Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Indicatori Ambientali Storico Rifiuti Produzione di rifiuti Produzione di rifiuti speciali per settore produttivo agg 31/12/2008
Indicatore Obiettivo DPSIR Stato attuale indicatore Trend della risorsa
Produzione di rifiuti speciali per settore produttivo agg 31/12/2008 Quali sono i settori produttivi che incidono maggiormente sull’ambiente? P

DESCRIZIONE

L’indicatore riporta le 10 macroattività economiche (divisioni ATECO 2002 – prime due cifre del codice) che nel 2008 hanno inciso maggiormente (per il 78%) sulla produzione regionale di rifiuti speciali (esclusi i rifiuti da Costruzione e Demolizione non pericolosi e le categorie economiche relative alla gestione dei rifiuti).

OBIETTIVO

Non è identificabile un valore di riferimento per la valutazione dello stato attuale dell'indicatore.

VALUTAZIONE

Per quanto riguarda i rifiuti speciali pericolosi, il settore che riveste maggior importanza è quello della ‘fabbricazione di prodotti chimici e di fibre sintetiche e artificiali’, che pesa sul totale dei rifiuti pericolosi prodotti in ambito regionale per il 34% circa.
Il settore che ha prodotto la maggior quantità di rifiuti speciali (quasi tutti non pericolosi) è quello relativo al “Trattamento dei rifiuti e delle acque” che comprende la gestione dei rifiuti e la depurazione delle acque di scarico. Questa attività è responsabile della produzione di 2.301.527 tonnellate di rifiuti speciali (25% ca. del totale) e produce rifiuti per così dire “secondari”, in quanto derivanti dal trattamento di rifiuti di altre attività produttive o di servizi.
La seconda attività economica per produzione di rifiuti speciali è quella della “Fabbricazione di prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi e della pietra” nella quale rientrano il taglio, la modellatura e la finitura della pietra. Questa attività ha prodotto nel 2008  1.168.322 tonnellate di rifiuti speciali. Le attività di lavorazione della pietra sono concentrate nelle province di Verona e, in misura minore, di Vicenza.
Dal confronto con gli anni precedenti  emerge che i due settori responsabili delle maggiori produzioni di rifiuti speciali restano gli stessi.

Versioni anni precedenti: 2005, 2006, 2007

ELABORAZIONI E RAPPRESENTAZIONI DEI DATI

Metadati
Data ultimo aggiornamento 15/11/2011
Fonte dei dati MUD
Fonte dell'indicatore ARPAV – Osservatorio Regionale Rifiuti
Sorgente digitale dei dati
Scopo
Unità di misura tonnellate/anno
Metodo di elaborazione
Riferimento normativo D.lgs 152/06, L70/94
Valore di riferimento
Periodicità di rilevamento dei dati annuale
Periodicità di rilevamento dell'indicatore annuale
Periodicità di riferimento dal 1/1/2005 - al 31/12/2008
Unità elementare di rilevazione unità locale
Livello minimo geografico Regionale
Copertura geografica regione
Aspetti da migliorare
Link utili http://www.arpa.veneto.it/rifiuti/htm/rapporto_rifiuti_2008-2009.asp
DPSIR
  • D - Determinante
  • P - Pressione
  • S - Stato
  • I - Impatto
  • R - Risposta
Stato attuale
  • Positivo
  • Intermedio o incerto
  • Negativo
Trend della risorsa
  • In miglioramento
  • Stabile o incerto
  • In peggioramento