Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Temi ambientali Agrometeo

 

Bollettino Agrometeorologico Regionale

N°67 del 20/09/2017

 

SETTORE FRUTTICOLO

Pomacee

Terminata la raccolta delle pere Kaiser ed Abate; in fase di raccolta Granny Smith, Golden Delicious, Dallago. Non si segnalano problemi particolari.

Anche sulle varietà più tardive di mele, come Fuji e Pink Lady, la difesa fitosanitaria insetticida può considerarsi conclusa, a parte limitati focolai di infestazione di Carpocapsa dove si osservano ancora nascite larvali. Va prestata attenzione anche a possibili danni da Piralide del mais.

Possono essere necessari interventi con FUNGICIDI per il controllo del Gleosporio su varietà di mele tardive particolarmente sensibili come la Pink Lady, in situazioni di prolungate bagnature.

Cimice asiatica: sono ancora presenti in campo adulti, forme giovanili e ovature. Occorre prestare attenzione sulle varietà che andranno raccolte dopo Golden, nelle aree dove si sono registrati danni e tenendo anche conto del possibile passaggio dell’insetto da colture vicine, come la soia o il sorgo.

A raccolta ultimata, sugli appezzamenti interessati da Cancri rameali è consigliabile intervenire con prodotti a base di RAME per la prevenzione di nuove infezioni che possono insediarsi nel punto di distacco dei frutti. Le infezioni si verificano in occasione di piogge persistenti; il trattamento va eseguito preventivamente. In alternativa o ad integrazione della difesa con prodotti RAMEICI, dove la presenza di cancri è più diffusa, si può impiegare il TIOFANATE METIL.

Actinidia

Anche su questa coltura va monitorata la presenza e i danni da Cimice asiatica. Gli adulti si stanno spostando verso i siti di svernamento, ma sono ancora possibili danni.

 

SETTORE OLIVICOLO

 

Fenologia

Invaiatura, viraggio di colore delle olive dal verde giallastro o al bruno violaceo.

Le precipitazioni che si sono avute in quest’ultima settimana stanno ristabilendo il grave ammanco idrico, così, gradualmente, stanno conferendo alle olive un conveniente contenuto di umidità.

Situazione fitosanitaria

Mosca delle olive (Bactrocera oleae): anche se le attuali condizioni climatiche, fresche e umide, sono favorevoli alle ovideposizioni e l’idratazione delle olive consentirebbe la conservazione e lo sviluppo delle uova e delle larve, tuttavia, le diminuzioni delle temperature, anche di 1 o 2 gradi sotto la media stagionale, e una continuità di giornate mediamente nuvolose e piovose, hanno ridotto l’attività di volo degli adulti.

Il controllo settimanale ha riscontrato, pertanto, minori ovideposizioni e un modesto sviluppo delle larve.

I valori attuali delle infestazioni sono al di sotto della soglie d’intervento, pur rimanendo l’allerta.

Si consiglia di non attuare trattamenti adulticidi con esche proteiche o trattamenti larvicidi, ma di stare in attesa dei rilievi del prossimo monitoraggio.

Nel caso che nel proprio oliveto si dovessero osservare nuove ovideposizioni e punture, si consiglia di verificare l’infestazione attiva e contattare i tecnici per valutare la necessità di un intervento adulticida/larvicida.

Note

Nel caso si evidenziassero disseccamenti fogliari anomali, o di interi rametti, o branche, anche in singole piante, si consiglia di contattare la Regione Veneto “U.O. Fitosanitario” (tel. 045 8676919) o i tecnici AIPO per una valutazione del caso e, eventualmente, un prelievo di materiale da sottoporre ad analisi.

Bollettino redatto da AIPO “Associazione interregionale produttori olivicoli” www.aipoverona.it - tel. 0458678260 fax 0458034468

 

SETTORE VITICOLO (dal bollettino del 13.09.)

 

L’uva è matura ormai in tutti gli areali viticoli (BBCH 89), la vendemmia è in corso anche negli ambienti collinari.

Botrite

Questa prima parte del mese di settembre ha portato un clima di carattere decisamente autunnale caratterizzato da eventi piovosi abbastanza frequenti ed occasionalmente anche abbondanti. Inoltre il calo delle temperature favorisce condizioni di elevata umidità dell’aria e bagnatura della vegetazione e dei grappoli. In questo contesto climatico è aumentato considerevolmente il rischio di infezioni da Botrite sia nei vigneti che sono stati precedentemente colpiti da grandine ma anche in quelli rimasti indenni considerando il fatto che gli acini, dopo eventi piovosi importanti, tendono a rompersi. In questa situazione è consigliabile effettuare dei trattamenti antibotritici con prodotti a base di BACILLUS SUBTILIS, BACILLUS AMYLOLIQUEFACIENS, AUREOBASIDIUM PULLULANS o BICARBONATO di POTASSIO.

