Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Servizi ambientali IPPC Servizi alle Aziende Tariffe per l'ispezione ambientale

Tariffe per l'ispezione ambientale

immagine dei soldi

Nel periodo di validità dell'Autorizzazione Integrata Ambientale le aziende sono soggette ad ispezioni da parte di ARPAV e con oneri a carico del gestore (secondo quanto previsto dall'articolo 29-decies del D.Lgs 152/06).

Le tariffe da applicare e le modalità di calcolo sono stabile dal DM 24/04/08 (allegati IV, V, VI), il cosidetto Decreto Tariffe, in seguito recepito ed interpretato dalla Regione del Veneto con la DGRV 1519/2009, che introduce alcune modifiche, agevolazioni e semplificazioni.

In particolare nella DGRV citata, all'allegato A parte quarta, è previsto che "le prestazioni di campionamento ed analisi, programmate nell'ambito del Piano di Monitoraggio e Controllo, ma non comprese nei tariffari di cui all'allegato V del D.M. 24 aprile 2008, sono calcolate con riferimento al vigente Tariffario ARPAV". Tali voci non sono attualmente considerate nel file excel di calcolo della tariffa  per cui dovranno essere aggiunte caso per caso.

Mentre il pagamento relativo all'istruttoria della pratica per l'ottenimento dell'AIA è da versare all'ente competente secondo le modalità stabilite da questa, il pagamento relativo all'ispezione ambientale integrata va eseguito soltanto ad AIA rilasciata e al momento della comunicazione, da parte del Dipartimento Provinciale ARPAV (DAP) territorialmente competente, della effettuazione dell'ispezione ambientale integrata nell'anno solare corrente. Il DAP di competenza, nel periodo di validità dell'AIA, invierà una nota di comunicazione al gestore che conterrà tutte le indicazioni utili al pagamento e gli opportuni riferimenti.

Il gestore potrà quindi controllare la tariffa da pagare con l'utilizzo dello strumento di calcolo (file excel) che ARPAV utilizza internamente e che è messo a disposizione delle aziende in questa sezione.

Calcola la Tariffa Controllo Integrato e Guida alla compilazione (Valido solo per le aziende IPPC assoggettate a procedura di AIA regionale o provinciale)

La tariffa relativa all'ispezione ambientale integrata è composta da una tariffa di controllo Tc e da una tariffa dovuta all'attività analitica Ta.

Il file è utilizzato per il calcolo della tariffa dovuta per i soli controlli previsti nel Piano di Monitoraggio e Controllo (PMC) che ARPAV effettua nel corso della validità dell'Autorizzazione Integrata Ambientale una volta rilasciata.

Il calcolo della tariffa come esplicitato sopra non si applica agli impianti di allevamento intensivo di pollame o suini. Per questi impianti, di cui al punto 6.6 dell’Allegato VIII alla parte seconda del D.Lgs 152/06 e ss.mm.ii. (che ha assorbito il D. Lgs.59/2005), la tariffa è stabilita dalla DGRV 1519/2009 nell’importo fisso di Tc=800 euro.

In presenza di aziende in possesso di certificazione ambientale UNI EN ISO 14001 o registrate EMAS, è prevista una riduzione pari rispettivamente al 10% e 25% della tariffa complessiva Tc; tale riduzione è già inserita nel file "Calcola tariffa controllo integrato" messo a disposizione da ARPAV.

 

Legenda delle voci utilizzate:

CARIA = costo verifica rispetto disciplina inquinamento atmosferico

CH2O = costo verifica rispetto disciplina acque

CRP = costo verifica rispetto disciplina rifiuti pericolosi

CRNP = costo verifica rispetto disciplina rifiuti non pericolosi

 

Ulteriori componenti ambientali:

CCA = clima acustico

CRI = tutela quantitaitva della risorsa idrica

CEM = campi elettromagnetici

COD= odori

CST = sicurezza territorio

CRA = ripristino ambientale


Azioni sul documento

ultima modifica 04/12/2017 14:11

In evidenza

Regolamento (UE) 2017/997
modifica l'allegato III della direttiva 2008/98/CE per quanto riguarda la caratteristica di pericolo HP 14 «Ecotossico»

MATTM - Decreto n. 58 del 6 marzo 2017

MATTM - Quesiti per l’applicazione del D.lgs.105/2015
Quesiti presentati al Coordinamento riguardanti l’applicazione del D.lgs.105/2015

MATTM - Nota del 14/11/2016

MATTM - Decreto 17/10/2016 n. 228