S

DESCRIZIONE

La precipitazione cumulata nell’anno, e nei mesi dell’anno, costituisce una variabile meteorologica e climatologica basilare, necessaria per l’analisi dei processi idrologici ed idraulici e per le valutazioni relative alla disponibilità delle risorse idriche.
I dati di precipitazione annuale sono la somma, espressa in millimetri, delle rilevazioni della pioggia caduta, o dell’equivalente in acqua della neve caduta, effettuate dai pluviometri nel corso dell’anno. Sul Veneto sono operativi 160 pluviometri automatici in telemisura che acquisiscono un dato di precipitazione ogni 5 minuti.
Per ottenere informazioni di sintesi, i dati pluviometrici mensili puntuali sono stati interpolati utilizzando la tecnica del “ordinary kriging”, stimando successivamente i m3 di precipitazione caduti su superfici di 1 km2 aggregate successivamente per bacino idrografico e per l’intero territorio regionale ed infine ritrasformando il dato da m3 a mm.
I riferimenti statistici sono relativi agli anni del periodo 1992-2015 di funzionamento della rete di rilevamento con copertura dell’intero territorio regionale

OBIETTIVO

Per questo indicatore non è possibile definire un valore obiettivo, ma è possibile confrontare i dati dell'anno con la media nel lungo periodo (1992-2015).

VALUTAZIONE

faccina gialla Nel corso dell’anno 2016 sono mediamente caduti sulla Regione 1149 mm di precipitazione, la precipitazione media annuale riferita al periodo 1992-2015 è di 1103 mm: gli apporti meteorici annuali sul territorio regionale sono stati stimati in circa 21.164 milioni di m3 di acqua e risultano superiori alla media del 4%.

Clicca sulle immagini per scaricare i dati e visualizzare meglio la mappa

Tali apporti annuali risultano essere leggermente superiori alla media di riferimento.
I massimi apporti annuali sono stati registrati dalle stazioni pluviometriche di Monte Grappa loc. Valpore (Comune di Seren del Grappa - BL) con 2173 mm e di Rifugio La Guardia (Comune di Recoaro Terme - VI) con 2137 mm.
Le minime precipitazioni annuali si sono verificate nel Polesine (734 mm a Porto Tolle, 764 mm a Lusia e 792 mm a Concadirame) e nella pianura Veronese dove la stazione di Legnago, loc. Vangadizza, ha misurrato 771 mm di pioggia.

box giallo Dall'analisi della carta delle differenze di precipitazione annua rispetto alla media 1993-2015 si evince che le precipitazioni sono state, nella maggior parte del territorio regionale, superiori ai valori storici, soprattutto nella parte meridionale e orientale della regione, dove sono caduti dai 100 ai 250 mm di pioggia in più (circa il 15-25%) rispetto alla media. Su gran parte delle Prealpi, sulle Alpi meridionali ed in Comelico, invece, le piogge sono state inferiori alla norma del 10-20% con un scarto di circa 200-300 mm.

clicca sulle immagini per visualizzare meglio le mappe

Confrontando l’andamento delle precipitazioni mensili del 2016 con le precipitazioni medie mensili del periodo 1993-2015 si rileva che, effettuando una media su tutto il territorio regionale, gli apporti risultano:

  • superiori alla media nei mesi di febbraio (+250%), maggio (+57%) ed giugno (+49%);
  • vicini alla media in gennaio (-20%), marzo (+13%), agosto (-2%), ottobre (-4) e novembre (-12%).
  • molto inferiori alla media nei mesi di aprile (-37%), luglio (-28%), settembre(-32%), e dicembre (-97%).

 

Stima_delle_precipitazioni_mensili_2016.JPG

Precipitazioni mensili confrontate con le medie mensili del periodo 1993 - 2015

Clicca sull'immagine per scaricare il file dati

licenzalicenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

 

L’aggiornamento dell’indicatore con i dati dell’anno 2017 è previsto per marzo 2018.

Metadati
Data ultimo aggiornamento 16/11/2017
Fonte dei dati ARPAV - Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio
Fonte dell'indicatore ARPAV - Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio
Sorgente digitale dei dati SIRAV
Scopo
Unità di misura millimetri
Metodo di elaborazione I dati pluviometrici mensili puntuali sono stati interpolati utilizzando la tecnica del “ordinary kriging”, stimando successivamente i m3 di precipitazione caduti su superfici di 1 km2 aggregate successivamente per bacino idrografico e per l’intero territorio regionale ed infine ritrasformando il dato da m3 a mm. I riferimenti statistici ai 20 anni del periodo 1992-2014 di funzionamento della rete di rilevamento con copertura dell’intero territorio regionale.
Riferimento normativo
Valore di riferimento periodo (1993-2015)
Periodicità di rilevamento dei dati giornaliera
Periodicità di rilevamento dell'indicatore annuale
Periodicità di riferimento dal 1/1/1993 - al 31/12/2016
Unità elementare di rilevazione stazione di monitoraggio
Livello minimo geografico Puntuale
Copertura geografica regione
Aspetti da migliorare
Link utili http://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/meteo/riferimenti/pubblicazioni
DPSIR
  • D - Determinante
  • P - Pressione
  • S - Stato
  • I - Impatto
  • R - Risposta
Stato attuale
  • Positivo
  • Intermedio o incerto
  • Negativo
Trend della risorsa
  • In miglioramento
  • Stabile o incerto
  • In peggioramento