Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Temi ambientali Acqua

Cosa dice la normativa

Normativa fino al 2009

D.P.R. n. 470/1982

Il D.P.R. n. 470/82 prevede, tra l'altro, che, a cura dei Presidi e Servizi Multizonali di Prevenzione delle Aziende Sanitarie Locali o delle Agenzie Regionali per la Protezione dell'Ambiente, ove istituite, siano eseguiti, con una frequenza almeno quindicinale (campioni "routinari") nel periodo di campionamento (dal 1° aprile al 30 settembre), degli accertamenti ispettivi ed analitici sulle acque costiere individuate dalle Regioni interessate, al fine di verificarne l'idoneità durante la stagione balneare (dal 1° maggio al 30 settembre).
Alle Regioni è demandato il compito di provvedere, al termine di ogni stagione balneare, all'individuazione delle zone idonee alla balneazione per l'inizio del periodo di campionamento dell'anno successivo, nonchè di darne comunicazione ai Comuni interessati, almeno un mese prima dell'inizio della nuova stagione balneare, e al Ministero della Salute e al Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio, entro la fine dell'anno al quale si riferiscono i risultati delle analisi.

Legge n. 422/2000

La Legge n. 422 del 2000 prevede, tra l'altro, che un sito di balneazione sia vietato per l'anno successivo nei casi seguenti:

  1. non idoneità per 2 stagioni balneari consecutive;
  2. non idoneità per un numero di campioni routinari "non conformi", superiore ad un terzo di quelli esaminati;
  3. numero di campioni routinari "non conforme" al numero minimo previsto (almeno 12 per punto).
Il divieto potrà essere rimosso a seguito dell'adozione di misure di miglioramento da parte della regione e subordinatamente all'esito favorevole delle analisi effettuate nei successivi 6 mesi di campionamento.

Legge n. 121/2003

La Legge n.121 del 2003, stabilisce, tra l'altro, i criteri per la riapertura alla balneazione delle zone non idonee all'inizio del periodo di campionamento (a seguito di conformità di due analisi "routinarie" consecutive effettuate iniziando dal mese precedente l'inizio della stagione balneare) e per la revoca dell'idoneità (a seguito di non conformità di due analisi "routinarie" anche non consecutive effettuate dopo il ripristino dell'idoneità) a cura delle Regioni.

Decreto legislativo n. 94/2007

Il Decreto Legislativo n. 94 del 2007, anticipando parzialmente quanto previsto dalla Direttiva 2006/7/CE relativa alla gestione della qualità delle acque di balneazione, dispone che, a partire dal 17 luglio 2007, non si valuta il parametro “ossigeno disciolto” di cui al DPR n. 470/82 ai fini del giudizio di idoneità delle acque di balneazione, a condizione che si adottino adeguate misure di gestione tra cui la prosecuzione delle attività di controllo algale per determinare i potenziali rischi per la salute umana e l’informazione al pubblico.

Legge Regionale n. 15 del 12 luglio 2007

La legge regionale n. 15 del 12 luglio 2007 all'art. 7 dispone che, a partire dal giorno 18 luglio 2007, per addivenire al giudizio di balneabilità delle acque da parte della Regione, non è da considerare la valutazione del parametro ossigeno disciolto di cui al DPR n. 470/82.

Normativa dal 2010

Decreto Legislativo 30 maggio 2008, n. 116

Il decreto recante "Attuazione della Direttiva 2006/7/CE relativa alla gestione della qualità delle acque di balneazione e abrogazione della Direttiva 76/160/CEE", prevede tra l'altro che, a partire dal 5 luglio 2008, non si valutano i parametri "pH", "colorazione" e "trasparenza" (oltre che il parametro "ossigeno disciolto" già regolamentato con il Decreto Legislativo n. 94 del 2007) di cui al DPR n. 470/82 ai fini del giudizio di idoneità delle acque di balneazione, a condizione che si adottino adeguate misure di gestione tra cui la prosecuzione delle attività di controllo algale per determinare i potenziali rischi per la salute umana e l'informazione al pubblico.

Decreto Ministeriale Sanità e Ambiente 30 marzo 2010

Il decreto di attuazione del D.Lgs. 116/2008, definisce i criteri per determinare il divieto di balneazione durante la stagione, detta disposizioni in materia di controlli dei fenomeni di proliferazione cianobatterica o di macroalghe, fitoplancton o fitobenthos marino, nonchè sulle modalità di trasmissione delle informazioni, al Ministero della Salute, sui profili delle acque di balneazione ed altre informazioni inerenti il tema.

Decreto Ministeriale Sanità e Ambiente 19 aprile 2018

Il decreto di modifica del DM 30 marzo 2010, aggiorna le procedure operative per la gestione delle proliferazioni delle specie algali potenzialmente tossiche Cianobatteri e Ostreopsis ovata, in relazione alle evoluzioni delle conoscenze tecnico scientifiche sul tema, nonché le modalità di trasmissione delle informazioni al Ministero della Salute al fine di assicurare una maggiore e tempestiva diffusione e condivisione delle stesse.

Vai ai testi integrali della Normativa
APP Balneazione

APP Balneazione

Bacino Scolante

Il bacino scolante rappresenta il territorio la cui rete idrica superficiale scarica - in condizioni di deflusso ordinario - nella laguna di Venezia.

Vai alla sezione
Campagne informative