Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Comunicati stampa Archivio Comunicati Stampa Comunicati 2017 MONTAGNA VENETA- IL MICROCLIMA DI ALCUNE DEPRESSIONI CARSICHE

MONTAGNA VENETA- IL MICROCLIMA DI ALCUNE DEPRESSIONI CARSICHE

17/01/2017

(AAV), 17 gennaio 2017 - Dal 2007 ARPAV effettua il monitoraggio del microclima di alcune depressioni carsiche della montagna veneta, microclima caratterizzato, oltre che dalle temperature estreme nel periodo invernale, anche da altri aspetti peculiari, quali la fortissima inversione termica notturna (anche 1 °C al metro), i forti sbalzi termici durante le ore notturne qualora il vento entri nella depressione (fino a 30 °C nel giro di mezz’ora) e l’escursione termica giornaliera tipica delle zone desertiche (anche 40 °C fra la notte ed il giorno).

I primi risultati di questo monitoraggio sono stati pubblicati da ARPAV nel 2010 (http://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/climatologia/file-e-allegati/documenti/Articolo%20doline_NEW.pdf).
Le temperature minime particolarmente basse sono da attribuire alla forte e continua perdita di calore del terreno o del manto nevoso, accentuata dall’assenza di vento che si verifica spesso sul fondo di queste conche, che grazie alla loro forma trattengono poi il freddo, soprattutto sul loro fondo. Un ruolo importante è poi assunto dalla capacità di perdere calore verso lo spazio in tutte le direzioni, essendo posizionate di solito su altopiani, senza rilievi o pendii montani vicini.
Questo microclima però si manifesta solo nelle ore notturne e solo in condizioni di cielo sereno e di vento debole. Nelle ore diurne o con tempo nuvoloso o ventoso i valori termici di queste conche sono simili a quelli delle zone limitrofe.
Tale monitoraggio assume pertanto un carattere squisitamente scientifico ed i valori misurati in queste depressioni non rappresentano il territorio circostante, dato che basta salire sul bordo di una di esse per avere temperature 20 o 30 °C più alte.

Fra i siti più interessanti, in relazione anche all’altitudine non particolarmente elevata, c’è la Dolina Campoluzzo, posta ad un’altitudine di 1768 m, sulla parte più settentrionale dell’Altopiano dei Sette Comuni, non distante dal Monte Ortigara .
Questo sito la scorsa notte ha fatto registrare una minima di -31.8 °C, un valore però che non va considerato come particolarmente anomalo, visto che normalmente durante la stagione invernale le sue minime scendono abbastanza spesso sotto i -30 °C. Il suo record, dall’inizio delle osservazioni (autunno 2007), è di -40.3 °C registrato per due giorni consecutivi il 3 ed il 4 gennaio 2009, ma è presumibile che in passato sia scesa qualche volta ben al di sotto dei -40 °C.
A titolo di confronto si cita la minima di -25.3°C registrata sulla Marmolada, a 3256 m, in una notte comunque caratterizzata dal freddo a tutte le quote, spesso le differenze sono maggiori.
Nella Dolina Campoluzzo si misurano basse temperature anche nelle notti in piena estate, quando si scende frequentemente qualche grado sotto lo zero.
Da segnalare la notte scorsa anche le minime di -24.6 °C a Passo Cimabanche, -23.2 °C nella Piana di Marcesina, non in posizione di conca, -23 °C a Pian Cansiglio e, per quanto riguarda le zone abitate, -18 °C a Santo Stefano di Cadore e ad Asiago.

CAMPOLUZZO (VI) - INVERNO

                                                              

Agenzia Ambiente Veneto - ufficiostampa@arpa.veneto.it
Azioni sul documento

ultima modifica 17/01/2017 10:28