Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Indicatori Ambientali Storico Agenti fisici Radiazioni non ionizzanti Numero e localizzazione delle Stazioni Radio Base (SRB) - agg. 31/12/2014
Indicatore Obiettivo DPSIR Stato attuale indicatore Trend della risorsa
Numero e localizzazione delle Stazioni Radio Base (SRB) - agg. 31/12/2014 Qual è la concentrazione di SRB sul territorio? PS

DESCRIZIONE

Negli ultimi anni si è registrato in tutta la Regione un rapido incremento degli impianti di telefonia mobile, passati da meno di 900 nel 2000 a oltre 5600 al 31/12/2014. I fattori alla base di ciò sono molteplici, dalla diffusione sempre maggiore dei telefoni cellulari all’introduzione di nuove tecnologie, come l’UMTS prima e LTE ora, che offrendo sempre più servizi ed una sempre più elevata velocità di traffico dati, necessitano, per garantire la copertura del segnale, di un numero maggiore di impianti. Di certo non trascurabile è anche l’aumento del numero degli operatori, passati da uno ai quattro attuali (Tim, Vodafone, Wind e H3G).
Nel corso del 2014, si è registrato un trend di lieve crescita per i sistemi DCS, GSM e UMTS, mentre è aumentata notevolmente la diffusione della tecnologia LTE, che è passata da circa 60 installazioni attive nel 2012 alle attuali 1500.
Nel territorio veneto si trovano (al 31/12/2014) 7282 impianti censiti, di cui 5689 effettivamente attivi e 1593 previsti ma non ancora operativi. Rispetto al 2013, il numero complessivo dei siti attivi è aumentato di poco (da 5454 a 5689), perché sempre minore è il numero di nuovi impianti (ormai la rete di tutti gli operatori si può considerare definita), e invece sempre maggiore è il numero di riconfigurazioni degli impianti esistenti, per l’aggiunta delle nuove tecnologie sopra citate.
Le valutazioni previsionali, eseguite da ARPAV ai sensi del D.Lgs. 259/2003 per il rilascio dell’autorizzazione all'installazione e alla riconfigurazione degli impianti, garantiscono che presso gli edifici l’intensità del campo elettrico sia inferiore alla soglia di 6 V/m, valore di attenzione e obiettivo di qualità stabilito dalla normativa (DPCM 8/7/2003) e che in tutto il territorio circostante l’impianto, sia rispettato il livello di esposizione di 20 V/m (DPCM 8/7/2003).

OBIETTIVO

Non è stato identificato un valore soglia per la valutazione dello stato attuale dell'indicatore.

VALUTAZIONE

Numero di Stazioni Radio Base attive in Veneto dal 2003 al 2014

srb_attive_trend_2003_2014.jpg

box giallo Il trend della risorsa è in peggioramento: l’aumento del numero di stazioni radio base e l’aumento delle tecnologie implementate su ogni impianto, fa sì che i valori di campo elettrico calcolati e misurati da ARPAV, risultino superiori agli anni precedenti, pur mantenendosi al di sotto delle soglie previste dalla normativa vigente.

Mappa SRB Veneto - anno 2014

ico_impianti_attivi_2014.jpeg

 

L’aggiornamento dell’indicatore al 2015 sarà pubblicato entro febbraio 2016.

 

licenzalicenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

Metadati
Data ultimo aggiornamento 27/3/2015
Fonte dei dati ARPAV
Fonte dell'indicatore ARPAV
Sorgente digitale dei dati
Scopo
Unità di misura Numero
Metodo di elaborazione
Riferimento normativo LQ 36/2001; DPCM 8/7/2003; D. Lgs. 259/03
Valore di riferimento
Periodicità di rilevamento dei dati continua
Periodicità di rilevamento dell'indicatore annuale
Periodicità di riferimento dal 1/1/2000 - al 31/12/2014
Unità elementare di rilevazione stazione radio base
Livello minimo geografico Provinciale
Copertura geografica regione
Aspetti da migliorare
Link utili
DPSIR
  • D - Determinante
  • P - Pressione
  • S - Stato
  • I - Impatto
  • R - Risposta
Stato attuale
  • Positivo
  • Intermedio o incerto
  • Negativo
Trend della risorsa
  • In miglioramento
  • Stabile o incerto
  • In peggioramento