Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Temi ambientali Agrometeo

Agrometeo Nitrati

Bollettino di: Domenica 26 Febbraio 2017 alle ore 13

Periodo di emissione: 1 novembre - 28 febbraio

Vai alla legenda / Guida alla lettura              Versione PDF              Consulta l'archivio
 


 

Con il DDR n. 29 del 30.11.2016 è stato precisato che, limitatamente al corrente anno, il periodo del divieto continuativo di 60 giorni riguardante l'utilizzazione agronomica degli effluenti, dei materiali assimilati e delle acque reflue per le sole Zone Vulnerabili ai Nitrati, avrà inizio il 3.12.2016 e cesserà il 31.1.2017.
Restano confermati i divieti di spandimento nelle condizioni di terreni gelati, innevati, con falda acquifera affiorante, saturi d'acqua o con frane in atto.
LEGENDA
NFCondizioni non favorevoli allo spandimento Z.OZona ordinaria
FCondizioni favorevoli allo spandimento Z.VNZona vulnerabile
Tendenzialmente non favorevole allo spandimento
Tendenzialmente favorevole allo spandimento
Divieto assoluto di spandimento
Non soggetto a divieti inerenti lo spandimento

* Solo una parte del territorio comunale è compreso in una Zona Vulnerabile


Comunicazione divieti stagionali per la distribuzione agronomica

Zone Ordinarie: In data 15.02.2017 il periodo stagionale di divieto per lo spandimento dei liquami, acque reflue e deiezioni essiccate di avicunicoli, compresa la pollina disidratata, è concluso. Le attività si possono svolgere nel rispetto di quanto prescritto agli art. 4 e 5 allegato A) della DGR del 25 novembre 2016, n. 1835.

Zone Vulnerabili ai Nitrati:
Fino al giorno 28 febbraio 2017 permane il divieto per:
1) le deiezioni degli avicunicoli essiccate con processo rapido;
2) i liquami, i materiali ad essi assimilati e per le acque reflue su terreni senza copertura vegetale.

Per tutte le altre tipologie di materiale fino a fine febbraio il servizio Agrometeo Nitrati dell'ARPAV permane attivo quale strumento indicativo previsionale per orientare le attività di spandimento agronomico nel rispetto del Codice di Buona Pratica Agricola.

Per ulteriori informazioni, consultare il sito Direttiva Nitrati.

Come si legge il bollettino

Il bollettino viene prodotto giornalmente intorno alle ore 13.
Per ogni Comune ci sono tre caselle colorate, riferite rispettivamente ai 3 giorni successivi all'emissione; la data di riferimento è indicata in testa alla colonna.

Le caselle di colore  grigio scuro  indicano che il Comune in quel periodo è soggetto a divieto assoluto di spandimento agronomico.
Le caselle di colore  grigio chiaro  indicano che il Comune in quel periodo non è soggetto ad alcun divieto inerente lo spandimento agronomico.

Il bollettino previsionale fornisce le seguenti indicazioni:
- la prima colonna è riferita al giorno successivo a quello di emissione, e può essere colorata in rosso o in verde; se il colore è  rosso , le condizioni meteorologiche risultano non favorevoli allo spandimento; se il colore è  verde , le condizioni meteorologiche risultano favorevoli allo spandimento nel giorno successivo a quello di emissione del bollettino;
- la seconda e la terza colonna possono essere colorate in rosa o in verde chiaro; se il colore è  rosa , significa che la tendenza previsionale indica condizioni non favorevoli allo spandimento; se invece il colore è  verde chiaro  significa che la tendenza previsionale indica condizioni favorevoli allo spandimento, che saranno confermate con il bollettino del giorno immediatamente precedente alla data indicata.

Alcuni comuni sono compresi parzialmente in Zone Vulnerabili; per questi casi si riporta una duplice indicazione su due diverse righe, la prima per la parte compresa in Zona Ordinaria (Z.O) e la seconda per la parte compresa in Zona Vulnerabile ai nitrati di origine agricola (Z.VN).

Torna in alto