Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Temi ambientali Agenti fisici Inquinamento luminoso Attività di ARPAV

Attività di ARPAV

Con l’approvazione della Legge Regionale n. 17 del 2009, che prevede un esplicito ruolo di ARPAV nel supporto ai Comuni sul tema dell’inquinamento luminoso l’Agenzia ha iniziato ad occuparsi della tematica, sviluppando nel corso degli anni una notevole competenza tecnico-scientifica.

I controlli sugli impianti di illuminazione

I controlli sul territorio vengono svolti su richiesta dei Comuni, in seguito ad esposti di associazioni di tutela o di singoli cittadini, che sempre più percepiscono l’inquinamento luminoso come un danno ambientale.
I controlli sugli impianti di illuminazione pubblici e privati hanno l’obiettivo di individuare gli impianti inquinanti; la causa dell’inquinamento è la dispersione di luce verso il cielo o dall’utilizzo di quantità di luce assolutamente sproporzionata rispetto alle necessità di illuminazione. A seguito dei controlli i tecnici ARPAV suggeriscono le modalità, in genere facili e poco costose, per rendere gli impianti meno inquinanti e, ove possibile, diminuire i consumi.

I maggiori responsabili di inquinamento risultano gli impianti privati, in particolare quelli a servizio di realtà industriali-artigianali e commerciali, poiché costituiti da proiettori mal orientati e in molti casi troppo potenti ed energivori. Ma anche i piccoli impianti di illuminazione residenziale spesso costituiti da apparecchi a sfera contribuiscono con la loro numerosità all’inquinamento luminoso.

Nell’anno 2015 sono stati controllati da ARPAV sul territorio regionale circa 1200 impianti di illuminazione.

L’attività istruttoria sulla progettazione illuminotecnica
In una necessaria ottica di prevenzione, ha assunto sempre maggior importanza l’attività istruttoria sulla progettazione illuminotecnica, che mira a garantire per i nuovi impianti la piena conformità alla legislazione vigente ed alle normative tecniche, ma anche il minor impatto possibile per quanto riguarda l’inquinamento luminoso, attraverso una riduzione dei consumi energetici a favore di una migliore qualità di illuminazione.

Le istruttorie preventive sono rivolte agli impianti, pubblici e privati, in ambito comunale: dall’illuminazione condominiale fino a quella stradale, dai campi sportivi, alle attività produttive, comprendendo anche il vasto e complesso capitolo delle insegne pubblicitarie di esercizio e dei cartelloni pubblicitari. A questa si aggiunge l’attività istruttoria sui progetti di illuminazione delle grandi arterie di comunicazione (superstrade, autostrade), grandi opere (ospedali), altre opere di impatto rilevante (porti, aeroporti, terminal di interscambio terrestre e marittimo).
Nel corso del 2015 sono state effettuate circa 100 istruttorie preventive.

Inoltre vengono svolte anche istruttorie e supporto ai Comuni per la redazione dei Piani Comunali per il Contenimento dell’Inquinamento Luminoso, detti PICIL o anche Piani della Luce, documenti pianificatori di grande importanza nel processo di sistemazione degli impianti e nella riduzione dei consumi.

L’attività formativa
A partire del 2009 ARPAV ha fornito formazione specialistica ed aggiornamento professionale a personale degli enti locali coinvolti, in particolare i comuni, e a professionisti del settore, tramite la partecipazioni a decine di seminari specialistici. 
A quest’attività si affiancano le numerose azioni di divulgazione sul tema dell’inquinamento luminoso e del risparmio energetico nell’illuminazione, tramite il sito dell’Agenzia, gli interventi presso le televisioni locali, le interviste sui giornali, decine di eventi pubblici rivolti ai cittadini in vari comuni del Veneto.
Oggi possiamo affermare che la sensibilità sul tema è aumentata e la consapevolezza che illuminare meglio è possibile, inquinando e spendendo meno, comincia a farsi strada tra le persone, anche se il percorso è ancora lungo.

L’attività di ricerca e sviluppo
L’attività è rivolta, da un lato, al monitoraggio del fenomeno nella nostra regione grazie ad una rete di sensori che registrano nel tempo l’andamento del fenomeno, dall’altro, allo studio del settore degli impianti di illuminazione, anche in ambito normativo e tecnico.

Azioni sul documento

ultima modifica 10/02/2017 09:40