 

SETTORE OLIVICOLO

 

Fenologia

Primo livello d’invaiatura, viraggio di colore delle olive dal verde giallastro o al bruno violaceo.

Dopo le piogge dei giorni scorsi, mediamente sono caduti dai 40 agli 80 mm di pioggia, le olive, prima raggrinzite dalla siccità, hanno iniziato ad idratarsi, assumendo distensioni e dimensioni quasi nella norma fenologica.

Situazione fitosanitaria

Mosca delle olive (Bactrocera oleae): negli oliveti monitorati dove nei giorni scorsi si sono eseguiti trattamenti adulticidi/larvicidi, o solo adulticidi, le catture sono di bassa entità, anche le nuove ovideposizioni sono limitate, con poche presenze di larve di prima e seconda e età. L’infestazione attiva è, pertanto, sotto la soglie d’intervento, comunque rimane l’allerta, considerato che le condizioni climatiche sono favorevoli allo sviluppo della Mosca dell’olivo.

Nelle prossime giornate si suggerisce di osservare se compaiono delle punture con ovideposizioni, oltre che seguire il bollettino tra una settimana.

Al momento, per chi ha già eseguito azioni di contrasto, non sono necessari altri interventi larvicidi, nei casi dubbi si consiglia di contattare i tecnici per un confronto.

Chi attua una difesa da agricoltura biologica vanno mantenute per tutte le aree olivicole, le coperture con ESCHE PROTEICHE ad azione adulticida, SPINOSAD, ricordando che questi prodotti si dilavano con facilità.

Nelle aree olivicole, particolarmente nella Pedemontana vicentina e trevigiana, dove non si eseguirà la raccolta di olive per l’effetto “cascola”, non è necessario eseguire interventi contro la Mosca dell’olivo.

Parassiti fungini

Occhio di pavone (Spilocaea oleaginea), Piombatura dell’olivo (Mycocentrospora cladosporoides), Lebbra dell’olivo (Colletotrichum gleosporioides): l’abbassamento delle temperature e l’elevata umidità, portate dalle piogge intermittenti degli ultimi giorni, sono particolarmente favorevoli allo sviluppo di parassiti fungini, particolarmente negli oliveti dove, storicamente, hanno fatto sentire la loro presenza. In questa fase fenologica è possibile effettuare un trattamento con prodotti RAMEICI successivamente ad eventuali piogge. Tale trattamento presenta anche attività di disturbo alle ovideposizioni della Mosca dell’olivo.

Eventi grandinigeni

Qualora si verificassero grandinate si consiglia di intervenire entro 12-24 ore dall’evento con trattamenti a base di RAME, efficaci contro la diffusione sia della Rogna dell’olivo e sia di parassiti fungini.

Note

Nel caso si evidenziassero disseccamenti fogliari anomali, o di interi rametti, o branche, anche in singole piante, si consiglia di contattare la Regione Veneto “U.O. Fitosanitario” (tel. 045 8676919) o i tecnici AIPO per una valutazione del caso e, eventualmente, un prelievo di materiale da sottoporre ad analisi.

Bollettino redatto da AIPO “Associazione interregionale produttori olivicoli” www.aipoverona.it - tel. 0458678260 fax 0458034468

 

SETTORE ORTICOLO

 

Radicchio

Con il cambiamento climatico di questo periodo caratterizzato da abbassamenti termici, abbondanti precipitazioni e in alcune aree regionali, anche grandinate, sono possibili attacchi da Sclerotinia e Oidio. La Sclerotinia colpisce in tutte le fasi vegetative della pianta in presenza di elevata umidità del suolo e temperature comprese fra i 10 e 20°C. In prossimità della raccolta si registrano gli attacchi più consistenti in particolare sui terreni leggeri o ricchi di sostanza organica. In funzione della tipologia di radicchio e della rotazione effettuata, si consiglia di intervenire sulle varietà in raccolta ai primi di ottobre con PRODOTTI SPECIFICI in miscela con ZOLFO. Sulle tipologie sensibili all’Alternaria, preferire prodotti a base di IPRODIONE in quanto attivo su entrambi i parassiti. Nel caso d’impiego di prodotti biologici, (BACILLUS AMYLOLIQUEFACIENS, BACILLUS SUBTILIS, TRICHODERMA, PHTYUM OLIGANDRUM) intervenire sempre preventivamente in quanto devono colonizzare il terreno per risultare efficaci.

 

 

Previsioni Meteo aggiornate:

 

Prossimo Bollettino Agrometeorologico: mercoledì 27 settembre

 

Bollettino redatto in collaborazione con: Regione del Veneto, Settore servizi fitosanitari