Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Temi ambientali Neve Monitoraggio Stazioni tradizionali

Stazioni tradizionali

La rete di stazioni tradizionali si affianca alla rete di stazioni automatiche nel monitoraggio nivologico per la valutazione della stabilità del manto nevoso e quindi del pericolo di valanghe. In particolare, la presenza di osservatori che operano con strumentazione portatile consente la misurazione di alcuni parametri che riguardano le caratteristiche interne del manto nevoso, ancora oggi non misurabili in modo automatico.

La reteCampo nivometrico

La rete di stazioni tradizionali è costituita da un insieme di siti particolarmente adatti per l’esecuzione di profili della neve o di test di stabilità, privi di strumenti di misura, generalmente dotati di recinzione temporanea atta a delimitare un’area di rispetto. Presso questi siti i dati vengono raccolti manualmente da osservatori mediante strumenti portatili.
Un esempio di sito è mostrato nella figura. L'area di rispetto, di dimensioni di 25-50 m2, è delimitata con una recinzione leggera i cui elementi verticali sono  costituiti da paline di legno o di plastica del diametro di 5-7 cm e gli elementi orizzontali da funi di nylon con bandierine di plastica o in alternativa nastro colorato posti a 2 o 3 diversi livelli.

 

 

 

 

 

Rete stazioni tradizionaliAttualmente la rete è costituita da 21 stazioni, la maggior parte delle quali sono ubicate su terreno pianeggiante in prossimità delle stazioni nivometeorologiche automatiche.
Con cadenza settimanale presso le stazioni vengono rilevati i profili della neve attraverso prove penetrometriche e rilievi stratigrafici, secondo le procedure AINEVA e  gli standard dettati dalla Classificazione Internazionale della neve stagionale al suolo.

I parametri misurati

I parametri rilevano le caratteristiche fisiche e meccaniche dei diversi strati di cui è composto il manto nevoso e precisamente:

  • spessore dello strato
  • durezza
  • densità
  • forme e dimensioni dei grani
  • umidità.

 

Per la trascrizione dei dati rilevati in campo vengono utilizzati i modelli  cartacei previsti dalla procedura AINEVA (MOD 2- MOD3).

Per l'archiviazione, l'elaborazione e la visualizzazione dei dati viene utilizzato il software YETI.

I prodotti informativi

Attraverso elaborazioni successive vengono realizzati i profili della neve, grafici che rappresentano, in una visione d'insieme, le caratteristiche fisiche e meccaniche del manto nevoso in un determinato luogo e in determinato momento. L'insieme dei profili della neve   e delle successive elaborazioni sono messi a disposizione dei previsori valanghe in forma sintetica  attraverso delle immagini spaziali di insieme .

 

Oltre che per la per l’analisi della stabilità del manto nevoso ai fini della previsione del pericolo di valanghe, i rilievi in campo vengono utilizzati per la determinazione della risorsa idrica nivale.

Vai ai profili della neve

Azioni sul documento

ultima modifica 11/11/2010 12:18