Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Temi ambientali Climatologia Dati Autunno 2004

Autunno 2004

Non è raro che l'autunno, in quanto stagione di transizione, presenti fasi più calde o più fredde del normale. Come si osserva dalle analisi mensili degli autunni dal 2001 (on-line per confronto su questo sito), c'è sempre un periodo, generalmente ad ottobre o novembre, che si discosta significativamente dall'andamento medio stagionale, più frequentemente in termini di fasi più calde. Anche l'autunno 2004 presenta una fase molto calda tra fine ottobre e prima decade di novembre, dove si superano diversi valori record sia del trentennio storico che degli ultimi 12 anni. Da un punto di vista pluviometrico il trimestre risulta più piovoso della norma (1961-'90), mentre, se confrontato con l'andamento degli ultimi anni, le provincie occidentali risultano più piovose, quelle orientali meno piovose. In generale, il mese meno piovoso per le provincie di pianura risulta ottobre.

 

Il presente documento si articola in due sezioni:

 

(Analisi meteo-climatica primavera 2003/2004)

Analisi dell'autunno 2004: caratterizzazione termo-pluviometrica

I primi due mesi sono il risultato dell'alternarsi di fasi instabili e stabili, con le prime nebbie in pianura. Novembre inizia all'insegna del sole e con temperature molto miti per il periodo, interrotte già nella seconda settimana e specie dal 9 quando il clima diventa rigido e ventoso, con precipitazioni diffuse, nevose in montagna a quote medio-basse. La seconda metà del mese risulta molto più stabile, con temperature in prevalenza sotto la media, specie nei valori minimi.

Si veda il dettaglio mensile:

 

Dati climatologici provinciali di temperatura e precipitazione

Il confronto è effettuato rispetto a due periodi di riferimento: 1961-'90 (M1) e 1992-2003 (M2)

Temperature minime, massime e medie nei capoluoghi di provincia

mesemassime [TAB1]minime [TAB1]massime assolute [fig Tx]minime assolute [fig Tn]
settembre generalmente in media o leggermente superiori generalmente in media o leggermente superiori sotto i valori medi risultano superiori ai riferimenti storici, anche se nei mesi di settembre e novembre sono solo leggermente superiori; significativo risulta lo scarto delle minime assolute nel mese di ottobre, di 5-8°C rispetto ad entrambi i periodi di riferimento. Si sottolinea, inoltre, che i minimi assoluti del mese di ottobre sono raggiunti nella seconda decade del mese, mentre risultano generalmente superiori a 10°C nella prima e nella terza decade
ottobre generalmente in media sensibilmente superiori alle medie (2-4°C) sotto i valori medi
novembre superiori alle medie di 1-3°C generalmente entro le medie sopra le medie (1-3°C), dato il mese atipicamente caratterizzato da lunghi periodi soleggiati

L'autunno 2004, quindi, da un punto di vista termico risulta generalmente più caldo del normale, specie nei mesi di ottobre-novembre, come visibile anche dai grafici di confronto termico tra le temperature provinciali registrate nei mesi di settembre-novembre 2004 e la media dell'ultimo decennio (fig3, fig4, fig5). In particolare, risultano più calde del normale le notti di tutto il trimestre, specie quelle di ottobre, solo a novembre anche le ore centrali.

 

Giorni piovosi stagionali e precipitazioni mensili sul Veneto (numerosità nel periodo di rilevamento) [TAB2]

meseprecipitazione mensile [istogramma]precipitazione stagionale [istogramma]giorni piovosi stagionali [istogramma]
settembre generalmente superiore a M1, inferiore a M2, salvo a Padova e Vicenza generalmente inferiore alle medie nelle provincie orientali (Treviso e Venezia), leggermente superiore o uguale in quelle centro-occidentali generalmente inferiori a M2, per lo più superiori o uguali, a parte Venezia, rispetto M1
ottobre a Belluno la precipitazione risulta superiore ad entrambe le medie, mentre nelle altre stazioni i valori risultano inferiori a M2, confrontabili con M1
novembre a parte Belluno per cui non sono disponibili tutti i dati*, le stazioni di Treviso e Venezia mostrano valori inferiori ad entrambe le medie, le restanti superiori e, per Verona e Rovigo, quasi dopp

In definitiva, quindi, l'autunno 2004, presenta degli apporti pluviometrici superiori ad entrambe le medie considerate per le provincie di Vicenza, Verona e Rovigo, superiori alla media del trentennio storico e attorno alla media degli ultimi anni a Padova, attorno alla media del trentennio storico e inferiori a quella dell'ultimo periodo a Venezia e Treviso. I grafici di differenza pluviometrica provinciale mensile (fig9, fig10, fig11) tra i dati dell'autunno 2004 e i dati medi del periodo 1992-2003 mettono in luce (a parte per Belluno), infatti, valori sempre negativi (deficit) per le provincie di Venezia e Treviso, negativi nei primi due mesi del trimestre a Verona e Rovigo, positivi nel primo e terzo mese a Padova e Vicenza. Dai grafici, inoltre, si nota che il mese meno piovoso per le provincie di pianura è stato ottobre.

 

*Precisazioni: per l'analisi dei dati provinciali precedente, relativamente al mese di novembre 2004, i dati rilevati dalla stazione di Belluno viale Europa utilizzata finora come riferimento, sono solo parzialmente disponibili perché la stazione è stata dismessa nella prima decade del mese e sostituita dalla stazione di Belluno aeroporto. Per motivi di continuità del dato e di omogeneità del confronto con gli anni precedenti si è ritenuto più opportuno riportare la notazione dato mancante (d.m.). A partire dalle prossime analisi molto probabilmente verranno riportati i dati della stazione di Belluno aeroporto. Ci scusiamo per la parziale mancanza di informazione. Per questo motivo si è ritenuto altresì opportuno riportare la mappa delle anomalie di precipitazione di novembre su tutta la regione (fig12) per poter comunque avere un'idea di ciò che è accaduto nel bellunese.

Azioni sul documento

ultima modifica 23/11/2010 13:11