Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Indicatori Ambientali Indicatori Ambientali Rischi antropogenici Siti contaminati Siti contaminati o potenzialmente contaminati
Indicatore Obiettivo DPSIR Stato attuale indicatore Trend della risorsa
Siti contaminati o potenzialmente contaminati Qual è il numero e la superficie complessiva? SR

DESCRIZIONE

I siti contaminati sono le aree nelle quali, in seguito ad attività umane svolte o in corso, è stata accertata un’alterazione puntuale delle caratteristiche naturali del suolo o della falda da parte di un qualsiasi agente inquinante.
Quest’indicatore fa riferimento al D.Lgs. 152/06, Titolo V, Parte IV, che identifica come "potenzialmente contaminati" i siti in cui anche uno solo dei valori di concentrazione delle sostanze inquinanti nel suolo o nel sottosuolo o nelle acque è superiore ai valori di concentrazione soglia di contaminazione e come "contaminati" i siti che presentano superamento delle CSR (Concentrazioni Soglia di Rischio) determinate mediante l'applicazione dell'analisi di rischio sito-specifica.
L’indicatore fornisce il numero e la superficie complessiva dei siti che seguono, o hanno seguito, un iter di bonifica secondo la procedura ordinaria, prevista dall’art. 242 del suddetto decreto. Tutti questi siti sono registrati in Veneto nell'Anagrafe dei Siti Potenzialmente Contaminati. Sono esclusi dall'anagrafe e dall'indicatore tutti i siti di ridotte dimensioni per i quali si applicano le procedure semplificate secondo quanto previsto dall’art. 249.
Sono definiti siti pubblici tutti i siti di proprietà pubblica o quelli in cui è l’amministrazione pubblica (Comune, Provincia o Regione) a realizzare gli interventi in sostituzione del privato, secondo quanto previsto dall’art. 250 del D.Lgs. 152/06; per questi siti la Regione Veneto prevede l’erogazione di appositi fondi.
Sono definiti siti conclusi tutti quelli in cui sia stata rilasciata la certificazione alla conclusione dell’iter procedurale ma anche quelli per i quali l’analisi di rischio ha evidenziato l’assenza di rischio e quindi la non contaminazione.

OBIETTIVO

Fornire il numero delle aree contaminate o potenzialmente contaminate presenti in Veneto e la loro superficie complessiva suddivisa in base alla proprietà e all'eventuale conclusione dell’iter di bonifica.

VALUTAZIONE

Numero di siti presenti nell'Anagrafe dei Siti Potenzialmente Contaminati al 31/05/2018, suddivisi per Provincia

n._siti_contaminati_2018.JPG

Clicca sul grafico per scaricare il file dati

Al 31 maggio 2018 l’Anagrafe regionale dei Siti Contaminati, che non comprende il sito di interesse nazionale di Porto Marghera, contiene 644 siti tra i quali 154 di proprietà pubblica o in cui è l’amministrazione pubblica (Comune, Provincia o Regione) a realizzare gli interventi. A livello provinciale è Padova la provincia con il maggior numero di siti (142), seguita da Treviso (130), Vicenza (127) e Venezia (117). La provincia con il minor numero di siti è Belluno (19). Per quanto riguarda i siti pubblici è sempre Padova a primeggiare con 46 siti mentre a Belluno sono presenti solo 6 siti che necessitano dell’intervento del ente pubblico.

Superficie (ha) dei siti presenti nell’Anagrafe dei Siti Potenzialmente Contaminati al 31/05/2018, suddivisi per Provincia

ha_siti_contaminati_2018.JPG

Clicca sul grafico per scaricare il file dati

La superficie totale interessata è pari a 1.744 ha (17.445.814 mq) pari a meno dello 0,1% della superficie regionale; di questa superficie circa 399 ha (3.997.507 mq) interessa siti che hanno raggiunto la conclusione dell’iter di bonifica pari a circa il 23% della superficie totale. La provincia con la maggior superficie interessata da procedimenti di bonifica è Venezia con poco meno di 400 ha seguita da Verona con 382 ha e Padova (262 ha). Anche in termini di superficie Belluno si conferma la provincia con l’area minore (26 ha).

box giallo Rispetto all'anno 2017, sia in termini di numero di siti che di superficie interessata si osserva un modesto incremento in parte dovuto all'inserimento di siti da riconosciuti come contaminati ma non inseriti in Anagrafe; vale la pena segnalare che tale aumento è assolutamente controbilanciato dal numero e dalla superficie dei procedimenti che hanno raggiunto la conclusione dell’iter di bonifica.

Rispetto agli anni precedenti solo per le province di Treviso e Vicenza sono disponibili anche dati sui siti in procedura semplificata che sebbene siano di dimensioni contenute sono numericamente molto più numerosi. A titolo di esempio la provincia di Treviso ha 130 siti in procedura ordinaria e 384 in procedura semplificata; i siti in procedura semplificata in genere hanno un iter più rapido e infatti, dei 384 siti censiti, ben 343, quasi il 90%, hanno raggiunto la conclusione dell’iter e quindi non risultano più contaminati. Per i siti in procedura ordinaria in provincia di Treviso, la percentuale di quelli che hanno raggiunto la conclusione dell’iter è solo del 35%.

L’aggiornamento dell’indicatore con i dati dell’anno 2018 è previsto per maggio 2019.

 

licenzalicenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

Metadati
Data ultimo aggiornamento 31/5/2018
Fonte dei dati ARPAV/Regione Veneto
Fonte dell'indicatore ARPAV
Sorgente digitale dei dati Anagrafe regionale dei Siti Contaminati
Scopo Conoscenza della numerosità ed estensione dei siti contaminati
Unità di misura Numero di siti
Metodo di elaborazione Suddivisione dei siti per provincia
Riferimento normativo D.Lgs. 152/2006, Titolo V
Valore di riferimento
Periodicità di rilevamento dei dati continua
Periodicità di rilevamento dell'indicatore annuale
Periodicità di riferimento dal 31/5/2013 - al 31/5/2018
Unità elementare di rilevazione sito
Livello minimo geografico Comunale
Copertura geografica regione
Aspetti da migliorare
Link utili
DPSIR
  • D - Determinante
  • P - Pressione
  • S - Stato
  • I - Impatto
  • R - Risposta
Stato attuale
  • Positivo
  • Intermedio o incerto
  • Negativo
Trend della risorsa
  • In miglioramento
  • Stabile o incerto
  • In peggioramento
Siti potenzialmente contaminati

Mappa dei siti potenzialmente contaminati

Versioni anni precedenti

2013

2017