Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Indicatori Ambientali Storico Idrosfera Qualità dei corpi idrici Indice trofico per le acque marino costiere (TRIX)
Indicatore Obiettivo DPSIR Stato attuale indicatore Trend della risorsa
Indice trofico per le acque marino costiere (TRIX) Le acque marine costiere hanno un livello trofico accettabile? S

L'indice di stato trofico, denominato di seguito TRIX, è individuato dal D.Lgs. 152/99 e s.m.i. per definire lo stato di qualità delle acque marino costiere. Il suo valore numerico è dato da una combinazione di quattro variabili (Ossigeno disciolto, Clorofilla "a", Fosforo totale e Azoto inorganico disciolto), indicative delle principali componenti che caratterizzano la produzione primaria degli ecosistemi marini (nutrienti e biomassa fitoplanctonica), ed è stato messo a punto per esprimere le condizioni di trofia e del livello di produttività delle aree costiere. I valori di TRIX sono raggruppati in 4 fasce, alle quali corrispondono 4 diverse classi di qualità rispetto alle condizioni di trofia e, quindi, allo stato ambientale dell'ambiente marino costiero (Scala Trofica). In questo modo è possibile misurare i livelli trofici in termini rigorosamente quantitativi, nonché confrontare differenti sistemi costieri, caratterizzando così tutto lo sviluppo costiero italiano, e più in generale, della regione mediterranea.

Attualmente la classificazione delle acque marine costiere viene fatta esclusivamente in base a questo indice, anche se non è esaustivo della complessità ecosistemica. Non riferisce, per esempio, della biodiversità, della disponibilità delle risorse ittiche o dell’inquinamento chimico e fisico. Inoltre, essendo calcolato su variabili specifiche della sola matrice acquosa, non può essere applicato per fare valutazioni complessive della qualità delle aree costiere, che comprendano anche i sedimenti marini e il biota.

Ai sensi dell’Art. 5 del D.Lgs. 152/99 al fine di assicurare entro il 31/12/2016 il raggiungimento dell’obiettivo di qualità ambientale corrispondente allo stato “BUONO” (per le acque marine corrisponde a valori di indice trofico inferiori a 5), entro il 31 dicembre 2008 ogni corpo idrico superficiale deve conseguire almeno i requisiti di stato “SUFFICIENTE”.

La graduale riduzione dei valori di TRIX è conseguente essenzialmente a un calo dei carichi di azoto e fosforo che arrivano in mare trasportati dai fiumi; si ricorda, inoltre, che nel periodo 2003-2006 non si sono mai verificate situazioni di eutrofizzazione, ma solo in sporadiche occasioni si è assistito, in aree prossime alle foci, a eventi limitati di fioriture algali di breve durata, prive di conseguenze per il biota presente.

Le distribuzioni spaziali dei valori medi annui di TRIX per il 2006 evidenziano che lo stato trofico nelle aree costiere del Veneto sia mediamente più che soddisfacente. Infatti, lo stato è prevalentemente buono a nord, in alcuni punti addirittura elevato, mentre spostandosi progressivamente verso sud prevale, seppure di poco, lo stato mediocre anche se non mancano punti con stato buono.

Analisi del TRIX per stazione e per classe di qualità
Valori medi annui dell’indice di stato trofico (TRIX) per ciascuna stazione e lungo l’intero transetto e percentuale dei campioni analizzati attribuiti alle quattro classi di qualità individuate sulla base dell’indice trofico TRIX, dal 2003 al 2006.
Idr_tab1_fig1.xls
Qualità delle acque marino-costiere nell’anno 2006 espressa con i valori di TRIX.
Metadati
Data ultimo aggiornamento 30/9/2007
Fonte dei dati Regione del Veneto; ARPAV
Fonte dell'indicatore ARPAV
Sorgente digitale dei dati
Scopo
Unità di misura Numero (n.); 4 classi di qualità
Metodo di elaborazione
Riferimento normativo D. Lgs. 152/99; D. Lgs. 258/00; D.M. 198/02; D.M. 152/03; Direttiva 2000/60/CE; Piano di Tutela delle Acque del Veneto
Valore di riferimento
Periodicità di rilevamento dei dati campionamenti: quindicinale/mensile
Periodicità di rilevamento dell'indicatore annuale
Periodicità di riferimento dal 1/1/2003 - al 31/12/2006
Unità elementare di rilevazione otto transetti dislocati lungo la costa veneta, ciascuno con tre stazioni poste a diversa distanza dalla costa,
Livello minimo geografico Puntuale
Copertura geografica Costa veneta da Punta Tagliamento a Po di Pila
Aspetti da migliorare
Link utili
DPSIR
  • D - Determinante
  • P - Pressione
  • S - Stato
  • I - Impatto
  • R - Risposta
Stato attuale
  • Positivo
  • Intermedio o incerto
  • Negativo
Trend della risorsa
  • In miglioramento
  • Stabile o incerto
  • In peggioramento