Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Servizi ambientali Educazione per la sostenibilità Educazione ambientale Remedio Remedio Interreg Med - Azioni di educazione ambientale nelle scuole di Treviso e Villorba vicine a Strada Ovest

Remedio Interreg Med - Azioni di educazione ambientale nelle scuole di Treviso e Villorba vicine a Strada Ovest

Martedì 2 ottobre 2018 Auditorium Sant'Artemio - via Cal di Breda 116 Treviso
GLI STUDENTI DI STRADA OVEST INCONTRANO LA CITTÀ E PRESENTANO LA LORO VISIONE FUTURA DI MOBILITÀ URBANA

 

 

LOGO_ERDF_REMEDIO En.jpg

L’acronimo REMEDIO sta per REgenerating mixed-use MED urban communities congested by traffic through Innovative low carbon mobility sOlutions, ovvero Riqualificazione di comunità urbane congestionate dal traffico attraverso soluzioni per la mobilità a basso tenore di carbonio. Il progetto, che promuove la mobilità sostenibile partendo dalle strade congestionate e periferiche delle tipiche città europee mediterranee di medie dimensioni, ha preso avvio con un meeting a Lisbona tenutosi il 15 e il 16 dicembre 2016 ed ARPAV è Project Leader.


foto strada ovest.jpgPer REMEDIO, l’Ufficio Educazione Ambientale dell’Agenzia ha progettato una serie di attività per il coinvolgimento delle scuole e degli studenti che vivono l’area urbanizzata ad alto traffico, anche chiamata Strada Ovest, di viale della Repubblica, che si estende, per circa 5 chilometri, tra Treviso e Villorba.
Le azioni - proposte in collaborazione con la Rete ISIDE di scuole per il Risparmio Energetico e l’Ambiente della provincia di Treviso - prevedono l'attivazione di percorsi educativi, didattica in classe, laboratori, incontri con le famiglie e gli enti locali anche in collaborazione con i tecnici e le strutture del Dipartimento provinciale di Treviso (Servizio Stato dell'Ambiente e Unità Operativa Fisica Ambientale) e dell’Osservatorio Regionale Aria di ARPAV che per il progetto curano la parte tecnica relativa al monitoraggio e alla modellistica ambientale.


Promuovere la mobilità sostenibile e la partecipazione attiva - partendo dalle strade congestionate e periferiche delle tipiche città europee mediterranee di medie dimensioni - rappresenta la vision della progettazione educativa proposta a 11 scuole della Marca. La classi che hanno aderito alla proposta vedono la partecipazione di bambini e ragazzi, dalle scuole dell’Infanzia e primarie fino alle scuole superiori di primo e secondo grado, e comprendono 10 scuole statali e un istituto paritario.

 

I laboratori di educazione ambientale hanno preso avvio il 5 febbraio all’Istituto Planck di Villorba e proseguiranno fino a fine maggio con vari percorsi personalizzati per ogni ordine di scuola. foto Duca degli Abruzzi.jpgGli interventi tenuti dai tecnici ARPAV sono iniziati con gli studenti della 3AA e 3BA del Liceo Scientifico Duca degli Abruzzi di Treviso il 19 e 20 febbraio scorsi. I ragazzi hanno partecipato attivamente alle lezioni e hanno trovato particolarmente interessante la visita alla centralina di monitoraggio dell’aria di via Lancieri di Novara, che ha permesso loro di vedere la strumentazione in funzione e di comprendere la complessità del monitoraggio dell’inquinamento atmosferico. Gli stessi incontri sono stati replicati all’Istituto Palladio (secondaria di II grado) e alla Scuola Coletti (secondaria di I grado).
Il 28 febbraio e il 13 marzo si sono svolte invece alla Scuola Primaria Collodi classe 4A e 4B di Treviso due lezioni sul tema dell’inquinamento dell’aria e sul monitoraggio delle polveri. Un tecnico ARPAV ha spiegato con un linguaggio semplice le attività dell’Agenzia e il monitoraggio dell’inquinamento atmosferico: i dati in diretta e i dati validati, i valori entro i limiti di legge e quelli che li superano, tutti visibili e consultabili su web. I bambini, con la consueta curiosità della loro giovane età, hanno fatto molte domande e osservato i filtri del particolato e le diverse colorazioni in una scala di grigi dal bianco (filtro pulito) al nero (filtro ad alta concentrazione di polveri sottili). Grazie alle informazioni e alle spiegazioni ricevute hanno associato, come in un gioco, il colore del filtro al grado di inquinamento registrato nei diversi giorni di monitoraggio.

