Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAV L'attività I controlli ambientali Interventi per emergenze ambientali Perdita dall'oleodotto IES di Mira

Perdita dall'oleodotto IES di Mira

29 giugno 2017

Perdita oleodotto IES MiraNella serata del 29 giugno, su chiamata dei Vigili del Fuoco, ARPAV è intervenuta per una perdita dall’oleodotto che collega Porto Marghera a Mantova, nei pressi del ponte della statale Romea sull’idrovia a Mira.
La società che gestisce l’oleodotto ha provveduto a far intervenire ditte specializzate per la messa in sicurezza dell’area mediante il recupero degli idrocarburi fuoriusciti sia nella rete irrigua di bonifica che nell’Idrovia, allestendo specifiche barriere e sistemi di assorbimento, mentre, il Consorzio di Bonifica, presente in loco, ha chiuso prontamente la porta vinciana.
ARPAV, Vigili del Fuoco e Consorzio non hanno percepito a monte della laguna e verso la laguna odori o evidenze di iridescenze se non nelle immediate vicinanze della perdita, ma la poca illuminazione ha reso difficoltoso un controllo accurato. La marea crescente ha aiutato nel confinare la fuoriuscita e preservare la laguna.
La mattina del 30 giugno il personale tecnico ARPAV è intervenuto per la verifica dell'estensione delle iridescenze ed è stato confermato, anche tramite l'elicottero dei Vigili del Fuoco, il non coinvolgimento della laguna. Sono state poi posizionate panne assorbenti sull'idrovia per completare le operazioni di messa in sicurezza.
ARPAV e Vigili del Fuoco hanno presenziato allo scavo per la ricerca del guasto all'oleodotto e, preso atto di una manomissione, hanno chiesto l'intervento dei Carabinieri.
Nel pomeriggio, con un ulteriore sopralluogo sono state seguite le attività di contenimento, il recupero degli idrocarburi fuoriusciti e la messa a punto di misure di emergenza.
La mattina del 1 luglio si è nuovamente intervenuti per la verifica dell’efficacia delle misure di contenimento nel punto di scarico nell’idrovia ed è stato effettuato il campionamento delle acque superficiali e del terreno nelle vicinanze del punto di fuoriuscita dall'oleodotto.
Le analisi, che richiedono una strumentazione specifica, saranno disponibili nei prossimi giorni.
Nel frattempo continueranno ad essere seguite le attività di contenimento e di bonifica dei corpi idrici fino al loro completamento.

Azioni sul documento

ultima modifica 03/07/2017 12:22