Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Temi ambientali Agenti fisici Rumore Cosa fa ARPAV Attività di controllo

Attività di controllo

Le funzioni amministrative in materia di controllo del rumore sono assegnate ai comuni e alla provincia (se gli effetti dell'inquinamento acustico ricadono sul territorio di più comuni).

Le funzioni tecniche di controllo e prevenzione sono invece di competenza dell' ARPAV.

Se un cittadino si ritiene disturbato dal rumore prodotto da infrastrutture di trasporto, da attività produttive, commerciali o professionali, può seguire la procedura riportata di seguito:

  1. presentazione di un esposto al comune di residenza, descrivendo la causa del disturbo e richiedendo un intervento;
  2. controllo da parte del comune che l'attività rumorosa sia autorizzata e si svolga all'interno degli orari previsti, individuazione delle zone acustiche nelle quali si trovano la sorgente di rumore e le abitazioni disturbate (fase ISTRUTTORIA);
  3. richiesta da parte del comune ad ARPAV di un accertamento tecnico;
  4. attuazione da parte dell'ARPAV dell'attività istruttoria, sulla pratica di richiesta di accertamento tecnico, definizione di un ordine di intervento tecnico;
  5. misurazione del rumore:
    • se i limiti sono rispettati l'iter amministrativo termina;
    • se i limiti non sono rispettati:
      • sanzione amministrativa e un'ordinanza di bonifica;
      • verifica dell'ordinanza di bonifica.

Le attività svolte dai Dipartimenti provinciali ARPAV sono principalmente:

  • Attività di monitoraggio acustico ambientali con obbiettivi strategici per la conoscenza dello Stato Acustico Ambientale (Attività non Programmate);
  • Attività di valutazione rumori e vibrazioni in ambienti di vita e di lavoro (tipicamente programmate annualmente);
  • Attività di consulenza (Classificazione - Piani di Risanamento - Documentazione di Impatto Acustico - Progetti di Bonifica) verso altri enti.
Azioni sul documento

ultima modifica 07/09/2010 10:36