Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Temi ambientali Climatologia Dati Primavera 2003

Primavera 2003

Per molte aree della regione la primavera è una delle stagioni più piovose dell'anno risultando, spesso, seconda solo all'autunno. Nel corso degli anni '90 i ratei medi di precipitazione primaverile sono risultati leggermente inferiori rispetto al trentennio precedente. La stagione primaverile 2003 in Veneto è stata caratterizzata da un andamento meteo-climatico anomalo soprattutto in termini di precipitazioni che, su tutto il territorio, sono risultate complessivamente al di sotto della norma sia rispetto al trentennio 1961-'90 che all'ultimo decennio. Marzo è risultato il mese più secco (siccità eccezionale), aprile ha registrato nella prima decade un'intensa ondata di freddo con gelate diffuse anche in pianura e le prime abbondanti precipitazioni della stagione, in maggio si sono avute due fasi di caldo anomalo, nella prima e nell'ultima decade, e le precipitazioni sono risultate a prevalente carattere di rovescio o temporale con alcuni nubifragi e grandinate.

 

Il presente documento si articola in due sezioni:

 

Analisi meteorologica

Il mese di marzo scorre all'insegna della siccità iniziata a fine gennaio. Nei primi giorni di aprile l'arrivo di un sistema perturbato da Nord e il successivo ingresso di correnti Nord-orientali determinano un clima freddo e ventoso, con precipitazioni nevose anche in pianura. Nella seconda decade di aprile il clima risulta inizialmente più mite e piovoso, poi più mite e stabile. La terza decade di aprile inizia con condizioni instabili/perturbate, intervallate da stabilità e poi da tempo più uggioso verso fine mese. Maggio inizia con tempo variabile, poi stabile fino a fine prima decade. La seconda e la terza decade alternano una prima fase di tempo instabile ad una seconda stabile.

Per l'analisi mensile dettagliata si veda:

 

Dati climatologici provinciali di temperatura e precipitazione

Il confronto è effettuato rispetto a due periodi di riferimento: 1961-'90 (M1) e 1992-2002 (M2)

Temperature minime, massime e medie nei capoluoghi di provincia

mesemassime [TAB1]minime [TAB1]massime assolute [fig Tx]minime assolute [fig Tn]
marzo leggermente sopra la norma attorno alla norma inferiori alla norma sopra la norma
aprile lievemente sotto la norma attorno alla norma inferiori alla norma attorno alla norma o localmente inferiori
maggio sopra la norma lievemente sopra la norma attorno alla norma sopra la norma

La primavera 2003, quindi, da un punto di vista termico si caratterizza per un mese di marzo relativamente mite, un aprile piuttosto rigido e il mese di maggio con due fasi di caldo intenso a inizio e fine mese. In particolare, in tutti i capoluoghi di provincia i valori più elevati di temperatura si raggiungono tra il 6 e l'8 maggio e tra il 26 e il 28 maggio, con valori di 28-32°C.

 

Giorni piovosi stagionali e precipitazioni mensili sul Veneto (numerosità nel periodo di rilevamento) [TAB2]

meseprecipitazioni mensili [istogramma]precipitazioni stagionali [istogramma]giorni piovosi stagionali [istogramma]
marzo estremamente siccitoso generalmente inferiori alla norma, dimezzate nel bellunese inferiori alla norma in tutte le province, dimezzati in quelle di Vicenza, Padova, Venezia e Treviso
aprile generalmente più piovoso della norma
maggio poco piovoso, con apporti generalmente quasi dimezzati rispetto alla norma

In definitiva, quindi, la primvera 2003 risulta da un punto di vista piovoso nel complesso in deficit rispetto alla norma, siccitosa nei mesi di marzo e maggio.

Azioni sul documento

ultima modifica 01/02/2012 12:21