Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Temi ambientali Acqua Monitoraggio algale Ostreopsis cf. ovata

Monitoraggio algale Ostreopsis cf. ovata

Ostreopsis ovataOstreopsis cf. ovata è una alga unicellulare appartenente alla famiglia delle Ostreopsidaceae gruppo delle Dinoflagellate. E’ una microalga di origine tropicale individuata in diverse zone del Mediterraneo a partire dalla fine degli anni novanta probabilmente diffusa attraverso le acque di zavorra e le chiglie delle navi.
E’ una microalga bentonica che cresce in zone costiere con ridotto scambio idrico e in condizioni di temperature elevate e luce abbondante che non si trova mai adesa su fondali sabbiosi ma ancorata a macroalghe (epifitica) o a scogliere/substrati duri (epilitica).
Condizioni ambientali ottimali (alte temperature >25°C, elevato irraggiamento solare e scarso moto ondoso o riciclo delle acque) ne favoriscono lo sviluppo fino alla formazione della cosiddetta fioritura (o bloom) algale che, nelle fasi avanzate, può portare alla presenza di patine brunastre mucillaginose sui substrati di crescita, schiume in colonna e in superficie dovuti al distacco di aggregati cellulari in caso di moto ondoso o azioni meccaniche.
Durante la fioritura può rilasciare una tossina, identificata come ovatossina (parente della palitossina, ma meno pericolosa per la salute umana) i cui effetti sulla salute umana, principalmente causati dall'inalazione dell'aerosol marino, sono temporanei e riguardano le prime vie respiratorie e talvolta stati febbrili.

Cosa dice la normativa

ll D.Lgs. 116/2008 e il D.M. 30 marzo 2010, modificato dal D.M. 19 aprile 2018, hanno istituzionalizzato il monitoraggio dei fenomeni di proliferazione di cianobatteri e delle macroalghe e/o fitoplancton marino prevedendo, qualora il profilo delle acque di balneazione ne indichi un potenziale di proliferazione, la realizzazione di monitoraggi adeguati per consentire l’individuazione dei rischi per la salute.
Il riferimento tecnico per il monitoraggio è il Rapporto ISTISAN 14/19: Ostreopsis cf. ovata: linee guida per la gestione delle fioriture negli ambienti marino-costieri in relazione a balneazione e altre attività ricreative.

La normativa prevede che per concentrazioni >30000 cell/l venga sconsigliata o vietata la balneazione per la possibile insorgenza di effetti negativi sulla salute umana.

Il monitoraggio in Veneto

ARPAV ha avviato i controlli per Ostreopsis cf. ovata a seguito degli eventi che hanno colpito le coste di Liguria e Toscana nel 2005; a partire dal 2010 il monitoraggio è stato istituzionalizzato per le acque di balneazione.
I prelievi e le analisi sono effettuati con frequenza mensile da luglio a ottobre su 4 stazioni con caratteristiche ambientali favorevoli allo sviluppo della microalga Ostreopsis cf. ovata (idrodinamismo scarso, moto ondoso ridotto, etc) cercando nel contempo di rappresentare l’estensione del litorale veneto.

Ostreopsis.jpg

 

Codice stazioneComune-Località di prelievoLat (WGS 84)Long (WGS 84)Profondità
fondale (m)

Profondità
campionamento
(m)

10245 Jesolo - pennello diga foce Sile 12.585185 45.478470 1 0,5
10405
Cavallino Treporti - Punta Sabbioni,
Diga bocca di porto di Venezia, lato spiaggia
12.434817 45.424100 1 0,5
10645 Chioggia – Isola Verde 12.323867 45.175433 1 0,5
10725 Rosolina - Albarella, diga Po di Levante 12.361227 45.076332 1 0,5


Il campionamento viene effettuato sia sulla matrice macroalga/substrato duro per la ricerca di microalghe bentoniche su substrato sia sulla matrice acqua, per la ricerca di microalghe bentoniche sospese in acqua.
Oltre ad Ostreopsis cf. ovata vengono monitorate altre microalghe potenzialmente tossiche (Coolia monotis, Prorocentrum lima, Prorocentrum rathymum, Amphidinium spp).

 

Monitoraggio anno 2019

10245 - Jesolo - pennello diga foce Sile10405 - Cavallino Treporti -
Punta Sabbioni,
Diga bocca di porto di Venezia, lato spiaggia
10645 - Chioggia – Isola Verde10725 - Rosolina - Albarella,
diga Po di Levante
23/07/2019
ASSENTE ASSENTE
25/07/2019 ASSENTE ASSENTE

Legenda:

ASSENTE: assenza della specie
PRESENTE: presenza della specie < 30000 cell/l
PRESENTE: presenza della specie > 30000 cell/l

Approfondimenti

Azioni sul documento

ultima modifica 08/08/2019 08:47

APP Balneazione

APP Balneazione

Bacino Scolante

Il bacino scolante rappresenta il territorio la cui rete idrica superficiale scarica - in condizioni di deflusso ordinario - nella laguna di Venezia.

Vai alla sezione
Campagne informative