Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Comunicati stampa Archivio Comunicati Stampa Comunicati 2018 Rettifica all’articolo “Dati in ritardo di due anni, il Comune scarica ARPAV” pubblicato il 9 febbraio a pagina 14 da IL GAZZETTINO – cronaca di Padova a firma di Francesco Cavallaro

Rettifica all’articolo “Dati in ritardo di due anni, il Comune scarica ARPAV” pubblicato il 9 febbraio a pagina 14 da IL GAZZETTINO – cronaca di Padova a firma di Francesco Cavallaro

13/02/2018

(AAV), Padova 12 febbraio 2018 – In merito all’articolo “Dati in ritardo di due anni, il Comune scarica ARPAV” si precisa che ARPAV non riscontra alcun ritardo nelle campagne di monitoraggio della qualità dell’aria con mezzi mobili.

La misura della qualità dell’aria con stazioni mobili è programmata da ARPAV a rotazione nei comuni che ne fanno richiesta e viene effettuata gratuitamente. Tale attività è prioritariamente rivolta a favore di quei comuni che si trovano lontani dalle centraline fisse di riferimento e dove da più tempo non sono svolte tali indagini. Ogni campagna prevede un periodo di monitoraggio estivo ed invernale e la relazione finale viene redatta non appena sono disponibili i dati nel sistema informativo interno e a conclusione delle eventuali analisi chimiche. Nel caso specifico entro fine febbraio.

Il Comune di Albignasego appartiene all’agglomerato di Padova e deve fare riferimento alla centralina fissa di Padova-Mandria che, per posizione e tipologia, è assolutamente rappresentativa della qualità dell’aria di Albignasego come confermato anche dalle cinque campagne di monitoraggio eseguite negli ultimi anni in questo comune.

Lo stato della qualità dell’aria ad Albignasego è quindi noto e si riassume come segue:

L’agglomerato di Padova, quindi anche il Comune di Albignasego, dal 2012 al 2016 ha ufficialmente avuto i seguenti superamenti dei limiti di legge:
il valore limite giornaliero per le polveri PM10 è stato superato, tutti gli anni;
il valore limite annuale per le polveri PM2.5 è stato superato nel 2015 e nel 2016;
il valore obiettivo per la protezione della salute umana per l’ozono è stato superato nel triennio 2014-2016;
il valore limite annuale per il biossido di azoto è stato superato nel 2012, 2013 e 2015;
il valore obiettivo per il benzo(a)pirene è stato superato nel 2012, 2015 e 2016.

ARPAV, in ogni caso, con la sua rete fissa di monitoraggio fornisce sempre sul sito internet nella sezione dati in diretta il quadro aggiornato ed in tempo reale della qualità dell’aria a livello regionale.

Agenzia Ambiente Veneto - ufficiostampa@arpa.veneto.it
Azioni sul documento

ultima modifica 13/02/2018 11:05