Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Indicatori Ambientali Storico Rifiuti Gestione dei rifiuti Sistemi di recupero dei rifiuti speciali
Indicatore Obiettivo DPSIR Stato attuale indicatore Trend della risorsa
Sistemi di recupero dei rifiuti speciali Quanti sono i rifiuti speciali recuperati negli impianti regionali? R

In Veneto il totale dei rifiuti speciali, pericolosi e non pericolosi, prodotti nel 2005 ammonta a più di 8 milioni di tonnellate. Di questi, quelli recuperati, al netto dei rifiuti da costruzione e demolizione (C&D) non pericolosi, ammontano a oltre 5,6 milioni di tonnellate. Per le tipologie di recupero si fa riferimento alle operazioni definite nell’allegato C del D.Lgs. 152/06.

Di seguito si  riportano in dettaglio le quantità di rifiuto trattate nel 2005, distinto in rifiuto pericoloso e non pericoloso, per operazione di recupero. La quantità di rifiuti speciali prodotti destinata al recupero, esclusa la messa in riserva (TOT–R13), ammonta a circa 5,1 milioni di tonnellate; di queste poco più di 250.000 sono state sottoposte a recupero energetico e circa 4,8 milioni a recupero di materia.

Le forme di recupero più rilevanti in Veneti sono, nell’ordine:

R5 - “Recupero di altre sostanze inorganiche” (40%);

R3 - “Riciclo, recupero delle sostanze organiche non utilizzate come solventi” (22%);

R4 - “Riciclo recupero metalli” (14%).

Le province che hanno recuperato maggiormente nel 2005 sono state Treviso, Verona e Vicenza, seguite da Padova, Venezia, Rovigo e Belluno.

In generale, negli ultimi anni si sono registrate lievi oscillazioni, mediamente in aumento per Vicenza e Treviso, in calo per Belluno e Rovigo, e sostanzialmente stabili per le altre province.

Tuttavia, il dato positivo è il netto aumento della percentuale di rifiuti speciali recuperati sul totale dei rifiuti prodotti; analizzando i dati dal 2003 al 2005 si evince che tale percentuale è passata dal 42% al 63%, diventando il recupero la forma principale di gestione dei rifiuti speciali.

L’attività di recupero nel Veneto ha inciso tra le operazioni di gestione per il 63%, mentre la percentuale nazionale nel 2004 si è attestata per un valore pari al 57% .

Attività di recupero dei Rifiuti Speciali
Quantità di rifiuto recuperato distinto per operazione e per rifiuto pericoloso e non pericoloso. Incidenza (in percentuale)delle diverse forme di recupero e incidenza del recupero distinta per provincia (2005). Andamento delle quantità di rifiuti speciali recuperati nelle province dal 2002 al 2005.
recupero_RS_tab1_fig1_fig2_fig3.xls
Metadati
Data ultimo aggiornamento 30/9/2007
Fonte dei dati ARPAV – Osservatorio Regionale Rifiuti
Fonte dell'indicatore ARPAV – Osservatorio Regionale Rifiuti
Sorgente digitale dei dati
Scopo
Unità di misura tonnellate/anno, percentuale (%)
Metodo di elaborazione
Riferimento normativo D.Lgs. 152/06 D.Lgs. 22/97
Valore di riferimento 57% rifiuti speciali recuperati nel 2004 in Italia:
Periodicità di rilevamento dei dati annuale
Periodicità di rilevamento dell'indicatore annuale
Periodicità di riferimento dal 1/1/2002 - al 31/12/2005
Unità elementare di rilevazione
Livello minimo geografico Provinciale
Copertura geografica regionale
Aspetti da migliorare
Link utili
DPSIR
  • D - Determinante
  • P - Pressione
  • S - Stato
  • I - Impatto
  • R - Risposta
Stato attuale
  • Positivo
  • Intermedio o incerto
  • Negativo
Trend della risorsa
  • In miglioramento
  • Stabile o incerto
  • In peggioramento