Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Servizi online Glossari Ambientali Glossario ambientale

Glossario ambientale

Il Glossario contiene oltre 2200 vocaboli comunemente utilizzati nella terminologia ambientale e fornisce per ognuno la relativa definizione; in corsivo è indicata la fonte da cui è tratta la definizione.

Consultazione on line

La ricerca può essere fatta selezionando l’iniziale del termine, apparirà, quindi, l’elenco delle definizioni che iniziano con quella lettera; oppure inserendo il termine nella finestra e selezionando la modalità di ricerca testuale: Definizione (definizione parola cercata) o Campo testuale (definizioni in cui è inserita la parola).

definizione definizione e campo testuale
 Ecolabel

Marchio di qualità ecologica che l'Unione Europea assegna ai prodotti e i servizi realizzati nel rispetto dell'ambiente. L'etichetta attesta che il prodotto o il servizio ha un ridotto impatto ambientale nel suo intero ciclo di vita. il marchio è rappresentato da una margherita stilizzata con al centro la "E" di Europa, circondata dalle stelle che rappresentano gli Stati Menbri. (Fonte: ARPAV)

 Ecosistema

E' l’unità funzionale di base in ecologia costituita da un particolare ambiente e dalla comunità di esseri che in esso vivono. In un ecosistema vi sono fattori fisici corrispondenti alle caratteristiche dell’habitat (struttura del suolo, temperatura, illuminazione, etc) e fattori biotici corrispondenti alle caratteristiche della comunità (le specie di appartenenza degli organismi, le catene alimentari, le relazioni di interdipendenza). Si parla, oltre che di ecosistemi naturali, anche di “ecosistemi artificiali”, ovvero quelli prodotti dall’attività umana. (Fonte: ARPAV)

 Edafico

Riferito al suolo e alla porzione superficiale della crosta terrestre e agli organismi che vi prolificano. (Fonte: Portale Eniscuola)

 EEV

Enhanced Environmentaily Friendly Vehicle: veicoli ecologici migliorati EEV. (Fonte: ARPAV)

 Effetto serra

Riscaldamento provocato da alcuni gas presenti nell'atmosfera (detti gas serra) capaci di assorbire una parte dei raggi infrarossi emessi dal suolo e dagli oceani. L'aumento della concentrazione dei gas serra presenti nell'atmosfera, a causa delle emissioni legate alle attività umane, genera un aumento dell'effetto serra, e dunque un anomalo aumento della temperatura atmosferica. (Fonte: Ministero dell'Ambiente)

 Efficienza energetica

Sono tutti quei metodi di lavoro e quelle tecniche di produzione che, attraverso l'applicazione di tecnologie efficienti, permettono di fornire lo stesso servizio finale utilizzando in maniera razionale l'energia. (Fonte: ARPAV)

 Effluente di allevamento

Le deiezioni del bestiame o una miscela di lettiera e di deiezione di bestiame anche sottoforma di prodotto trasformato. (Fonte : ANPA)

 EIONET

Enviromental Information and Observation NETwork: rete informativa ambientale dell'Agenzia Europea per l'Ambiente. (Fonte: Normativa)

 Elettrochimica

Serie di processi industriali per mezzo dei quali l'energia elettrica viene utilizzata per provocare reazioni chimiche. Queste reazioni chimiche permettono la generazione e l'accumulo di energia elettrica in particolari dispositivi come le pile e gli accumulatori. (Fonte: Portale Eniscuola)

 Elettrodotto

Conduttore percorso da corrente elettrica che può favorire o la perdita (elettrodo negativo o catodo) o l'acquisizione (elettrodo positivo o anodo) di elettroni. Sostanzialmente permette il passaggio di corrente elettrica da un circuito ad un'altra sostanza liquida o solida, o nel vuoto o in un gas. (Fonte: Portale Eniscuola)

 Elettrolita

Molecola che si divide in ioni quando viene dissolta in un sovente, in genere acqua. Ad esempio il sale NaCl, in acqua, si divide in Na+ e Cl-. (Fonte: Portale Eniscuola)

 Elettrosmog

Termine utilizzato per indicare l’inquinamento causato dall’esposizione ai campi elettromagnetici. Il termine è stato coniato a seguito del recente sviluppo delle telecomunicazioni, che hanno prodotto un consistente aumento delle fonti di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici e la conseguente esposizione ad essi, della popolazione. (Fonte: ARPAV)

 EMAS

Acronimo di "Environmental Management and Audit Scheme". Si tratta di uno strumento di politica ambientale (basato sull'accesso volontario) introdotto in Europa con il Regolamento (CEE) 1836/93 attraverso il quale si passa da una impostazione di tipo command and control a una fondata sulla corresponsabilizzazione delle imprese nel miglioramento della qualità dell'ambiente, stimolandole ad adottare comportamenti ambientalmente sostenibili. In tal senso, si collocano accanto al sistema EMAS gli accordi volontari tra imprese e P.A., la fiscalità ambientale e gli incentivi gestionali o finanziari. In Italia il sistema fa capo al Comitato Ecolabel-Ecoaudit che assegna il marchio ecologico e accredita i verificatori ambientali (sulla base dei criteri stabiliti dalla Commissione Europea). Il sistema EMAS ha una notevole valenza politica, poiché assegna all'impresa una responsabilità diretta nella crescita complessiva della qualità ambientale. Il Regolamento prevede che le imprese partecipanti adottino, nei propri siti produttivi, dei sistemi di gestione ambientali basati su politiche, programmi, procedure e obiettivi di miglioramento dell'ambiente e pubblichino una Dichiarazione Ambientale che viene convalidata dal certificatore accreditato. (Fonte: Portale acquistiverdi.it)

