Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Indicatori Ambientali Indicatori Ambientali Idrosfera Valutazione dello stato ai sensi d.lgs. 152/2006 LAGHI: Livello Trofico per lo stato ecologico (LTLeco) nel periodo 2010-2013
 
Indicatore Obiettivo DPSIR Stato attuale indicatore Trend della risorsa
LAGHI: Livello Trofico per lo stato ecologico (LTLeco) nel periodo 2010-2013 Quale livello trofico presentano i laghi? S  

DESCRIZIONE

L’indice LTLeco, introdotto dal D.M. 260/2010 (che modifica le norme tecniche del D.Lgs. 152/2006), considera i parametri fosforo totale, trasparenza e ossigeno disciolto (come ossigeno ipolimnico espresso in percentuale di saturazione). La procedura di calcolo prevede l’assegnazione di un punteggio per ciascun parametro secondo i criteri indicati nelle specifiche tabelle del D.M. 260/2010; la somma dei singoli punteggi costituisce il punteggio da attribuire all’indice LTLeco, utile per l’assegnazione della classe di qualità secondo i limiti di classe definiti nella tabella 4.2.2/d del Decreto. La qualità è espressa in tre classi: Elevato, Buono e Sufficiente.
La classificazione dei corpi idrici lacustri in base all’indice LTLeco, si basa sull’elaborazione dei dati relativi al periodo (non vengono valutati i singoli anni) per l’assegnazione del punteggio a ciascun parametro, da cui viene direttamente calcolato il punteggio LTLeco. Qualora nel medesimo corpo idrico si monitorino più siti si considera lo stato più basso tra quelli attribuiti alle singole stazioni. Limitatamente al parametro trasparenza, i limiti previsti dalla normativa possono essere derogati se la causa è la presenza di particolato minerale sospeso dipendente dalle caratteristiche naturali del lago.
Nel 2010 è iniziato il primo ciclo di monitoraggio (2010-2012) ai sensi del D.L.gs. 152/06 che è stato integrato con i risultati dell’anno 2013.

OBIETTIVO

Per la valutazione dello stato attuale dell’indicatore si confronta la classe di qualità ottenuta con lo stato Buono.

VALUTAZIONE

LTLeco ai sensi del D.L.gs. 152/06, numero siti dei laghi, periodo 2010-2013

ltleco_2010_2013.jpg

faccina gialla Sei laghi e invasi veneti, tra quelli monitorati, presentano un punteggio dell’indice LTLeco corrispondente alla classe di qualità Sufficiente, mentre i rimanenti sei laghi risultano in stato Buono (il lago di Garda ha due stazioni di monitoraggio nella parte veneta).
Tre invasi bellunesi presentano un livello Sufficiente (Mis, Corlo e Centro Cadore) mentre i restanti laghi bellunesi presentano un livello Buono (lago di Misurina, Santa Caterina e Santa Croce).
Il lago di Alleghe presenta un livello Buono con deroga per la trasparenza limitata (a causa della presenza di particolato minerale sospeso di origine naturale).
Nel Trevigiano, i laghi di Lago e Santa Maria risultano rispettivamente in livello Sufficiente e Buono mentre in provincia di Vicenza il lago di Fimon presenta un livello Sufficiente.
Nei laghi della provincia di Verona, si rileva il livello Sufficiente per il Frassino e Buono per il lago di Garda. Per la valutazione del lago di Garda, il monitoraggio dei parametri chimico-fisici viene effettuato in due siti posizionati nella parte veneta. Per una valutazione complessiva del lago i risultati dovranno essere integrati con quelli della regione Lombardia e della Provincia Autonoma di Trento.

Stato ecologico e stato chimico dei corpi idrici nel periodo 2010-2013

 

licenzalicenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

NB: la classificazione dell'Indicatore si riferisce al periodo 2010-2013, in open data vengono pubblicati i file con le valutazioni aggiornate per gli anni successivi (2009-2019).

Metadati
Data ultimo aggiornamento 30/4/2015
Fonte dei dati ARPAV
Fonte dell'indicatore ARPAV
Sorgente digitale dei dati banca dati SIRAV
Scopo
Unità di misura numero
Metodo di elaborazione Viene attribuito un punteggio (variabile da 3 a 5) ai parametri fosforo totale, trasparenza e ossigeno ipolimnico (% saturazione) utilizzando le apposite tabelle del D.M. 260/2010; si sommano i punteggi assegnati a ciascun parametro nel triennio e si confronta la somma ottenuta (che costituisce il punteggio dell’LTLeco) con i limiti di classe previsti dal Decreto per l’assegnazione della classe di qualità
Riferimento normativo D.M. 260/2010 (tabelle 4.2.2/a, 4.2.2/b, 4.2.2/c, 4.2.2/d)
Valore di riferimento stato Buono
Periodicità di rilevamento dei dati bimestrale
Periodicità di rilevamento dell'indicatore Quadriennale
Periodicità di riferimento dal 1/1/2010 - al 31/12/2013
Unità elementare di rilevazione stazione di rilevamento
Livello minimo geografico corpo idrico
Copertura geografica regione
Aspetti da migliorare
Link utili
DPSIR
  • D - Determinante
  • P - Pressione
  • S - Stato
  • I - Impatto
  • R - Risposta
Stato attuale
  • Positivo
  • Intermedio o incerto
  • Negativo
Trend della risorsa
  • In miglioramento
  • Stabile o incerto
  • In peggioramento