Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Indicatori Ambientali Indicatori Ambientali Atmosfera Emissioni Emissioni in atmosfera di precursori di ozono troposferico (NOx, COV)
Indicatore Obiettivo DPSIR Stato attuale indicatore Trend della risorsa
Emissioni in atmosfera di precursori di ozono troposferico (NOx, COV) Le emissioni regionali di precursori di ozono troposferico sono in diminuzione ? P

DESCRIZIONE

Gli ossidi di azoto (NOx) ed i composti organici volatili (COV), precursori dell’ozono troposferico, hanno anche una rilevanza transfrontaliera per fenomeni di trasporto a lunga distanza. L’O3 è un tipico inquinante secondario che si forma nella bassa atmosfera in seguito alle reazioni fotochimiche a carico di inquinanti precursori prodotti per lo più dai processi antropici. A causa della sua origine, l’ozono raggiunge i livelli più elevati durante il periodo estivo, quando l’irraggiamento è più intenso e le reazioni fotochimiche sono favorite.

OBIETTIVO

Gli obiettivi fissati dal Protocollo di Göteborg (1999) nell'ambito della Convenzione di Ginevra sull'inquinamento atmosferico transfrontaliero a lunga distanza (1979) sono i seguenti: NOx valore limite 1.000 kt; COV valore limite 1.159 kt. I limiti nazionali di emissione da raggiungere entro il 2010 fissati dal D.Lgs. 171/04, in recepimento della Direttiva NEC (2001/81/CE) sono: NOx = 990 kt; COV = 1.159 kt. Non sono invece fissati, dalla normativa vigente, tetti di emissione a livello regionale. E’ stata emanata la Direttiva (UE) 2016/2284 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 14 dicembre 2016 concernente la riduzione delle emissioni nazionali di determinati inquinanti atmosferici, che modifica la direttiva 2003/35/CE e abroga la direttiva 2001/81/CE sui NEC – National Emission Ceilings. Gli Stati Membri devono recepire la nuova direttiva entro il 1° luglio 2018. La direttiva stabilisce gli impegni nazionali di riduzione delle emissioni rispetto all'anno base 2005, per qualsiasi anno dal 2020 al 2029, e successivamente a partire dal 2030. Relativamente ai due periodi indicati, sono state stabilite percentuali di riduzione rispettivamente del 40% e 65% per NOx, del 35% e 46% per COV.

VALUTAZIONE

faccina gialla A livello regionale è stato realizzato l’inventario delle emissioni in atmosfera (INEMAR Veneto) che stima le emissioni riferite all'annualità 2015 di 11 macroinquinanti e 5 microinquinanti a livello comunale per 204 attività emissive, secondo la metodologia EMEP/EEA e la nomenclatura delle fonti SNAP97. Gli 11 Macrosettori emissivi SNAP97 sono presentati nei grafici relativi agli inquinanti atmosferici. I dati presentati nella scheda indicatore fanno riferimento ad INEMAR Veneto 2015 nella versione definitiva.
Nel caso degli ossidi di azoto (NOx) vi è la netta prevalenza del Macrosettore M07 – Trasporto su strada, che contribuisce con il 48,8% alle emissioni totali regionali. Seguono con il 24,7% il comparto industriale (comprendente la somma dei Macrosettori 01, 03 e 04), con il 16,5% gli altri trasporti (M08) e con il 9% la combustione nel settore residenziale (M02).

Per quanto riguarda le emissioni di COV, il Macrosettore 6 – Uso di solventi assume un peso preponderante, pari al 30% delle emissioni totali regionali, assieme alle emissioni biogeniche del Macrosettore 10, pari al 33,9%. Seguono il M11 – Altre sorgenti e assorbimenti con il 15,2%, il M07 – Trasporto su strada con il 7,4% ed il M02 – Combustioni non industriali con il 5,9%.

box verde INEMAR Veneto è disponibile per cinque annualità: 2005, 2007/8, 2010, 2013 e 2015. Tra il 2010 ed il 2015 si desume un andamento in leggera diminuzione delle emissioni pari a -2% per gli NOx ed a -3% per i COV. Per gli NOx le riduzioni più importanti derivano dalle Altre sorgenti mobili e macchinari (M08: -12%, circa 1.400 t in meno) e dalla combustione residenziale (M02: -15%, circa 940 t in meno). La diminuzione dei COV deriva principalmente dall'uso dei solventi (M06: -7%, circa 3.240 t in meno) e dai trasporti su strada (M07: -11%, circa 1.280 t in meno).

Mappe regionali delle emissioni annuali a livello comunale di Ossidi di Azoto (NOx) e Composti Organici Volatili (COV), basate su INEMAR Veneto 2015.

emiss_com_2015_DEF_NOx.jpegemiss_com_2015_DEF_COV.jpeg

clicca sulle singole mappe per ingrandirle

L'aggiornamento dell’indicatore con i dati dell’anno 2017 è previsto per gennaio 2021

licenzalicenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

Metadati
Data ultimo aggiornamento 25/7/2019
Fonte dei dati ARPA VENETO - REGIONE VENETO
Fonte dell'indicatore ARPA VENETO - REGIONE VENETO
Sorgente digitale dei dati INEMAR VENETO 2015, Inventario Emissioni in Atmosfera in Regione Veneto nell'anno 2015 - dati definitivi
Scopo
Unità di misura tonnellate/anno (t/a)
Metodo di elaborazione
Riferimento normativo Protocollo di Göteborg alla Convenzione di Ginevra sull’inquinamento atmosferico transfrontaliero a lunga distanza. D.Lgs. 171/04 (recepimento della Direttiva NEC,abrogata dalla Direttiva (UE) 2016/2284). D.Lgs. 152/2006 e s.m.i.
Valore di riferimento
Periodicità di rilevamento dei dati ogni 2-3 anni (rif. D.Lgs. 155/2010)
Periodicità di rilevamento dell'indicatore ogni 2-3 anni (rif. D.Lgs. 155/2010)
Periodicità di riferimento dal 1/1/2015 - al 31/12/2015
Unità elementare di rilevazione comune
Livello minimo geografico Comunale
Copertura geografica regione
Aspetti da migliorare
Link utili
DPSIR
  • D - Determinante
  • P - Pressione
  • S - Stato
  • I - Impatto
  • R - Risposta
Stato attuale
  • Positivo
  • Intermedio o incerto
  • Negativo
Trend della risorsa
  • In miglioramento
  • Stabile o incerto
  • In peggioramento