 EMEP

Enviromental Monitoring European Program: programma avente per oggetto la caratterizzazione delle precipitazioni atmosferiche a livello europeo, mediante la realizzazione di una rete di rilevamento dedicata. (Fonte: ARPAV)

 Emissione

L’emissione inquinante è il rilascio in atmosfera delle sostanze inquinanti, di origine antropica o naturale, in forma gassosa o particellare, ed è misurata come massa di inquinante emessa alla fonte per unità di tempo (flusso: g/s, kg/g, t/a). L’emissione deve essere associata al tipo di fonte che la genera, che può essere puntiforme (come un camino industriale), lineare (un tratto stradale) od areale (come il territorio di un comune). In questo secondo caso l’unità di misura dell’emissione deve includere a denominatore anche la dimensione spaziale (ad esempio “tonnellata/annoxcomune”). (Fonte: ARPAV)

 Emissione convogliata

Scarico di una sostanza gassosa attraverso un camino, allo scopo di migliorare la dispersione degli inquinanti nell’atmosfera e limitarne la ricaduta a terra. (Fonte: Portale Eniscuola)

 Emissione diffusa

Fuoriuscita di una sostanza gassosa in atmosfera, prodotta da perdite di alcuni componenti degli impianti di lavorazione (valvole, tenute, ecc.), dei serbatoi di stoccaggio e degli impianti di movimentazione dei prodotti. (Fonte: Portale Eniscuola)

 Emissioni evaporative

Dispersioni di idrocarburi per evaporazione. La maggior parte delle emissioni evaporative viene determinata da perdite durante la distribuzione (depositi, autobotti, stazioni di servizio) e l’impiego (automobili) della benzina. (Fonte: Portale Eniscuola)

 Emissioni fuggitive

Termine che individua le emissioni gassose di sostanze organiche volatili, dovute alle perdite fisiologiche e cioè non accidentali, dagli organi di tenuta degli impianti chimici e petrolchimici. I principali organi di tenuta che si prendono in considerazione sono quelli relativi a: flange, valvole di sicurezza, compressori, pompe e valvole di regolazione. (Fonte: Portale Eniscuola)

 Endemica (specie)

Specie animale o vegetale la cui naturale presenza è confinata ad una determinata regione e la cui distribuzione è relativamente limitata. (Fonte: ARPAV)

 ENEA

Ente per le nuove tecnologie, l'Energia e l'Ambiente che opera nei settori dell'energia, dell'ambiente e delle nuove tecnologie a supporto delle politiche di competitività e di sviluppo sostenibile del Paese. I suoi compiti principali sono: promuovere e svolgere attività di ricerca di base ed applicata e di innovazione tecnologica, anche mediante la realizzazione di prototipi e l'industrializzazione di prodotti; diffondere trasferire i risultati ottenuti, favorendone la valorizzazione a fini produttivi e sociali; fornire a soggetti pubblici e privati servizi ad alto contenuto tecnologico, studi, ricerche, misure, prove e valutazioni. (Fonte: ARPAV)

 Energia geotermica

Forma di energia rinnovabile generata per mezzo di fonti geologiche di calore. L'energia della terra viene recuperata convogliando i vapori provenienti dalle sorgenti d'acqua del sottosuolo verso apposite turbine adibite alla produzione di energia elettrica, e riutilizzando il vapore acqueo per il riscaldamento e le coltivazioni in serra. (Fonte: ARPAV)

 Energy manager

Responsabile in Italia, secondo la Legge n. 10/1991, per la conservazione e l'uso razionale dell'energia per gli enti pubblici e privati caratterizzati da consumi importanti. L'incarico consiste nella raccolta e nell'analisi dei dati sui consumi energetici e nella promozione dell'uso efficiente dell'eneria nella propria struttura. (Fonte: ARPAV)

 Energy Star

E’ il marchio che l’Ente per l’Ambiente Statunitense (EPA) conferisce ai computer a ridotto consumo energetico. E’ uno strumento volontario, si basa su una auto dichiarazione del produttore. L’adozione di questo marchio prevede il rispetto di limiti massimi di consumo nella fase di Stand by, mentre non pone limiti sui consumi nella fase di utilizzo. (Fonte: Portale acquistiverdi.it)

 Ente accreditato

(o Operational Entity). Ente accreditato dall'Executive Board dei CDM che valida i progetti e certifica i crediti generati. (Fonte: Ministero dell'Ambiente)

 EPER

European Pollutant Emission Register: registro europeo delle emissioni. (Fonte: Normativa)

 Equivalente in acqua

L’equivalente in acqua è l’altezza della colonna d’acqua derivante da un campione di neve sciolta (espressa in mm), con riferimento alla stessa area. L’equivalente in acqua di 20 cm di neve con una densità media di 100 kg/m3 è 20 mm. Con una densità di 500 kg/m3 l’equivalente di un campione di 20 cm di neve è 100 mm di acqua.  (Fonte: European Avalanche Warning Services)

 Erbicidi

Fitofarmaci in grado di combattere le erbe infestanti eliminando la loro competizione con la coltura utile da proteggere, ovvero idonei ad eliminare la vegetazione indesiderata. Applicati direttamente alle piante, essi distruggono le cellule e danno alla pianta il caratteristico aspetto, per l’inibizione della fotosintesi. Possono essere organici di sintesi, o inorganici, come il sodio clorato. (Fonte: Diz. Minerva)

 Erosione

Sgretolamento della superficie terrestre dovuta ad agenti fisici (es. vento, acqua). (Fonte: Diz. Sabatini Coletti)

 ERUs

Emissions Reduction Units: credito equivalente ad una tonnellata di CO2 e generato da un progetto JI. (Fonte: Ministero dell'Ambiente)

Azioni sul documento

ultima modifica 12/10/2010 10:55