Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Temi ambientali Idrologia Approfondimenti Dispersioni del Fiume Astico a valle di Meda

Dispersioni del Fiume Astico a valle di Meda

Nel Corso del 2008-2010 la Provincia di Vicenza ha affidato ad ARPAV Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio uno studio per quantificare gli scambi tra acque superficiali e sotterranee del Fiume Astico, in un tratto di particolare interesse per la ricarica degli acquiferi, per gli aspetti ambientali e più in generale per la gestione della risorsa idrica.

 

 

Progetto_Astico.JPG

Lo studio ha interessato la misura delle dispersioni del fiume Astico in magra, lungo l’alveo tra la  Meda e Bolzano Vicentino. In questo tratto il fiume Astico attraversa l’alta pianura alluvionale presentando, anche visivamente, una profonda interrelazione con il regime delle acque sotterranee. Si può infatti riscontrare in alcuni tratti la completa assenza di deflussi superficiali in alveo e successive emergenze a valle della fascia delle risorgive. Le misure e gli approfondimenti operati trovano collocazione nel più ampio contesto della definizione del Deflusso Minimo Vitale.

Lo studio condotto ha previsto la realizzazione di un'articolata indagine conoscitiva nel tratto d’asta di pianura dell’Astico-Tesina; oggetto dell'indagine le differenti forme di interazione tra le acque superficiali e le acque sotterranee. In particolare sono stati affrontati i seguenti aspetti:

  • analisi delle concessioni di derivazione (sia da acque superficiali che sotterranee) in grado di modificare il regime idrologico naturale del corso d’acqua e della falda sottostante;
  • localizzazione delle principali derivazioni in alveo nel tratto Meda – Bolzano Vicentino per la programmazione di idonee campagne di monitoraggio;
  • caratterizzazione idrologica del tratto d’asta principale tra Meda e Bolzano Vicentino;
  • quantificazione degli scambi idrici tra corpi superficiali e sotterranei attraverso l'esecuzione di misure di portata;
  • analisi critica dei risultati nell’ambito anche dell’assetto idrogeologico generale dell’alta pianura vicentina;
  • valutazioni di massima del comportamento di alcune risorgive campione attraverso l'esecuzione di misure di portata.

 

Link alla Relazione Tecnica e Allegati

 

Azioni sul documento

ultima modifica 07/03/2012 10:57