Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Indicatori Ambientali Storico Atmosfera Qualità dell'aria Livelli di concentrazione di benzo(a)pirene - agg. 31/12/2017
Indicatore Obiettivo DPSIR Stato attuale indicatore Trend della risorsa
Livelli di concentrazione di benzo(a)pirene - agg. 31/12/2017 Il benzo(a)pirene supera i limiti di legge? S

DESCRIZIONE

Il benzo(a)pirene è uno degli idrocarburi policiclici aromatici (IPA), composti che si originano principalmente dalla combustione incompleta in impianti industriali, di riscaldamento e nei veicoli a motore. Tra i combustibili ad uso civile si segnala l’impatto sulle emissioni di benzo(a)pirene della legna da ardere. Gli IPA sono in massima parte assorbiti e veicolati dalle particelle carboniose (fuliggine) emesse dalle stesse fonti emissive. Un numero considerevole di Idrocarburi Policiclici Aromatici presenta attività cancerogena.

OBIETTIVO

La soglia di concentrazione in aria del benzo(a)pirene è stabilita dal D.Lgs. 155/2010 e calcolata su base temporale annuale. La valutazione dello stato attuale dell’indicatore è basata sul numero di superamenti, registrati presso le stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria della rete regionale ARPAV, del Valore Obiettivo (VO) annuale di 1.0 ng/m3. Tale inquinante viene determinato analiticamente sulle polveri PM10.

VALUTAZIONE

faccina rossa Dal confronto tra i livelli di benzo(a)pirene registrati presso le 18 stazioni attive nel 2017 ed il Valore Obiettivo, si osserva uno stato negativo dell’indicatore in quanto nel 61% delle stazioni tale valore è stato superato.

ico_Mappa_BaP_2017.jpg

clicca sulla mappa per visualizzare meglio le stazioni sul territorio

Fig. 1 - Mappa regionale delle stazioni di monitoraggio del Veneto che hanno superato, nel 2017, il Valore Obiettivo (VO) annuale di 1.0 ng/m3 per benzo(a)pirene. Parametro rilevato presso le 18 stazioni attive nel 2017. Le stazioni sono distinte per tipologia e per superamento o meno del VO (in rosso le stazioni con superamento).

box giallo Per rappresentare l’andamento temporale dei livelli di concentrazione, è stato calcolato il valore medio annuale per tipologia di stazione “media” regionale (di Background e di Traffico/Industriale), considerando l’insieme complessivo di centraline facenti parte della rete. Pur non rappresentando una verifica del superamento del VO annuale, che va esaminato stazione per stazione, nel 2015, nel 2016 e nel 2017, così come nel triennio (2011, 2012 e 2013) c'è stato il superamento della soglia di legge per le concentrazioni di benzo(a)pirene. Considerando le concentrazioni rilevate negli ultimi 5 anni la valutazione complessiva del trend è incerta, poiché negli anni le tendenze sono state alterne.

benzoapirene_2002_2017.JPG

Clicca sul grafico per scaricare il file dati

Fig. 2 - Andamento della media annuale di benzo(a)pirene (in ng/m3) dal 2002 al 2017 nelle stazioni “medie” regionali confrontato con il Valore Obiettivo annuale (1.0 ng/m3).

Media annuale di benzo(a)pirene, dal 2002 al 2017, per ciascuna stazione di monitoraggio del Veneto. Scarica i file


A livello nazionale, gli ultimi dati disponibili per il BaP si riferiscono all’anno 2016 (Qualità dell’ambiente urbano – XIII Rapporto (2017) ISPRA Stato dell’Ambiente 74/17 ISBN 978-88-448-0858-7). I dati disponibili per il 2016 sono relativi a 60 aree urbane. Il valore obiettivo per il BaP è stato superato in 11 aree urbane (pari al 18% del totale); la gran parte dei superamenti sono localizzati in aree urbane del Nord.
A livello regionale, nel 2016, il valore obiettivo è stato superato in 6 delle 7 aree urbane del Veneto (pari al 85% del totale) ovvero a Rovigo, Belluno, Padova, Treviso, Venezia, Vicenza.

L’aggiornamento dell’indicatore con i dati dell’anno 2018 è previsto per luglio 2019.

 

licenzalicenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

Metadati
Data ultimo aggiornamento 22/6/2018
Fonte dei dati ARPAV
Fonte dell'indicatore ARPAV – Osservatorio Regionale Aria
Sorgente digitale dei dati banca dati SIRAV
Scopo
Unità di misura nanogrammi/metro cubo (ng/m3)
Metodo di elaborazione
Riferimento normativo D.Lgs. 155/2010
Valore di riferimento Valore Obiettivo annuale (1 ng/m3)
Periodicità di rilevamento dei dati giornaliera su PM10 (120 campioni/anno)
Periodicità di rilevamento dell'indicatore annua
Periodicità di riferimento dal 1/1/2002 - al 31/12/2017
Unità elementare di rilevazione stazione di monitoraggio
Livello minimo geografico Puntuale
Copertura geografica regionale
Aspetti da migliorare
Link utili http://annuario.isprambiente.it/sites/default/files/pdf/2016/integrale/7_Atmosfera_FINALE.pdf
http://www.isprambiente.gov.it/files2017/pubblicazioni/stato-ambiente/rau-2017/5_Qualita%20dellaria.pdf
DPSIR
  • D - Determinante
  • P - Pressione
  • S - Stato
  • I - Impatto
  • R - Risposta
Stato attuale
  • Positivo
  • Intermedio o incerto
  • Negativo
Trend della risorsa
  • In miglioramento
  • Stabile o incerto
  • In peggioramento