Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Temi ambientali Climatologia Metodologia

Metodologia

In questa pagina si descrive a grandi linee il metodo di analisi e rappresentazione dei dati in ambito climatologico a livello regionale e sub-regionale, come indicati anche dall'Organizzazione Meteorologica Mondiale (WMO).

Per rappresentare sinteticamente l'enorme quantità di dati raccolti per le analisi climatiche si ricorre all'uso di tecniche statistiche che consentono di sintetizzare in pochi numeri significativi i valori rilevati.

I principali parametri meteoclimatici vengono analizzati, a livello regionale, attraverso semplici elaborazioni statistiche quali le medie delle temperature (minima, massima e media giornaliera) e l’andamento delle precipitazioni cumulate (cumulo annuo), entrambi analizzabili a scala stagionale. Studi particolari possono inoltre fornire preziose indicazioni circa l’evoluzione del clima nella regione: ad esempio l’analisi dei tempi di fioritura di alcune essenze vegetali è in grado di supportare in maniera diretta l’analisi dei trend di temperature, oppure l’analisi della frequenza delle piogge intense fornisce un quadro sull’andamento dei fenomeni estremi.

Il periodo storico a cui fare riferimento per costruire le medie dei parametri meteoclimatici è il trentennio 1961/1990, così come indicato dalla Organizzazione Mondiale della Meteorologia WMO (World Meteorological Organization). A questo periodo vengono rapportati i dati degli anni successivi per valutare scarti, trends e analisi dei break-points (i periodi limitati durante i quali si possono osservare repentini e significativi scarti nei valori dei parametri).

Attraverso la distribuzione dei dati nell'area geografica di analisi, è possibile visualizzare i valori medi, i cumulati e gli scarti dalle medie dei periodi di riferimento attraverso mappe tematiche che rendono facilmente intuibile la distribuzione delle variabili e degli scostamenti.

Le fonti dei dati

Mentre per lo studio del clima del passato vengono utilizzate le serie storiche disponibili attraverso gli archivi dell’ex Ufficio Idrografico del Magistrato alle Acque di Venezia, nella rappresentazione del clima attuale vengono di norma utilizzati i dati rilevati dalla rete di stazioni automatiche di ARPAV, dei quali si può anche garantire la rispondenza ai minimi requisiti richiesti dal WMO.
La vita ancora piuttosto breve della rete, attiva dal 1992, non consente la definizione di una climatologia regionale secondo le normative WMO; tuttavia questa rete permette di “fotografare” in maniera molto dettagliata le caratteristiche climatologiche attuali e di osservare eventuali trend in corso. Anche in questo caso la rappresentazione grafica attraverso semplici mappe tematiche consente una visualizzazione immediata e di facile lettura.

Una rappresentazione completa delle caratteristiche climatiche della regione sarà contenuta nell’Atlante Agroclimatico del Veneto, di prossima pubblicazione.

Azioni sul documento

ultima modifica 16/01/2012 12:36