Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Comunicati stampa Archivio Comunicati Stampa Comunicati 2019 ARIA A VENEZIA. PUBBLICATA LA RELAZIONE SUGLI EFFETTI DELL’ORDINANZA COMUNALE A RIO NOVO

ARIA A VENEZIA. PUBBLICATA LA RELAZIONE SUGLI EFFETTI DELL’ORDINANZA COMUNALE A RIO NOVO

09/07/2019
— archiviato sotto:

E’ stata pubblicata, nei siti internet di Arpav e del Comune di Venezia, la relazione sull’effetto dell’ordinanza di limitazione del traffico acqueo a Venezia, Rio Novo. Dal monitoraggio Arpav, effettuato dal 19 marzo al 19 maggio 2019, emerge che le concentrazioni di monossido di carbonio e di biossido di azoto non hanno mai superato i valori medi limite di breve periodo, in linea con quanto si rileva presso tutte le stazioni di monitoraggio della Provincia di Venezia.

La concentrazione media giornaliera di polveri PM 10 rilevata a Rio Novo ha superato la concentrazione limite giornaliera per la protezione della salute umana nei giorni 31 marzo, 24, 25 e 26 aprile, registrando il valore massimo il 26 aprile (76 µg/m 3). Nel mese successivo al provvedimento di limitazione del traffico acqueo le condizioni meteorologiche sono state particolarmente favorevoli alla dispersione degli inquinanti e ciò ha comportato una riduzione delle concentrazioni di monossido di carbonio, ossidi di azoto e polveri PM 10. Il decremento delle concentrazioni di polveri PM 10 è stato meno marcato rispetto agli ossidi di azoto. La media delle concentrazioni di biossido di azoto rilevate a Rio Novo nel mese successivo al provvedimento è risultata inferiore a quella rilevata nel mese precedente al provvedimento, come
nelle altre stazioni della rete di monitoraggio. Tuttavia la riduzione della concentrazione media di biossido di azoto è stata di 19 µg/m 3 presso la stazione di Rio Novo e mediamente di 14 µg/m 3 presso le altre stazioni di misura. Per gli ossidi di azoto si osservano riduzioni importanti delle concentrazioni orarie nel mese successivo al provvedimento; tale riduzione è osservata mediamente anche presso le altre stazioni, sebbene a una scala diversa. Arpav auspica un prolungamento di validità dell’ordinanza e un’estensione della stessa per effettuare ulteriori valutazioni.

Il link alla relazione www.arpa.veneto.it/arpav/chi-e-arpav/file-e-allegati/dap-venezia

Agenzia Ambiente Veneto - ufficiostampa@arpa.veneto.it
Azioni sul documento

ultima modifica 09/07/2019 15:04