Strumenti personali
Tu sei qui: Portale ARPAVinforma Indicatori Ambientali Storico Clima e rischi naturali Clima Precipitazione annua - agg. 31/12/2018
Indicatore Obiettivo DPSIR Stato attuale indicatore Trend della risorsa
Precipitazione annua - agg. 31/12/2018 Qual è stata la piovosità nelle varie aree? S

DESCRIZIONE

La precipitazione cumulata nell’anno, e nei mesi dell’anno, costituisce una variabile meteorologica e climatologica basilare, necessaria per l’analisi dei processi idrologici ed idraulici e per le valutazioni relative alla disponibilità delle risorse idriche.
I dati di precipitazione annuale sono la somma, espressa in millimetri, delle rilevazioni della pioggia caduta, o dell’equivalente in acqua della neve caduta, effettuate dai pluviometri nel corso dell’anno. Sul Veneto sono operativi 160 pluviometri automatici in telemisura che acquisiscono un dato di precipitazione ogni 5 minuti.
Per ottenere informazioni di sintesi, i dati pluviometrici mensili puntuali sono stati interpolati utilizzando la tecnica del “ordinary kriging”, stimando successivamente i m3 di precipitazione caduti su superfici di 1 km2 aggregate successivamente per bacino idrografico e per l’intero territorio regionale ed infine ritrasformando il dato da m3 a mm.
I riferimenti statistici sono relativi agli anni del periodo 1992-2017 di funzionamento della rete di rilevamento con copertura dell’intero territorio regionale.

OBIETTIVO

Per questo indicatore non è possibile definire un valore obiettivo, ma è possibile confrontare i dati dell'anno con la media nel lungo periodo (1992-2017).

VALUTAZIONE

faccina gialla Nel corso dell’anno 2018 si stima che siano mediamente caduti sulla Regione 1.200 mm di precipitazione, la precipitazione media annuale riferita al periodo 1992-2017 è di 1.098 mm: gli apporti meteorici annuali sul territorio regionale sono stati stimati in circa 22.140 milioni di m3 di acqua e risultano superiori alla media del 9%.

 

Clicca sulle immagini per scaricare i dati e visualizzare meglio la mappa


Gli apporti annuali del 2018 risultano essere superiori alla media di riferimento.
I massimi apporti annuali sono stati registrati dalle stazioni pluviometriche prossime a Recoaro, in provincia di Vicenza (Rifugio La Guardia con 2919 mm, Turcati con 2867 mm, Valli del Pasubio con 2576 mm, Passo Xomo con 2570 mm, Recoaro Mille con 2502 mm), del Monte Grappa (Valpore - Comune di Seren del Grappa - BL con 2400 mm) e del Cansiglio con 2280 mm.
Le minime precipitazioni annuali si sono verificate, come di consueto, nel Polesine (663 mm a Frassinelle Polesine, 630 mm a Rosolina e 620 mm a Porto Tolle).

box giallo Dall’analisi della carta delle differenze di precipitazione annua rispetto alla media 1992-2017 si evince che le precipitazioni sono state superiori alla norma quasi ovunque soprattutto nella parte nord occidentale della regione: nella zona di Recoaro e nella parte a nord della provincia di Belluno dove sono caduti oltre 300 mm di pioggia (con punte superiori ai 500 mm) in più (circa il 20 30% in più) rispetto alla media.

Nella parte orientale della regione, invece, e cioè in gran parte delle province di Treviso e di Venezia e nel basso Polesine le precipitazioni sono state anche oltre 100 mm inferiori alla norma.

 

clicca sulle immagini per visualizzare meglio le mappe

Confrontando l’andamento delle precipitazioni mensili del 2018 con le precipitazioni medie mensili del periodo 1993-2017 si rileva che, effettuando una media su tutto il territorio regionale, gli apporti risultano:

  • nettamente inferiori alla media in aprile (-22%), settembre (-28%) e dicembre (-77%);
  • nettamente superiori alla media in marzo (+105%), maggio (+23%), luglio (+35%), agosto (+26) e ottobre (+74%);
  • vicino o nella media in gennaio (-13%), febbraio (-7%), giugno e novembre (-10%).

 

stima_precipitazioni_mensili_mm_2018_vs_media_1993_2017.JPG

Precipitazioni mensili confrontate con le medie mensili del periodo 1993 - 2017

Clicca sull'immagine per scaricare il file dati

licenzalicenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.

L’aggiornamento dell’indicatore con i dati dell’anno 2019 è previsto per settembre 2020.

Metadati
Data ultimo aggiornamento 16/10/2019
Fonte dei dati ARPAV - Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio
Fonte dell'indicatore ARPAV - Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio
Sorgente digitale dei dati SIRAV
Scopo
Unità di misura millimetri
Metodo di elaborazione I dati pluviometrici mensili puntuali sono stati interpolati utilizzando la tecnica del “ordinary kriging”, stimando successivamente i m3 di precipitazione caduti su superfici di 1 km2 aggregate successivamente per bacino idrografico e per l’intero territorio regionale ed infine ritrasformando il dato da m3 a mm. I riferimenti statistici ai 25 anni del periodo 1993 2017 di funzionamento della rete di rilevamento con copertura dell’intero territorio regionale.
Riferimento normativo
Valore di riferimento periodo (1992-2017)
Periodicità di rilevamento dei dati giornaliera
Periodicità di rilevamento dell'indicatore annuale
Periodicità di riferimento dal 1/1/1993 - al 31/12/2018
Unità elementare di rilevazione stazione di monitoraggio
Livello minimo geografico Puntuale
Copertura geografica regione
Aspetti da migliorare
Link utili http://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/meteo/riferimenti/pubblicazioni
DPSIR
  • D - Determinante
  • P - Pressione
  • S - Stato
  • I - Impatto
  • R - Risposta
Stato attuale
  • Positivo
  • Intermedio o incerto
  • Negativo
Trend della risorsa
  • In miglioramento
  • Stabile o incerto
  • In peggioramento