Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Temi ambientali Alimenti Fattori di rischio Micotossine

Micotossine

Cosa sono

Le micotossine sono sostanze tossiche prodotte da funghi microscopici filamentosi o muffe (aspergillus, penicillium, fusarium); il nome combina la parola greca “mykes” (fungo) e la parola latina “toxicum” (veleno).
Le micotossine si sviluppano su numerose specie vegetali, in particolare sui cereali, e possono comportare seri rischi alla salute dell’uomo e degli animali.

Le principali micotossine sono:

Aflatossine: prodotte da muffe del genere Aspergillus; sono le micotossine più pericolose per la salute umana ed animale, colpiscono il fegato ed hanno effetti carcinogeni ed immuno-soppressori. Si trovano nel mais e derivati, nelle arachidi, nel latte e derivati. Questi tipi di tossina sono molto resistenti ai trattamenti termici.

Fumonisine: prodotte da muffe del genere Fusarium; sono carcerogene e quindi pericolose per la salute umana; nei bovini, inoltre, sono responsabili di danni a fegato e reni e causa di ridotte funzioni immunitarie. Si trovano soprattutto nel mais, orzo e altri cereali .

Zearalenone: prodotte da muffe del genere Fusarium; i sintomi associati all’assunzione di queste sostanze sono attività estrogenica, ipofertilità e aborto. Gli alimenti che più facilmente la contengono sono i cereali, in particolare il mais.

Ocratossine: prodotte da muffe Penicillium ed Aspergillus; gli effetti associati a queste sostanze sono epatiti, nefriti e aborti. Sono particolarmente frequenti in climi freschi e temperati; si riscontrano maggiormente nel vino ma anche in cereali, arachidi e legumi e sono sempre dovute a cattive condizioni di stoccaggio di tali alimenti.

Tossina T2: prodotta da muffe del genere Fusarium; i sintomi associati sono una ridotta ingestione, gastroenteriti ulcerative, emorragie intestinali, infezioni. Gli alimenti che più facilmente la contengono sono mais, orzo e altri cereali.

Azioni sul documento

ultima modifica 06/03/2010 12:18