Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Indicatori Ambientali Storico Clima e rischi naturali Clima Quantità e durata del manto nevoso - Agg.31/12/09
Indicatore Obiettivo DPSIR Stato attuale indicatore Trend della risorsa
Quantità e durata del manto nevoso - Agg.31/12/09 Qual è la disponibilità della risorsa neve? S

DESCRIZIONE

Il Veneto è caratterizzato, nella zona montana (Dolomiti e Prealpi) dalla presenza stagionale del manto nevoso al suolo che, oltre a costituire un importante fattore ecologico, rappresenta una risorsa economica di notevole rilevanza, sia dal punto di vista turistico che idrologico.

Per caratterizzare tale risorsa sono stati presi in considerazione tre parametri, ottenuti come media fra 15 stazioni nivo-meteorologiche distribuite sulla montagna veneta, nel periodo 1986-2009:

·       l’altezza massima del manto nevoso al suolo, che rappresenta la massima altezza raggiunta al culmine del periodo di accumulo del manto nevoso;

·       l’altezza media sull’intero anno intesa a verificare sull’intero arco temporale la disponibilità media della risorsa;

·       i giorni di neve al suolo, per valutare la durata del manto nevoso.

Tali parametri dipendono principalmente dalla quantità delle precipitazioni nevose e dalle condizioni climatiche locali. Si tratta quindi di parametri che esprimono, in modo indiretto, la nevosità di una stagione invernale e quindi la disponibilità della risorsa neve.

Le stazioni considerate coprono una fascia altimetrica che per le Prealpi è tra 1450-1750 m, per le Dolomiti meridionali tra 1750-2250 m, per le Dolomiti settentrionali tra 1900-2600 m.

OBIETTIVO

Stabilire la disponibilità della risorsa per l’anno analizzato. Per dare una valutazione sullo stato attuale si è quindi confrontato il dato con l'andamento degli anni immediatamente precedenti, mentre il trend è valutato in rapporto ai dati 1986-2008.

VALUTAZIONE

Nel corso del 2009 sono registrati valori superiori alla norma per i tre parametri considerati se si eccettua un valore relativo al numero medio di giorni con neve al suolo che nel settore Dolomitico settentrionale risulta nel 2009 lievemente inferiore alla media. I valori riscontrati sono stati positivamente influenzati dalle abbondanti nevicate cadute sia tra gennaio e maggio che nel mese di novembre. Nel dettaglio risulta che:

-   altezza massima: su Dolomiti settentrionali il valore medio su 5 stazioni nel 2009 è 214 cm (media 1986-2008: 117 cm); su Dolomiti meridionali il valore medio su 3 stazioni nel 2009 è 293 cm (media 1986-2008: 151 cm); su Prealpi il valore medio su 7 stazioni nel 2009 è 262  cm (media 1986-2008: 99 cm);

-   altezza media: su Dolomiti settentrionali il valore medio su 5 stazioni nel 2009 è 66 cm (media 1986-2008: 33 cm); su Dolomiti meridionali il valore medio su 3 stazioni nel 2009 è 94 cm (media 1986-2008: 40 cm); su Prealpi il valore medio su 7 stazioni nel 2009 è 68 cm (media 1986-2008: 19 cm);

-  durata della neve al suolo: su Dolomiti settentrionali il valore medio su 5 stazioni nel 2009 è 241 giorni (media 1986-2008: 243 giorni); su Dolomiti meridionali il valore medio su 3 stazioni nel 2009 è 231 giorni (media 1986-2008: 221 giorni); su Prealpi il valore medio su 7 stazioni nel 2009 è 211 giorni (media 1986-2008: 177 giorni).

I tre parametri per le tre aree considerate (Prealpi, Dolomiti meridionali e settentrionali) sono stati valutati mediante un indice standardizzato SAI, media dello scarto dalla media diviso per la deviazione standard; valori nulli dell’indice rappresentano anni entro la media, valori negativi quelli inferiori alla media (meno nevosi o con meno giorni di neve al suolo rispetto alla media), valori positivi indicano anni più nevosi della media. Nel 2009 il SAI per l’altezza del manto nevoso, sia massima che media, risulta ampiamente sopra la media.

Versioni anni precedenti:  2006   2007

ELABORAZIONI DEI DATI

Indice di anomalia standardizzato medio annuo sulle Prealpi e sulle Dolomiti per l'altezza massima media annua, per l'altezza media annuale e per il numero medio annuo di giorni con neve al suolo rispetto alla media 1987-2008 e media mobile su 5 anni.
Manto nevoso.xls
Metadati
Data ultimo aggiornamento 1/8/2010
Fonte dei dati ARPAV
Fonte dell'indicatore ARPAV
Sorgente digitale dei dati
Scopo
Unità di misura metri;giorni (indici standardizzati)
Metodo di elaborazione
Riferimento normativo
Valore di riferimento indice standardizzato SAI, media dello scarto dalla media diviso per la deviazione standard
Periodicità di rilevamento dei dati giornaliera
Periodicità di rilevamento dell'indicatore non definita
Periodicità di riferimento dal 1/1/1986 - al 31/12/2009
Unità elementare di rilevazione
Livello minimo geografico Regionale
Copertura geografica regionale
Aspetti da migliorare
Link utili
DPSIR
  • D - Determinante
  • P - Pressione
  • S - Stato
  • I - Impatto
  • R - Risposta
Stato attuale
  • Positivo
  • Intermedio o incerto
  • Negativo
Trend della risorsa
  • In miglioramento
  • Stabile o incerto
  • In peggioramento