Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Indicatori Ambientali Storico Rifiuti Produzione di rifiuti Produzione di rifiuti speciali - agg. 31/12/2015
Indicatore Obiettivo DPSIR Stato attuale indicatore Trend della risorsa
Produzione di rifiuti speciali - agg. 31/12/2015 La produzione di rifiuti speciali è variata negli anni? P

Produzione di rifiuti speciali (rifiuti speciali pericolosi RSP, rifiuti speciali non pericolosi RSNP e rifiuti da Costruzione e Demolizione non pericolosi C&D NP)

DESCRIZIONE

La produzione dei rifiuti speciali pericolosi RSP, rifiuti speciali non pericolosi RSNP e rifiuti da Costruzione e Demolizione non pericolosi C&D NP, (rifiuti provenienti dalla produzione primaria di beni e servizi, dalle attività dei comparti quali il commercio e quelli derivanti dai processi di disinquinamento come fanghi, percolati, materiali di bonifica, ecc.) evidenzia un trend fortemente condizionato dalla produzione di C&D NP Questi ultimi dal 2008 mostrano un andamento in progressiva diminuzione. Sostanzialmente stabili i rifiuti NP e P.
La fonte del dato di produzione dei rifiuti speciali è il MUD (Modello Unico di Dichiarazione ambientale), che risulta esaustivo per i RP, in considerazione dell’obbligatorietà della dichiarazione per tutti i soggetti produttori.
Il MUD non risulta esaustivo, invece, per i RSNP poiché alcuni produttori (quelli con più di 10 dipendenti) sono obbligati a presentarlo inoltre per i rifiuti da C&D NP non vige l’obbligo di dichiarazione per i rifiuti prodotti. In proposito si precisa che il quantitativo totale prodotto di rifiuti da C&D è stimato pari al quantitativo totale di rifiuti gestiti.

OBIETTIVO

Per la produzione non è possibile definire un valore obiettivo e pertanto risulta necessario confrontare i dati con quelli degli anni precedenti rapportandoli al trend economico. Un aumento di produzione viene valutato sempre in modo negativo; mentre nel caso di un decremento della produzione la valutazione è positiva quando è associata ad un aumento del PIL (ossia con PIL in crescita e produzione in calo). Nel caso di una diminuita produzione a fronte di una contrazione del PIL, l’indicatore non può essere connotato da una valutazione positiva.

VALUTAZIONE

faccina giallaNel Veneto la produzione dei rifiuti speciali nel 2015 è stata di circa 13,4 milioni di tonnellate così suddivise:

  • 922,000 t di rifiuti pericolosi (RP)
  • 7,7 milioni di t di rifiuti non pericolosi, esclusi i rifiuti da C&D
  • 4,9 milioni di t circa di rifiuti da Costruzione e Demolizione non pericolosi (C&D NP )

box verde Per quanto riguarda il dato di produzione del 2015, si riscontra rispetto al 2014 un aumento rispettivamente del 2% circa nella produzione di RSP, diminuzione dei rifiuti da C&D NP (-4,5%) mentre un invarianza della produzione di rifiuti speciali non pericolosi (RS) (0,3%) a fronte di un aumento del PIL del 1 % rispetto al 2014.

Trend produzione regionale di RSNP; RSP e C&D* valore stimato Anni 2005 - 2015

trend_RP_2005_2015.JPG

Clicca sull'immagine per scaricare i dati

Confrontando l’incidenza della produzione dei rifiuti speciali pericolosi suddivisi per capitoli CER, rispetto all’anno precedente si evidenzia:

  • L’aumento dei rifiuti appartenenti al capitolo 19 (+22.630 t circa);
  • L’aumento dei rifiuti appartenenti al capitolo 13 (+ 16.000 t circa);
  • la diminuzione dei rifiuti appartenenti al capitolo CER 17 (-2.920 t).

Produzione regionale di rifiuti speciali pericolosi dei capitoli più significativi (incidenza del 96% rispetto al totale)– Confronto Anni 2011--2015

trend_rp_produzione_cap_cer.JPG

Clicca sull'immagine per scaricare i dati

Confrontando l’incidenza della produzione dei rifiuti speciali non pericolosi suddivisi per capitoli CER (esclusi C&D), rispetto all'anno precedente si evidenzia:

  • incremento del 1% dei rifiuti appartenenti al capitolo 19” Rifiuti prodotti da impianti di trattamento dei rifiuti, impianti di trattamento delle acque reflue fuori sito, nonché dalla potabilizzazione dell’acqua e dalla sua preparazione all’uso industriale”, (28.400 t circa)
  • decremento del 2% dei rifiuti appartenenti al capitolo 10 “Rifiuti da processi termici”, che rappresentano il 15% della produzione complessiva.(-20.800 t)
  • decremento del 2% dei rifiuti appartenenti al capitolo 01 “Rifiuti dalla lavorazione della pietra e dei minerali”, che rappresentano il 9% della produzione complessiva.(-13.800 t)

Trend della produzione regionale di rifiuti speciali non pericolosi capitoli più significativi (sopra il 3% rispetto al totale (esclusi i rifiuti da C&D) – Confronto Anni 2010-2015

trend_rsnp_cap_cer.JPG


Confrontando l’incidenza della produzione stimata dei rifiuti speciali da C&D NP tra diversi sottocapitoli,si evidenzia che:

  • il 29 % è costituito dalla classe CER 1709 “Rifiuti misti da costruzione e demolizione”
  • il 25 % è costituito dalla classe CER 1701 “Cemento mattoni mattonelle ceramiche
  • il 16 % è costituito dalla classe CER 1705 “Terre e rocce e fanghi di dragaggio”
  • il 16% è costituito dalla classe CER 1704 “Metalli e loro leghe””

 

L’aggiornamento dell’indicatore con i dati dell’anno 2016 è previsto per novembre 2018.

licenzalicenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

Metadati
Data ultimo aggiornamento 7/10/2017
Fonte dei dati MUD
Fonte dell'indicatore ARPAV – Osservatorio Regionale Rifiuti
Sorgente digitale dei dati
Scopo
Unità di misura tonnellate/anno
Metodo di elaborazione
Riferimento normativo D.Lgs 152/06 – D. Lgs. 205/2010
Valore di riferimento
Periodicità di rilevamento dei dati annuale
Periodicità di rilevamento dell'indicatore annuale
Periodicità di riferimento dal 1/1/2002 - al 31/12/2015
Unità elementare di rilevazione unità locale
Livello minimo geografico Provinciale
Copertura geografica regione
Aspetti da migliorare
Link utili Rapporto Rfiuti Speciali anno 2015: http://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/rifiuti/file-e-allegati/rapporto_rifiuti_speciali_edizione_2017
DPSIR
  • D - Determinante
  • P - Pressione
  • S - Stato
  • I - Impatto
  • R - Risposta
Stato attuale
  • Positivo
  • Intermedio o incerto
  • Negativo
Trend della risorsa
  • In miglioramento
  • Stabile o incerto
  • In peggioramento