Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Indicatori Ambientali Storico Atmosfera Qualità dell'aria Livelli di concentrazione di benzo(a)pirene - agg. 31/12/2012
Indicatore Obiettivo DPSIR Stato attuale indicatore Trend della risorsa
Livelli di concentrazione di benzo(a)pirene - agg. 31/12/2012 Il benzo(a)pirene supera i limiti di legge? S

DESCRIZIONE

Il benzo(a)pirene è uno degli idrocarburi policiclici aromatici (IPA), composti che si originano principalmente dalla combustione incompleta in impianti industriali, di riscaldamento e nei veicoli a motore. Tra i combustibili ad uso civile si segnala l’impatto sulle emissioni di benzo(a)pirene della legna da ardere. Gli IPA sono in massima parte assorbiti e veicolati dalle particelle carboniose (fuliggine) emesse dalle stesse fonti emissive. Un numero considerevole di Idrocarburi Policiclici Aromatici presenta attività cancerogena.

OBIETTIVO

La soglia di concentrazione in aria del benzo(a)pirene è stabilita dal D.Lgs. 155/2010 e calcolata su base temporale annuale. La valutazione dello stato attuale dell’indicatore è basata sul numero di superamenti, registrati presso le stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria della rete regionale ARPAV, del Valore Obiettivo (VO) annuale di 1.0 ng/m3. Tale inquinante viene determinato analiticamente sulle polveri PM10.

VALUTAZIONE

faccina rossa Dal confronto tra i livelli di benzo(a)pirene registrati presso le 17 stazioni attive nel 2012 ed il Valore Obiettivo, si osserva uno stato negativo dell’indicatore in quanto nel 71% delle stazioni tale valore è stato superato. L’analisi dei superamenti del VO registrati nel periodo 2002-2012 evidenzia uno stato qualitativo dell’indicatore negativo, a causa dell’inversione di tendenza a partire dal 2011 rispetto alle due annualità precedenti.

Nel corso dell’anno 2012, la rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria è stata adeguata ai dettami normativi del D.Lgs. 155/2010, con una significativa variazione dell’assetto della rete sia in termini numerici che di dotazione strumentale.

B(a)P mappa 2012 Veneto

fig.1 - Mappa regionale delle stazioni di monitoraggio del Veneto che hanno superato, nel 2012, il Valore Obiettivo (VO) annuale di 1.0 ng/m3 per benzo(a)pirene. Parametro rilevato presso le 17 stazioni attive nel 2012. Le stazioni sono distinte per tipologia e per superamento o meno del VO (in rosso le stazioni con superamento).

box rosso Per rappresentare l’andamento temporale dei livelli di concentrazione, è stato calcolato il valore medio annuale per tipologia di stazione “media” regionale (di Background e di Traffico/Industriale), considerando l’insieme complessivo di centraline facenti parte della rete. Pur non rappresentando una verifica del superamento del VO annuale, che va esaminato stazione per stazione, negli ultimi due anni (2011 e 2012) per le stazioni "medie" c'è stato il superamento della soglia di legge per le concentrazioni di benzo(a)pirene. Si riscontra dunque un’inversione di tendenza rispetto al periodo 2002-2010 con un netto incremento del valore medio di benzo(a)pirene nel periodo 2010-2012 in entrambe le tipologie di stazioni. Per tale motivo la valutazione complessiva del trend è negativa.

img_benzoapirene_2002_2012.jpg

fig. 2 - Andamento della media annuale di benzo(a)pirene (in ng/m3) dal 2002 al 2012 nelle stazioni “medie” regionali confrontato con il Valore Obiettivo annuale (1.0 ng/m3).

A livello nazionale, gli ultimi dati disponibili si riferiscono all’anno 2011 e sono contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2012 dell’ISPRA. Considerando le 69 stazioni di monitoraggio del benzo(a)pirene che presentavano nel 2011 una copertura del dato ³ 33% (incluse alcune stazioni presenti in Veneto), ISPRA stimava che l’80% di esse non superassero il VO annuale pari a 1.0 ng/m3. Nel medesimo anno (2011), la percentuale di stazioni di monitoraggio del benzo(a)pirene attive in Veneto (19) che rispettavano il VO annuale era più bassa e pari al 47%. Nel 2012 tale percentuale regionale si è ridotta ulteriormente, passando al 29%.

L’aggiornamento dell’indicatore con i dati dell’anno 2013 è previsto per luglio 2014.

 

licenzalicenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

 

Metadati
Data ultimo aggiornamento 15/7/2013
Fonte dei dati ARPAV
Fonte dell'indicatore ARPAV – Osservatorio Regionale Aria
Sorgente digitale dei dati banca dati SIRAV
Scopo
Unità di misura nanogrammi/metro cubo (ng/m3)
Metodo di elaborazione
Riferimento normativo D.Lgs. 155/2010
Valore di riferimento Valore Obiettivo annuale (1 ng/m3)
Periodicità di rilevamento dei dati giornaliera su PM10 (120 campioni/anno)
Periodicità di rilevamento dell'indicatore annua
Periodicità di riferimento dal 1/1/2002 - al 31/12/2012
Unità elementare di rilevazione stazione di monitoraggio
Livello minimo geografico Puntuale
Copertura geografica regionale
Aspetti da migliorare
Link utili http://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/aria/qualita-dellaria
http://annuario.isprambiente.it/sites/default/files/pdf/2012/annuario/6_Atmosfera.pdf
DPSIR
  • D - Determinante
  • P - Pressione
  • S - Stato
  • I - Impatto
  • R - Risposta
Stato attuale
  • Positivo
  • Intermedio o incerto
  • Negativo
Trend della risorsa
  • In miglioramento
  • Stabile o incerto
  • In peggioramento