In parallelo gli educatori della Rete ISIDE stanno realizzando una serie di azioni di progettazione condivisa, attraverso l’uso di questionari sulla percezione della qualità ambientale del quartiere compilati dai ragazzi e dalle famiglie e la discussione in gruppi di lavoro sull’ambiente vissuto e l’ambiente desiderato. Sono in programma attività in classe e uscite lungo Strada Ovest di osservazione del paesaggio urbano, valutazione degli indicatori di qualità ambientale, anche attraverso misurazioni sperimentali del rumore da traffico sotto la guida dei tecnici ARPAV dell’Unità operativa Fisica Ambientale di Treviso.
I ragazzi durante il percorso elaboreranno in modo condiviso proposte di soluzioni, individuazione di comportamenti e azioni efficaci per migliorare le condizioni di vivibilità della zona di strada Ovest e delle comunità che vi abitano.
Le proposte e i lavori svolti in tutto il percorso saranno presentate alle famiglie, alla cittadinanza e agli amministratori nel corso di un evento finale previsto per ottobre 2018.

foto filtri.jpgLa finalità del percorso è stimolare il dibattito e creare una sensibilità collettiva sul tema della qualità della vita in ambiente urbano, della mobilità sostenibile e della qualità dell’aria in particolare, promuovendo la modifica degli stili di vita. L’obiettivo generale è una riduzione del degrado dell’ambiente urbano, legato a una ampia serie di fattori di inquinamento e di comportamenti fra loro concatenati che determinano una scarsa qualità ambientale. Il progetto permetterà di individuare comportamenti personali e stili di vita da adottare per ridurre l’impronta ecologica e limitare l’inquinamento atmosferico e acustico nei centri abitati incentivando la mobilità sostenibile, il risparmio energetico e riducendo l’uso dei mezzi privati a motore. I temi, le finalità e gli approcci metodologici del progetto costituiscono una modalità di lavoro privilegiata e finalizzata anche al rafforzamento delle competenze disciplinari e di cittadinanza attiva degli studenti.

 

SINTESI DEGLI INTERVENTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PER REMEDIO
WP2 – 2.6. Educational activities and environmental awareness empower | Target group: Education / training centre and schools

Azioni educative: n.20 PERCORSI di educazione ambientale in scuole pubbliche e paritarie situate in prossimità di strada Ovest – viale della Repubblica del Comune di Treviso e Villorba.

Destinatari: n.20 classi x 25 bambini/ragazzi circa per classi di scuola dell’infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado, scuola secondaria di secondo grado.
Sono coinvolti 457 bambini/ragazzi frequentanti le scuole vicine a strada Ovest e le relative famiglie.

Soggetti coinvolti: le azioni educative sono proposte da Arpav in co-progettazione con la Rete Iside della provincia di Treviso in base a un accordo di programma che prevede l'attivazione di Servizi educativi comprensivi di progettazione di singoli moduli didattici, attività didattiche, programmazione e incontri con famiglie e enti locali coinvolti per la diffusione e disseminazione dei risultati del progetto.

La vita quotidiana in ambiente urbano

Strategie educative

Obiettivi educativi

Scuole coinvolte

 

Accordo di collaborazione con Rete ISIDE

REMEDIO è un progetto cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR), nell’ambito del Programma MED 2014-2020.

Azioni sul documento

ultima modifica 13/09/2018 11:50

IN.F.E.A. news

Foglio periodico di informazione della Rete Regionale IN.F.E.A. (Informazione, Formazione, Educazione Ambientale)

InfeaNews

Concorso Infanzia e Primaria

qualeidea 2019

Concorso Superiori

video

Raccontiamoci le favole

favole 2019

A scuola di stili di vita

a_scuola_di_stili_di_vita_p.jpg

Modulo richiesta interventi didattici

Modulo interventi didattici

La Rete EA

banner_rete_infea.gif

InfeaNews