Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Comunicati stampa Archivio Comunicati Stampa Comunicati 2016 Secondo meeting del Progetto Europeo SPARE a Tolmin (Slovenia)

Secondo meeting del Progetto Europeo SPARE a Tolmin (Slovenia)

02/11/2016

SPARE

Dal 17 al 19 ottobre si è tenuto a Tolmin (Slovenia) il secondo meeting del Progetto Europeo SPARE. L’evento è stato organizzato dall’IzVRS (Institute for Water of the Republic of Slovenia), partner del Progetto.

Il Progetto SPARE si colloca all’interno della Priorità 3 Liveable Alpine Space del Programma Spazio Alpino 2014-2020; l’obiettivo principale del Progetto è quello di capitalizzare e migliorare gli approcci e le metodologie relative alla gestione strategica dei corsi d’acqua alle diverse scale spaziali e di governo del territorio dell’arco alpino (locale, regionale e statale) e aumentare la consapevolezza delle funzioni, dei servizi e della vulnerabilità degli ecosistemi acquatici alpini al fine di perfezionare e implementare efficaci e sostenibili azioni di protezione e conservazione. Tra i partner di 5 Paesi Europei, il Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio di ARPAV fornirà il contributo su diversi fronti, tra i quali il supporto ad ARPA Valle d’Aosta nelle attività preparatorie e di orientamento dei portatori d’interesse e nell’implementazione e monitoraggio delle nuove pratiche sperimentali proposte da SPARE.

Il meeting è stato pensato e organizzato come combinazione di sessioni tecniche inerenti i vari Work Packages (WPs) e visite di campo lungo la porzione slovena del Fiume Isonzo (Soča in sloveno).
La mattina del primo giorno è stata dedicata alle sessioni relative agli aspetti di gestione finanziaria e amministrativa e della comunicazione; il pomeriggio è stato riservato ad una visita guidata lungo la Valle di Idrija ad alcune opere di sfruttamento della risorsa idrica anche per le vecchie miniere di mercurio.
Il secondo giorno è iniziato con una visita ad alcune attività lungo il Fiume Soča a monte di Tolmin (acquacoltura, sfruttamento idroelettrico, estrazione inerti in alveo, sfruttamento turistico-ricreativo) al fine di approfondire i conflitti esistenti tra i diversi portatori di interesse legati ai servizi erogati dal sistema fiume e alla protezione dell’ecosistema fluviale e del paesaggio; il pomeriggio, presso la sede del Parco Nazionale del Triglav a Trenta, è stato dedicato all’analisi delle attività relative alla raccolta e selezione di linee guida e best practices per la gestione integrata del sistema corso d’acqua e delle metodologie di partecipazione per l’implementazione di strategia di gestione integrata dei corsi d’acqua.
Nella mattinata del terzo ed ultimo giorno è stato esaminato lo stato di avanzamento e sono state discusse le future attività inerenti l’implementazione e il test delle metodologie e delle linee guida ai 5 casi studio pilota al fine di promuovere e disseminare nuove strategie di gestione integrata dei corpi idrici. Grande enfasi è stata data alle attività da svolgere nei casi studio, all’interno dei quali le nuove metodologie di gestione partecipata dei corsi d’acqua vengono testate nelle realtà locale e per le quali ARPAV contribuirà in stretta collaborazione con ARPA Valle d’Aosta. Infine nel pomeriggio è stata organizzata una visita alle opere di derivazione idroelettrica lungo la parte bassa del Fiume Soča fino al confine con l’Italia e alle sorgenti carsiche lungo la valle della Vipava.

Per ogni ulteriore approfondimento sulle attività del Progetto è possibile consultare il sito www.alpine-space.eu/SPARE

Agenzia Ambiente Veneto - ufficiostampa@arpa.veneto.it
Azioni sul documento

ultima modifica 17/11/2016 17:33