Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Comunicati stampa Archivio Comunicati Stampa Comunicati 2014 Settimana UNESCO di educazione allo sviluppo sostenibile 2014 - Calcoliamo l'impronta ecologica per ridurre gli spechi

Settimana UNESCO di educazione allo sviluppo sostenibile 2014 - Calcoliamo l'impronta ecologica per ridurre gli spechi

03/12/2014

AAV, 03 dicembre 2014 – Nel corso della settimana del 24-30 novembre 2014 si è celebrata la chiusura del Decennio ONU dell’ Educazione allo Sviluppo Sostenibile 2005-2014 (DESS), promossa dall’UNESCO allo scopo di diffondere valori, consapevolezze, stili di vita orientati al rispetto per il prossimo e per il pianeta.
Il DESS è una grande campagna della durata 10 anni lanciata dalle Nazioni Unite per sensibilizzare giovani e adulti di tutto il mondo verso la necessità di un futuro più equo ed armonioso, rispettoso del prossimo e delle risorse del pianeta.
Con lo scopo di valorizzare il ruolo dell'educazione, e più in generale degli strumenti di "apprendimento" (istruzione scolastica, campagne informative, formazione professionale, attività del tempo libero, messaggi dei media...) nella diffusione di valori e competenze orientati a uno sviluppo sostenibile, il Dipartimento Provinciale ARPAV di Rovigo, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Territoriale di Rovigo e il Laboratorio Territoriale Ambientale La.Terr.A – nodo INFEA della Provincia di Rovigo, ha proposto lo scorso 2 dicembre all’Istituto di Istruzione Superiore Viola-Marchesini di Rovigo un incontro formativo per veicolare contenuti legati alla trasversalità dei temi della sostenibilità ambientale.
Nel mondo, ogni giorno vengono consumate migliaia e migliaia di tonnellate di risorse. Ma quando queste esauriranno sarà finito anche il pianeta, e non si potrà averne uno nuovo. L’insieme di ogni piccola azione individuale può avere grandi risultati su grande scala. Ciascuno può dare il proprio contributo a grandi battaglie ambientali, come la lotta contro gli sprechi, la riduzione dell’effetto serra, la prevenzione dell’inquinamento o la diminuzione dei consumi energetici. Per questo, circa una cinquantina di studenti delle classi prime sono stati coinvolti nel calcolo dell’impronta ecologica.
Come i nostri piedi lasciano un'orma sul terreno, così i nostri stili di vita lasciano un'impronta sulla Terra; chi ha una Impronta Ecologica elevata sottrae agli altri le risorse per poter vivere in modo dignitoso. L’incontro con gli studenti si è proposto lo scopo di affrontare i vari problemi legati alla sostenibilità nel territorio (uso risorse, riciclo, mobilità, biodiversità, alimentazione), intervenendo con efficacia sui comportamenti per una società più sostenibile.

Agenzia Ambiente Veneto - ufficiostampa@arpa.veneto.it
Azioni sul documento

ultima modifica 03/12/2014 13:57