Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Comunicati stampa Archivio Comunicati Stampa Comunicati 2022 ARIA A SAN GIOVANNI LUPATOTO (VR). ONLINE LA RELAZIONE SULLA CAMPAGNA ARPAV

ARIA A SAN GIOVANNI LUPATOTO (VR). ONLINE LA RELAZIONE SULLA CAMPAGNA ARPAV

26/05/2022
— archiviato sotto:

AAV 26 maggio - Arpav ha monitorato la qualità dell’aria nel comune di San Giovanni Lupatoto con laboratorio mobile in via Vendramini dal 26 maggio al 29 giugno e dall’11 dicembre 2021 al 30 gennaio 2022.

Biossido di zolfo e monossido di carbonio, non risultano critici, in analogia con quanto accade negli altri siti della provincia di Verona. La concentrazione media di benzo(a)pirene nel periodo di monitoraggio non supera il valore obiettivo, relativo alla media annuale, pari a 1 ng/m3 (nanogrammo per metrocubo). Biossido di azoto e benzene, pur non evidenziando superamenti dei limiti normativi, mostrano valori più elevati delle stazioni di riferimento.

Le polveri PM10 nel periodo invernale e l’ozono in periodo estivo rappresentano gli inquinanti più critici misurati nel corso della campagna a San Giovanni Lupatoto, in analogia con quanto accade per le stazioni fisse di riferimento della rete ARPAV. La concentrazione di polveri PM10 ha superato il valore limite giornaliero per la protezione della salute umana per 24 giorni su 75 di misura, pari al 32% del periodo, e il suo valore medio nei due periodi di monitoraggio è stato 40 μg/m3 (microgrammi al metrocubo). La stazione di riferimento di Verona-Borgo Milano evidenzia concentrazioni confrontabili e permette di stimare, per San Giovanni Lupatoto, che sia rispettato il limite normativo sulla media annuale delle polveri PM10 e sia invece superato il valore limite sulla media giornaliera per più dei 35 giorni consentiti.

L’ozono ha mostrato valori confrontabili con quelli della centralina di riferimento di Verona-Giarol e 23 giornate di superamento del valore obiettivo sulla media mobile di 8 ore, pari a 120 μg/m3.

Le condizioni meteorologiche di scarsa ventilazione e piovosità hanno favorito l’accumulo degli inquinanti per più del 90% del periodo di monitoraggio. Nel periodo estivo, le condizioni favorevoli alla formazione di ozono si sono verificate nel 34% dei giorni.

Leggi la relazione

Agenzia Ambiente Veneto - ufficiostampa@arpa.veneto.it
Azioni sul documento

ultima modifica 26/05/2022 11:32