Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Temi ambientali Idrologia Monitoraggio Rete freatimetrica

Rete freatimetrica

La rete freatimetrica di ARPAV si compone, ad oggi, di 69 stazioni di cui ben 41 dotate di strumenti di misura automatici e registrazione in continuo.

A partire dagli anni ’50 si è assistito a un progressivo ridimensionamento del Servizio Idrografico Nazionale e delle risorse finanziarie a questo destinate dal bilancio dello Stato tanto che, della rete di osservazione freatimetrica nel Veneto strutturata nel 1958 su 90 stazioni, alla fine del 2003 rimanevano sole 43 stazioni, tutte obsolete, di cui due dotate di idrometrografo a galleggiante mentre tutte le altre ad osservazione manuale.
Tuttavia, pur con queste limitazioni, queste osservazioni sono di fondamentale importanza in quanto sono le uniche in grado di dare informazioni relative alle tendenze di lungo periodo delle risorse idriche sotterranee e quindi permettere di quantificare le variazioni e le dinamiche del grande sistema idrogeologico regionale. 

Lo stato della rete

ARPAV attraverso la sua rete manuale e automatica rileva la quota della falda freatica rispetto al livello del mare. Attualmente la rete  è stata potenziata anche tramite l'integrazione e la cooperazione di altri Enti interessati, passando dalle 32 stazioni manuali del 2005 alle attuali 69 stazioni di cui ben 41 dotate di strumenti di misura automatici e registrazione in continuo. 

 

La rete freatimetrica:

Rete freatimetrica

 

 

Azioni sul documento

ultima modifica 13/01/2012 13:36