Strumenti personali
Tu sei qui: Portale
Concorsi

Paginazione

Non ci sono concorsi attivi
Tutti i concorsi »
Albo online

E’ possibile consultare online i provvedimenti ARPAV.

Consulta i provvedimenti
Mypay - pagoPa

banner_mypay.jpg

SI-URP

SIURP_banner.jpg

 
Notizie in primo piano

31/07/2020

Ozono in Veneto. 31 luglio 2020: aggiornamento

Le alte temperature, il tempo stabile e soleggiato di questa settimana hanno favorito la formazione di ozono, le cui concentrazioni hanno superato, nuovamente ieri giovedì 30 luglio, la soglia di informazione di 180 µg/m3. I vaIori più elevati sono stati raggiunti a Venezia-Parco Bissuola (217 µg/m3) e a Treviso (204 µg/m3), ma la soglia di informazione è stata superata anche nelle stazioni di Asiago (191 µg/m3), Schio (183 µg/m3), Boscochiesanuova (187 µg/m3), San Bonifacio (186 µg/m3), Vicenza-Quartiere Italia (184 µg/m3). Fino a sabato si prevedono condizioni meteorologiche e climatiche ancora favorevoli all’aumento delle concentrazioni di ozono, che supererà la soglia d’informazione in diverse stazioni, mentre da domenica l’inizio del calo termico potrà favorire una parziale riduzione delle concentrazioni che però rimarranno ancora, in qualche stazione, su valori superiori alla soglia di informazione.

30/07/2020

Ozono: superamenti della soglia di informazione

Negli ultimi due giorni le condizioni di tempo stabile e soleggiato sulla regione, accompagnate da una risalita delle temperature, hanno favorito la formazione di ozono. Le concentrazioni hanno superato, in alcune stazioni, la soglia di informazione di 180 µg/m3, definita dal D. Lgs. 155/2010 come il “livello oltre il quale sussiste un rischio per la salute umana in caso di esposizione di breve durata per alcuni gruppi particolarmente sensibili della popolazione” (es. anziani, bambini, donne in gravidanza, persone affette da disturbi respiratori)

30/07/2020

Controllo e riduzione dei rifiuti marini. Parte il progetto MARLESS

Il 28 e 29 luglio si è svolto il meeting online di avvio del progetto MARLESS - MARine Litter cross-border awarenESS and innovation actions, che affronterà il problema dei rifiuti marini “marine litter” nell’Adriatico, analizzando le cause ed individuando azioni operative per la loro gestione e riduzione. I rifiuti marini sono costituiti per la maggior parte da plastica (75%) e molti provengono dalla terraferma. Nello sviluppo del progetto saranno utilizzate tecnologie e approcci innovativi e sostenibili per il controllo della marine litter, coinvolgendo nell'attività rappresentanti del settore turistico e dell’acquacultura

29/07/2020

Esemplari di noce di mare e salpa tunicato a nord della laguna di Venezia. L'ultimo bollettino InforMare

Durante l'ultima campagna di monitoraggio delle acque marino-costiere le osservazioni con telecamera subacquea hanno evidenziato la presenza dello ctenoforo Mnemiopsis leidyi e di salpe (tunicati) in particolare nelle stazioni di fronte e a nord della laguna di Venezia. Scopriamo questi organismi

27/07/2020

Qualità delle acque a supporto degli usi irrigui. Biennio 2018-2019. 241 stazioni controllate per valutare l’idoneità delle acque

Come si valuta l’idoneità di un corso d’acqua all’uso irriguo? Il parametro Escherichia coli è l’indicatore individuato per valutare l’idoneità microbiologica all’uso irriguo dei corsi d’acqua. Cinque sono le classi individuate, dalle acque utilizzabili senza restrizioni a quelle non direttamente utilizzabili. Il rapporto “Qualità delle acque a supporto degli usi irrigui. Biennio 2018-2019” propone la classificazione per 241 tratti dei corsi d’acqua principali del Veneto connessi all’uso irriguo. I tratti fluviali vengono classificati sulla base della concentrazione media riferita al periodo di monitoraggio 2018-2019. Nel biennio il 40% sono tratti con acqua che può essere utilizzata senza restrizioni. Nessun tratto ricade nella classe peggiore per la quale si sconsiglia l’uso ai fini irrigui

27/07/2020

Arpav incontra le Goletta dei laghi a Bardolino sul lago di Garda

Anche i controlli di luglio sulla balneazione del lago di Garda hanno dato esiti positivi. Arpav ha confermato l'eccellenza delle acque del lago stamattina, durante la conferenza stampa della Goletta dei laghi di Legambiente che ha fatto tappa a Bardolino. Presenti per l'Agenzia Giorgio Franzini, responsabile ufficio lago di Garda, e Paolo Parati, dirigente osservatorio Acque marine e lagunari. Fra i temi trattati nella conferenza stampa le microplastiche

Azioni sul documento

ultima modifica 27/01/2020 09:20