Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Indicatori Ambientali Storico Atmosfera Qualità dell'aria Livelli di concentrazione di monossido di carbonio (CO) agg 31_12_2010
Indicatore Obiettivo DPSIR Stato attuale indicatore Trend della risorsa
Livelli di concentrazione di monossido di carbonio (CO) agg 31_12_2010 Il monossido di carbonio supera i limiti di Legge? S

DESCRIZIONE

Il monossido di carbonio (CO) è un gas incolore e inodore prodotto dalla combustione incompleta delle sostanze contenenti carbonio. In Veneto le fonti antropiche sono costituite principalmente dagli scarichi degli autoveicoli e dagli impianti di combustione non industriali e in quantità minore dagli altri settori: industria ed altri trasporti.

Il CO raggiunge facilmente gli alveoli polmonari e quindi il sangue dove compete con l’ossigeno per il legame con l’emoglobina. Gli effetti sanitari sono essenzialmente riconducibili ai danni causati dall’ipossia a carico del sistema nervoso, cardiovascolare e muscolare. Essi comprendono i seguenti sintomi: diminuzione della capacità di concentrazione, turbe della memoria, alterazioni del comportamento, confusione mentale, alterazione della pressione sanguigna, accelerazione del battito cardiaco, vasodilatazione e vasopermeabilità con conseguenti emorragie, effetti perinatali. I gruppi più sensibili sono gli individui con malattie cardiache e polmonari, gli anemici e le donne in stato di gravidanza.

OBIETTIVO

La valutazione dello stato attuale dell’indicatore si è basata sul numero di superamenti, registrati presso le stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria della rete regionale ARPAV, del Valore Limite per la protezione della salute umana, stabilito dal D.Lgs. 155/2010 come massimo della media mobile su 8 ore, di 10 mg/m3.

VALUTAZIONE

Analizzando i dati della media mobile su 8 ore di CO registrati presso le 42 stazioni attive nel 2010 (con una percentuale di dati validi attorno al 90%) si può notare come non siano mai presenti superamenti del Valore Limite. Lo stato dell’indicatore è dunque molto positivo.

box verde Anche l’andamento nel periodo 2002-2010, denota una situazione molto positiva, in quanto non è stato registrato alcun superamento della soglia di legge.


Metadati
Data ultimo aggiornamento 31/12/2011
Fonte dei dati ARPAV
Fonte dell'indicatore ARPAV
Sorgente digitale dei dati Banca dati SIRAV
Scopo
Unità di misura milligrammi/metro cubo (mg/m3)
Metodo di elaborazione
Riferimento normativo Il limite di legge definito nel D.Lgs. 155/2010 è: - Valore limite per la protezione della salute umana come massimo giornaliero della media mobile su 8 ore, pari a 10 mg/m3.
Valore di riferimento
Periodicità di rilevamento dei dati oraria
Periodicità di rilevamento dell'indicatore Annuale
Periodicità di riferimento dal 1/1/2002 - al 31/12/2010
Unità elementare di rilevazione stazione di monitoraggio
Livello minimo geografico Puntuale
Copertura geografica regionale
Aspetti da migliorare
Link utili
DPSIR
  • D - Determinante
  • P - Pressione
  • S - Stato
  • I - Impatto
  • R - Risposta
Stato attuale
  • Positivo
  • Intermedio o incerto
  • Negativo
Trend della risorsa
  • In miglioramento
  • Stabile o incerto
  • In peggioramento