Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Temi ambientali Amianto Mappatura

Mappatura

Mappatura Regionale Amianto

La Legge 257 del 1992 ha previsto che le Regioni adottino un piano di protezione, decontaminazione, smaltimento e bonifica per difendere la popolazione dai pericoli derivanti dall’amianto.

La Regione Veneto ha approvato il proprio Piano Regionale Amianto a fine 1996.

Successivamente diverse attività di censimento e controllo di siti con amianto sono state effettuate dalle Aziende ULSS e da ARPAV.

Perchè un progetto di mappatura dell’amianto?

Per mettere in sicurezza l’amianto è necessario sapere precisamente dov’è.

Con DGR n. 2016 del 08 ottobre 2012 e DGR 276 del 30.12.2013 la Regione Veneto ha avviato il progetto di realizzazione di una banca dati informatizzata degli edifici e siti interessati dalla presenza di amianto popolata tramite uno specifico applicativo sviluppato e gestito da ARPAV – Centro Regionale Amianto (Mappatura Regionale Amianto).

Il progetto prevede:

  1. Il coinvolgimento diretto dei proprietari degli edifici/amministratori per la compilazione di una scheda di rilevamento dati degli edifici che contengono materiali con amianto. Le informazioni richieste riguardano le caratteristiche e l’uso del sito, le sue coordinate geografiche, le dimensioni/quantità nonché tipologia dei materiali con amianto e il loro grado di deterioramento.
  2. L’elaborazione dei dati raccolti, mediante l’applicazione di uno specifico algoritmo, permette di definire le priorità di intervento secondo quanto previsto dal DM 101/2003, fornendo le informazioni sulla possibilità di lasciare l’amianto dove si trova, in quanto in buono stato di conservazione, oppure di doverlo rimuovere qualora eccessivamente deteriorato.
  3. Il progetto mappatura della Regione Veneto ha previsto anche il monitoraggio della concentrazione di fibre di amianto in aria presso alcuni siti per valutare il livello di esposizione della popolazione in presenza di elevata concentrazione di coperture in cemento amianto. I risultati hanno confermato che, se le coperture con amianto sono correttamente gestite, le esposizioni sono trascurabili (per la gestione delle coperture vedi DGRV 265/2011).

Annualmente ARPAV, entro il 30 giugno, provvede all’aggiornamento della mappatura con la collaborazione delle aziende ULSS che hanno la competenza sulle attività di bonifica dell’amianto. I dati aggiornati vengono quindi caricati nello specifico data-base nazionale gestito dal Ministero della Transizione Ecologica (INFO AMIANTO PA).

Azioni sul documento

ultima modifica 12/05/2021 14:27