Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Servizi ambientali Rischio Industriale Inquadramento normativo

Inquadramento normativo

Lo studio e la regolamentazione del rischio di incidente rilevante: l'evoluzione della normativa

L’analisi e la regolamentazione del rischio di incidente rilevante sono state avviate per la prima volta, nell’ambito della Comunità Europea, con la Direttiva 82/501/CE (detta “Direttiva Seveso”), in seguito all’incidente avvenuto all’ICMESA di Seveso (Mi) nel 1976, quando vi fu un’emissione di diossina in atmosfera. 
In Italia, tale direttiva è stata recepita con il DPR 17 maggio 1988 n° 175 e successive modifiche o integrazioni.

Nel corso degli anni seguenti l’applicazione della direttiva comunitaria ha condotto ad una revisione della stessa, con l’emanazione della Direttiva 96/82 (detta “Seveso Bis”), recepita in Italia con il D.Lgs. n° 334 del 17 agosto 1999, che ha abrogato quasi integralmente il DPR 175/88. Al D.Lgs. 334/99 sono collegati numerosi decreti applicativi, tra cui il Decreto Legislativo n. 238 del 21 settembre 2005, che ha recepito la direttiva 96/82/CE come modificata dalla direttiva 2003/105/CE (detta "Seveso Ter").

Il Parlamento Europeo ed il Consiglio dell’Unione Europea ha emanato il 4 luglio 2012 la nuova direttiva 2012/18/UE (denominata “Seveso III”) sul controllo del pericolo di incidenti rilevanti connessi con sostanze pericolose. Tale direttiva, recepita in Italia con il decreto legislativo n 105 del 20 giugno 2015, sostituisce integralmente a partire dal 1 giugno 2015 le precedenti 96/82/CE (cd. “Seveso II”), recepita in Italia con il D.lgs 334/99, e 2003/105/CE, recepita con il D.lgs. 238/05.

L’evoluzione del quadro normativo traccia con chiarezza il mutato approccio che la Commissione Europea e la comunità scientifica hanno delineato. Si passa, infatti, da un iniziale concetto di sicurezza rivolto principalmente alle installazioni industriali e ai lavoratori, ad uno che vede le attività produttive nel contesto territoriale, urbano ed ambientale in cui sorgono, con riferimento anche alla tutela di popolazione e ambiente circostante.

Approfondisci

Azioni sul documento

ultima modifica 22/09/2015 09:01