Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Comunicati stampa Archivio Comunicati Stampa Comunicati 2018 INCENDIO PRESSO L'IMPIANTO DE ZUANI ECOLOGIA SRL A SANT'ANGELO DI PIOVE DI SACCO. L’INTERVENTO DI ARPAV

INCENDIO PRESSO L'IMPIANTO DE ZUANI ECOLOGIA SRL A SANT'ANGELO DI PIOVE DI SACCO. L’INTERVENTO DI ARPAV

28/05/2018

(AAV), Padova 28 maggio 2018 Ieri sera personale tecnico di ARPAV è intervenuto a seguito di un incendio sviluppatosi presso l'impianto De Zuani Ecologia Srl, impianto di messa in riserva e selezione di rifiuti speciali non pericolosi costituiti da imballaggi di carta, cartone e plastica, a Sant'Angelo di Piove di Sacco in via Palladio n.19. Presenti sul posto Vigili del Fuoco, Sindaco, Protezione Civile e Carabinieri.
La colonna di fumo sprigionata dall’incendio si è diffusa da prima verticalmente e poi in orizzontale verso sud-est interessando marginalmente la zona industriale limitrofa; non sono state interessante abitazioni nelle immediate vicinanze.
Le attività di accertamento per verificare la situazione ambientale e monitorare la zona si sono prolungate per parecchie ore visto il perdurare dell'incendio e le operazioni di spegnimento da parte dei VV.F. I monitoraggi eseguiti nell’immediato con strumentazione portatile hanno ricercato l’eventuale presenza nell’aria di formaldeide, ossidi di azoto, acidi cloridrico e cianidrico, cloro ed anidride solforosa. Tutti i parametri sono risultati inferiori al limite di rilevabilità strumentale.
Sono stati effettuati tre prelievi di aria ambiente con canister nei punti indicati nel  comunicato di laboratorio che riporta i dati riscontrati di composti organici volatici.

E’ stato inoltre eseguito un campione con pompa ad alto flusso per la ricerca di micro inquinanti organici (diossine-idrocarburi policiclici aromatici e policlorobifenili), i cui dati verranno comunicati non appena disponibili.
Attualmente l'incendio è in fase di spegnimento e la zona continua a essere monitorata da ARPAV. Non si rilevano situazioni di rischio ambientale.Verrà eseguito uno sbarramento sul corpo ricettore delle acque di spegnimento dell'incendio per evitare che si immettano nel Rio Ramo Secondo.
ARPAV ha chiesto al sindaco di emettere i provvedimenti conseguenti al ripristino dei luoghi a carico della proprietà, cioè la messa in sicurezza dell'area, la rimozione e smaltimento corretto di tutti i rifiuti prodotti dall'incendio e delle acque di spegnimento dell'incendio.

Agenzia Ambiente Veneto - ufficiostampa@arpa.veneto.it
Azioni sul documento

ultima modifica 28/05/2018 11:22