Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Temi ambientali Acqua Acque interne Acque superficiali Laghi

Cosa sono

Nel Veneto sono presenti numerosi laghi di piccole e grandi dimensioni. I laghi monitorati dall'ARPAV, che comprendono i laghi considerati significativi secondo il D.Lgs. 152/06 e di rilevante interesse ambientale, sono complessivamente 12 (sia laghi naturali che invasi), situati nelle province di Belluno, Treviso, Verona e Vicenza.

Nella provincia di Belluno si trovano 3 laghi naturali. Il lago di Santa Croce è il più esteso e situato al confine tra Belluno e Treviso, ha una superficie di 7,8 km² e una profondità massima di 44 m; è alimentato dal torrente Tesa. Il lago di Alleghe, situato al confine tra i comuni di Alleghe e Rocca Pietore, ha una superficie di 0,5 km² e una profondità massima di 18 m. Il lago di Misurina è localizzato nel comune di Auronzo di Cadore, si estende per una superficie di 0,1 km² con una profondità massima di 4,5 m.

I laghi significativi del Bellunese comprendono, inoltre, 4 laghi di origine artificiale. Il lago del Mis è situato a Sospirolo poco distante da Belluno, copre una superficie di 1,6 km² e raggiunge una profondità massima di 70 m. Il lago del Corlo si trova in comune di Arsiè, ha una superficie di 2,5 km² e una profondità massima di 53 m. Il lago di Centro Cadore è tra i più estesi dell’intera provincia, si sviluppa infatti su tutta la lunghezza della vallata del Centro Cadore per una superficie di 2,3 km² e una profondità massima di 106 m, è costantemente alimentato dal fiume Piave. Il lago di Santa Caterina è situato nella parte alta del Cadore nel comune di Auronzo di Cadore. E’ un lago artificiale originatosi con la costruzione della diga sul torrente Ansiei che ora sfocia in esso. E’ situato ad una altitudine di 830 m con una superficie di 0,3 km² ed una profondità massima di 47 m.

Nella provincia di Treviso sono presenti 2 piccoli specchi lacustri naturali denominati laghi di Revine; si sono originati con il ritiro del ghiacciaio del Piave e sono alimentati principalmente da sorgenti sotterranee di origine carsica. Il lago di Lago ha una superficie di 0,5 km² e una profondità massima di 12,2 m, mentre il lago di Santa Maria ha una superficie di 0,4 km² con una profondità massima di 9 m; entrambi si trovano nella zona prealpina della provincia di Treviso lungo la vallata che collega Vittorio Veneto a Follina denominata Valmareno.

Il Lago di Garda è situato al limite occidentale della Regione Veneto (provincia di Verona) e sulle sue rive si affacciano i comuni della Lombardia e del Trentino Alto Adige. Il bacino del lago è il più esteso d’Italia; copre una superficie di 368 km² estendendosi nel cuore delle Alpi Giudicarie fino alle ultimi propaggini del Brenta – Adamello.

Il lago risulta diviso in due bacini distinti delimitati da una dorsale sommersa che congiunge Punta Grotte nella penisola di Sirmione con Punta San Vigilio:

  • il Bacino nord – occidentale è il più grande ed è costituito da una parte valliva, incassata tra i monti, lunga circa 25 Km e da una parte di pianura lunga circa 15 km; è anche il più profondo con fondali che si sviluppano tra i 300 e i 350 m.

  • il Bacino sud – orientale risulta molto meno profondo, al massimo 80 m, e meno ampio del precedente ed è interamente collocato nella pianura veneta.

Il maggior immissario del lago è il fiume Sarca, che origina dalle acque di disgelo dei ghiacciai dell’Adamello, mentre l’unico emissario è il fiume Mincio; il tempo teorico di ricambio dell’acqua è stato stimato essere all’incirca di 27 anni.

Nella provincia di Verona si trova anche il lago del Frassino, un piccolo lago naturale situato nel comune di Peschiera del Garda, con una superficie di 0,3 km² e una profondità massima di 15 m.

Nella provincia di Vicenza è presente il lago di Fimon, un lago naturale situato nel comune di Arcugnano; presenta una superficie di 0,5 km² e una profondità massima di 4 m.

Azioni sul documento

ultima modifica 25/11/2014 15:34

APP Balneazione

APP Balneazione

Bacino Scolante

Il bacino scolante rappresenta il territorio la cui rete idrica superficiale scarica - in condizioni di deflusso ordinario - nella laguna di Venezia.

Vai alla sezione
Campagne informative