Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Indicatori Ambientali Indicatori Ambientali Atmosfera Qualità dell'aria Livelli di concentrazione di benzo(a)pirene
Indicatore Obiettivo DPSIR Stato attuale indicatore Trend della risorsa
Livelli di concentrazione di benzo(a)pirene Il benzo(a)pirene supera i limiti di legge? S

DESCRIZIONE

Il benzo(a)pirene è uno degli idrocarburi policiclici aromatici (IPA), composti che si originano principalmente dalla combustione incompleta in impianti industriali, di riscaldamento e nei veicoli a motore. Tra i combustibili ad uso civile si segnala l’impatto sulle emissioni di benzo(a)pirene della legna da ardere. Gli IPA sono in massima parte assorbiti e veicolati dalle particelle carboniose (fuliggine) emesse dalle stesse fonti emissive. Un numero considerevole di Idrocarburi Policiclici Aromatici presenta attività cancerogena.

OBIETTIVO

La soglia di concentrazione in aria del benzo(a)pirene è stabilita dal D.Lgs. 155/2010 e calcolata su base temporale annuale. La valutazione dello stato attuale dell’indicatore è basata sul numero di superamenti, registrati presso le stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria della rete regionale ARPAV, del Valore Obiettivo (VO) annuale di 1.0 ng/m3. Tale inquinante viene determinato analiticamente sulle polveri PM10.

VALUTAZIONE

faccina rossa Dal confronto tra i livelli di benzo(a)pirene registrati presso le 18 stazioni attive nel 2016 ed il Valore Obiettivo, si osserva uno stato negativo dell’indicatore in quanto nel 61% delle stazioni tale valore è stato superato.

ico_Bap_2016.JPG

clicca sulla mappa per visualizzare meglio le stazioni sul territorio

Fig. 1 - Mappa regionale delle stazioni di monitoraggio del Veneto che hanno superato, nel 2016, il Valore Obiettivo (VO) annuale di 1.0 ng/m3 per benzo(a)pirene. Parametro rilevato presso le 18 stazioni attive nel 2016. Le stazioni sono distinte per tipologia e per superamento o meno del VO (in rosso le stazioni con superamento).

box rosso Per rappresentare l’andamento temporale dei livelli di concentrazione, è stato calcolato il valore medio annuale per tipologia di stazione “media” regionale (di Background e di Traffico/Industriale), considerando l’insieme complessivo di centraline facenti parte della rete. Pur non rappresentando una verifica del superamento del VO annuale, che va esaminato stazione per stazione, nel 2015 e nel 2016, così come nel triennio (2011, 2012 e 2013) c'è stato il superamento della soglia di legge per le concentrazioni di benzo(a)pirene. Complessivamente si riscontra un’inversione di tendenza rispetto al periodo 2002-2010 con un incremento del valore medio di benzo(a)pirene nel periodo 2010-2016 in entrambe le tipologie di stazioni, con alcuni anni leggermente migliori (2014). Considerando le concentrazioni rilevate negli ultimi 5 anni la valutazione complessiva del trend è negativa.

trend_bap_2002_2016.JPG

Clicca sul grafico per scaricare il file dati

Fig. 2 - Andamento della media annuale di benzo(a)pirene (in ng/m3) dal 2002 al 2016 nelle stazioni “medie” regionali confrontato con il Valore Obiettivo annuale (1.0 ng/m3).

Media annuale di benzo(a)pirene, dal 2002 al 2016, per ciascuna stazione di monitoraggio del Veneto. Scarica i file

A livello nazionale, gli ultimi dati disponibili per il BaP si riferiscono all’anno 2015 (Qualità dell’ambiente urbano – XII Rapporto (2016) ISPRA Stato dell’Ambiente 67/16 pagg. 430-479 ISBN 978-88-448-0793-1). I dati disponibili per il 2015 sono relativi a 53 aree urbane. In 14 aree urbane (pari al 26% del totale) il valore obiettivo è stato superato; a livello regionale, nel 2015, il valore obiettivo è stato superato in 5 delle 7 aree urbane del Veneto (pari al 71% del totale) ovvero a Belluno, Padova, Treviso, Venezia, Vicenza.

L’aggiornamento dell’indicatore con i dati dell’anno 2017 è previsto per luglio 2018.

 

licenzalicenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

Metadati
Data ultimo aggiornamento 22/8/2017
Fonte dei dati ARPAV
Fonte dell'indicatore ARPAV – Osservatorio Regionale Aria
Sorgente digitale dei dati banca dati SIRAV
Scopo
Unità di misura nanogrammi/metro cubo (ng/m3)
Metodo di elaborazione
Riferimento normativo D.Lgs. 155/2010
Valore di riferimento Valore Obiettivo annuale (1 ng/m3)
Periodicità di rilevamento dei dati giornaliera su PM10 (120 campioni/anno)
Periodicità di rilevamento dell'indicatore annua
Periodicità di riferimento dal 1/1/2002 - al 31/12/2016
Unità elementare di rilevazione stazione di monitoraggio
Livello minimo geografico Puntuale
Copertura geografica regionale
Aspetti da migliorare
Link utili http://annuario.isprambiente.it/sites/default/files/pdf/2016/integrale/7_Atmosfera_FINALE.pdf
http://www.isprambiente.gov.it/files/pubblicazioni/statoambiente/aree-urbane-2016/5_Qualitdellaria.pdf
DPSIR
  • D - Determinante
  • P - Pressione
  • S - Stato
  • I - Impatto
  • R - Risposta
Stato attuale
  • Positivo
  • Intermedio o incerto
  • Negativo
Trend della risorsa
  • In miglioramento
  • Stabile o incerto
  • In peggioramento