Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Indicatori Ambientali Storico Idrosfera Qualità dei corpi idrici ACQUE SOTTERRANEE: Stato chimico puntuale
Indicatore Obiettivo DPSIR Stato attuale indicatore Trend della risorsa
ACQUE SOTTERRANEE: Stato chimico puntuale Ci sono punti di monitoraggio con concentrazione superiore ai valori limite? S

DESCRIZIONE

Per le acque sotterranee, lo stato chimico viene stabilito in base alla presenza di inquinanti derivanti da pressioni antropiche. Il superamento degli standard di qualità (definiti a livello europeo) o dei valori soglia (definiti a livello nazionale) porta all’attribuzione di uno stato chimico non buono del punto di monitoraggio.

OBIETTIVO

La “direttiva acque” (2000/60/CE) fissa il raggiungimento del buono stato di qualità per tutti i corpi idrici nel territorio dell’Unione Europea entro il 2015.

VALUTAZIONE

Mappa regionale dello stato chimico puntuale, anno 2013

Mappa dello stato chimico puntuale 2013

faccina gialla Nel 2013 la valutazione dello stato chimico puntuale ha interessato 283 punti di monitoraggio, 240 dei quali (pari al 85%) sono stati classificati in stato buono, 43 (pari al 15%) in stato scadente. Anche per il 2013 le contaminazioni riscontrate più frequentemente e diffusamente sono quelle dovute a: composti organo-alogenati (30 superamenti) e nitrati (10). Le altre categorie di sostanze che hanno portato ad una classificazione di stato non buono sono: metalli imputabili all'attività umana (5) inquinanti inorganici (3) e pesticidi (3).

La valutazione dell'evoluzione della qualità può essere effettuata solo se per la classificazione si utilizzano le stesse stazioni di monitoraggio, in questo modo si garantisce che le eventuali modifiche siano effettivamente dovute a variazioni nelle caratteristiche chimiche e non al numero o al tipo di stazioni considerate. Tuttavia, anche considerando le stesse stazioni, nell’analisi dei trend, rimane una certa variabilità legata alle diverse sostanze ricercate e ai limiti di quantificazione utilizzati nei diversi campioni e nei vari anni.

box giallo Considerando le 225 monitorate nel periodo 2009-2013, non si evidenzia una differenza tra la proporzione di punti in stato scadente per ciascun anno.

L’aggiornamento dell’indicatore con i dati dell’anno 2014 è previsto per  giugno 2015.

licenzalicenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

Metadati
Data ultimo aggiornamento 23/6/2014
Fonte dei dati ARPAV
Fonte dell'indicatore ARPAV
Sorgente digitale dei dati
Scopo valutare il grado di compromissione della risorsa idrica sotterranea a causa della presenza di inquinanti di origine antropica.
Unità di misura Testo: buono, scadente
Metodo di elaborazione La conformità del valore soglia e dello standard di qualità ambientale è calcolata attraverso la media dei risultati del monitoraggio in ciascun punto.
Ai fini del calcolo, nel caso di concentrazioni inferiori al limite di quantificazione (“<”) viene utilizzato un valore pari a metà del valore del limite di quantificazione (es. <1.00 sostituito da 0.50). Quando il valore medio calcolato è inferiore ai limiti di quantificazione, il valore viene indicato come «inferiore al limite di quantificazione».
Il valore medio così calcolato è arrotondato al numero di decimali con cui è espresso il valore soglia/standard di qualità.
trend: La significatività delle differenze tra le proporzioni di punti in stato scadente nei cinque anni è stata valutata con il test di Q di Cochran per campioni dipendenti con variabili espresse in una scala nominale binaria. Il livello di significatività è stato fissato al 5% .
Riferimento normativo D.Lgs. 30/2009, D.Lgs. 152/2006 e s.m.i., Direttiva 2006/118/CE
Valore di riferimento buono
Periodicità di rilevamento dei dati semestrale
Periodicità di rilevamento dell'indicatore annuale
Periodicità di riferimento dal 1/1/2009 - al 31/12/2013
Unità elementare di rilevazione stazione di monitoraggio
Livello minimo geografico Puntuale
Copertura geografica regione
Aspetti da migliorare
Link utili
DPSIR
  • D - Determinante
  • P - Pressione
  • S - Stato
  • I - Impatto
  • R - Risposta
Stato attuale
  • Positivo
  • Intermedio o incerto
  • Negativo
Trend della risorsa
  • In miglioramento
  • Stabile o incerto
  • In peggioramento