Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Indicatori Ambientali Storico Rifiuti Gestione dei rifiuti Quantità di rifiuti urbani raccolti in modo differenziato - agg. 31/12/2015
Indicatore Obiettivo DPSIR Stato attuale indicatore Trend della risorsa
Quantità di rifiuti urbani raccolti in modo differenziato - agg. 31/12/2015 Sono stati raggiunti gli obiettivi sulla raccolta differenziata? R

DESCRIZIONE
La percentuale di raccolta differenziata rappresenta il risultato delle misure messe in atto dalle amministrazioni locali (risposte) per la gestione dei rifiuti urbani, al fine di raccogliere la maggior quantità di rifiuti da avviare a recupero, minimizzando il ricorso all'utilizzo degli impianti di smaltimento, e di intercettare le tipologie di rifiuti potenzialmente dannosi per l'ambiente.
Per calcolare l’indicatore non esiste un metodo ufficiale a livello nazionale. La regione Veneto, in relazione al Piano Regionale Rifiuti ha approvato un metodo di calcolo della % RD che esclude gli scarti dal trattamento di alcune frazioni. A livello nazionale ISPRA ha adottato un metodo diverso.

OBIETTIVO
Il valore di riferimento per la valutazione dell'indicatore è stabilito sia dalla normativa nazionale sia dal Piano Regionale per la Gestione dei Rifiuti Urbani attualmente in vigore.
A livello nazionale il D.Lgs. 152/06 prevede il raggiungimento del 65% nel 2012. Nel dettaglio regionale il nuovo Piano Regionale Rifiuti approvato con DCR n. 30/2015 prevede per il 2015 il raggiungimento del 65% e per il 2020 del 76%.

VALUTAZIONE

box verde La quantità di rifiuti urbani raccolti in modo differenziato in Veneto nel 2015 ammonta a 1.584.206 t con una percentuale del 66,5 calcolata con il metodo regionale. Tale valore consente al Veneto di superare ormai da 5 anni l’obiettivo del 65% previsto della normativa nazionale, collocandosi al primo posto tra le regioni italiane.
La provincia di Treviso, con il 81,6% di raccolta differenziata, oltrepassa non solo l’ultimo obiettivo previsto dal D.Lgs. 152/06 per il 2012, superato anche dalle province di Belluno e Vicenza, ma anche il 76% di RD previsto per il 2020 dagli scenari del nuovo Piano Regionale Rifiuti.

Percentuale di raccolta differenziata per provincia, anno 2015

RD_per_provincia_2015.jpg

Clicca sull'immagine per scaricare i dati

Percentuale di Comuni veneti per classe di raccolta differenziata, anno 2015

comuni_per_classi_RD_2015.jpg

Clicca sull'immagine per scaricare i dati

faccina verde L’indicatore dimostra come le province del Veneto si siano impegnate per differenziare quantitativi sempre più elevati di rifiuti, raggiungendo ottime percentuali di raccolta differenziata che nel 2015 permettono al Veneto di arrivare al 66,5%, valore tra i più alti a livello nazionale.

L’aggiornamento dell’indicatore con i dati dell’anno 2016 è previsto per agosto 2017.

licenzalicenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

Metadati
Data ultimo aggiornamento 30/9/2016
Fonte dei dati Comuni
Fonte dell'indicatore ARPAV – Osservatorio Regionale Rifiuti
Sorgente digitale dei dati
Scopo
Unità di misura tonnellate, percentuale (%)
Metodo di elaborazione
Riferimento normativo Piano Regionale per la Gestione dei Rifiuti Urbani approvato con DCR n. 30/2015 D.lgs 152/06 L. 296/06 “Legge Finanziaria 2007”
Valore di riferimento 65% (obiettivo previsto dal d.lgs 152/06 per il 2012) 65% e 76% (obiettivi previsti dal nuovo Piano Regionale Rifiuti per il 2015 e 2020)
Periodicità di rilevamento dei dati annuale
Periodicità di rilevamento dell'indicatore annuale
Periodicità di riferimento dal 1/1/2014 - al 31/12/2015
Unità elementare di rilevazione comune
Livello minimo geografico Comunale
Copertura geografica regione
Aspetti da migliorare
Link utili http://www.isprambiente.gov.it/it/pubblicazioni/rapporti/rapporto-rifiuti-urbani-edizione-2016
http://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/rifiuti/rifiuti-urbani/rifiuti-urbani-2015
http://idt.regione.veneto.it/app/metacatalog/#
DPSIR
  • D - Determinante
  • P - Pressione
  • S - Stato
  • I - Impatto
  • R - Risposta
Stato attuale
  • Positivo
  • Intermedio o incerto
  • Negativo
Trend della risorsa
  • In miglioramento
  • Stabile o incerto
  • In peggioramento